Dopo il Kazakistan, l'era della rivoluzione colorata è finita

Dopo il Kazakistan, l'era della rivoluzione colorata è finita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar - The Cradle

L'anno 2022 è iniziato con il Kazakistan in fiamme, un grave attacco contro uno degli hub chiave dell'integrazione eurasiatica. Stiamo solo iniziando a capire cosa e come sia successo.

Lunedì mattina, i leader dell'Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO) hanno tenuto una sessione straordinaria per discutere del Kazakistan.

Il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev lo ha inquadrato in modo succinto. Le rivolte erano "nascoste dietro proteste non pianificate". L'obiettivo era "prendere il potere" - un tentativo di colpo di stato. Le azioni sono state "coordinate da un unico centro". E "militari stranieri sono stati coinvolti nelle rivolte".

Il presidente russo Vladimir Putin è andato oltre: durante le rivolte, "sono state utilizzate le tecnologie Maidan", un riferimento alla piazza ucraina dove le proteste del 2013 hanno spodestato un governo ostile alla NATO.

Difendendo il pronto intervento delle forze di pace della CSTO in Kazakistan, Putin ha affermato che "era necessario reagire senza indugio". Il CSTO resterà sul campo "per tutto il tempo necessario", ma dopo che la missione sarà portata a termine, "ovviamente, l'intero contingente sarà ritirato dal Paese". Le forze armate dovrebbero uscire entro la fine della settimana.

Ma ecco il fattore decisivo: "I paesi CSTO hanno dimostrato che non permetteranno che il caos e le 'rivoluzioni colorate' siano attuate all'interno dei loro confini".

Putin era in sintonia con il segretario di Stato kazako Erlan Karin, che è stato il primo, a verbale, ad applicare la terminologia corretta agli eventi nel suo paese: quello che è successo è stato un "attacco terroristico ibrido", da parte di forze sia interne che esterne, volto a rovesciare il governo.

L'intricata rete ibrida

Praticamente nessuno lo sa. Ma lo scorso dicembre, un altro colpo di stato è stato discretamente sventato nella capitale del Kirghizistan, Bishkek. Fonti di intelligence del Kirghizistan lo attribuiscono a un'ondata di ONG legate alla Gran Bretagna e alla Turchia.

Ciò introduce un aspetto assolutamente chiave di The Big Picture: le informazioni legate alla NATO e le loro risorse potrebbero aver preparato un'offensiva di rivoluzione colorata simultanea in tutta l'Asia centrale.

Durante i miei viaggi in Asia centrale alla fine del 2019, prima del Covid, è stato chiaro come le ONG occidentali - Fronti di guerra ibrida - siano rimaste estremamente potenti sia in Kirghizistan che in Kazakistan.

Eppure, sono solo un nesso in una nebulosa occidentale della nebbia della Guerra Ibrida dispiegata in tutta l'Asia centrale e in Asia occidentale per quella materia. Qui vediamo la CIA e il Deep State degli Stati Uniti che attraversano l'MI6 e diversi filoni di informazioni turche.

Quando il presidente Tokayev si riferiva in codice a un "centro unico", intendeva una sala operativa finora "segreta" di informazioni militari USA-Turco-Israele con sede nel centro commerciale meridionale di Almaty, secondo una fonte di informazioni dell'Asia centrale altamente classificata.

In questo “centro” c'erano 22 americani, 16 turchi e 6 israeliani che coordinavano bande di sabotaggio – addestrate in Asia occidentale dai turchi – e poi allineate ad Almaty.

L'operazione iniziò a districarsi definitivamente quando le forze kazake, con l'aiuto delle informazioni russe/CSTO, ripresero il controllo dell'aeroporto vandalizzato di Almaty, che avrebbe dovuto essere trasformato in un hub per ricevere rifornimenti militari stranieri.

L'ovest della guerra ibrida doveva essere sbalordito e livido di come il CSTO intercettò l'operazione kazaka a una velocità così fulminea. L'elemento chiave è che il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo, Nikolai Patrushev, ha visto il quadro generale giorni fa.

Quindi, non è un mistero il motivo per cui le forze aerospaziali e aerotrasportate della Russia, oltre alla massiccia infrastruttura di supporto necessaria, fossero praticamente pronte a partire.

A novembre, il laser di Patrushev era già concentrato sulla degradante situazione della sicurezza in Afghanistan. Il politologo tagiko Parviz Mullojanov è stato tra i pochissimi a sottolineare che c'erano ben 8.000 mezzi salafiti-jihadisti della macchina imperiale, spediti da una linea di topi dalla Siria e dall'Iraq, che vagavano nelle terre selvagge dell'Afghanistan settentrionale.

Questa è la maggior parte dell'ISIS-Khorasan – o ISIS ricostituito vicino ai confini del Turkmenistan. Alcuni di loro sono stati debitamente trasportati in Kirghizistan. Da lì, è stato molto facile attraversare il confine da Bishek e presentarsi ad Almaty.

Non ci volle tempo perché Patrushev e la sua squadra capissero, dopo la ritirata imperiale da Kabul, come sarebbe stato utilizzato questo esercito di riserva jihadista: lungo il confine di 7.500 km tra la Russia e gli 'stans' dell'Asia centrale.

Ciò spiega, tra le altre cose, un numero record di esercitazioni di preparazione condotte alla fine del 2021 presso la 210a base militare russa in Tagikistan.

James Bond parla turco

Il crollo della disordinata operazione kazaka inizia necessariamente con i soliti sospetti: lo Stato profondo degli Stati Uniti, che ha quasi "cantato" la sua strategia in un rapporto della società RAND del 2019, Extending Russia . Il capitolo 4, sulle "misure geopolitiche", descrive in dettaglio tutto, dal "fornire aiuti letali all'Ucraina", "promuovere il cambio di regime in Bielorussia" e "aumentare il sostegno ai ribelli siriani" - tutti i principali fallimenti - alla "riduzione dell'influenza russa in Asia centrale. "

Questo era il concetto principale. L'attuazione è caduta sul collegamento MI6-Turk.

La CIA e l'MI6 stavano investendo in strutture rischiose in Asia centrale almeno dal 2005, quando incoraggiarono il Movimento islamico dell'Uzbekistan (Imu), allora vicino ai talebani, a devastare il Kirghizistan meridionale. Non è successo niente.

Era una storia completamente diversa nel maggio 2021, quando Jonathan Powell dell'MI6 ha incontrato la leadership di Jabhat al-Nusra – che ospita molti jihadisti dell'Asia centrale – da qualche parte al confine turco-siriano vicino a Idlib. L'accordo era che questi “ribelli moderati” – nella terminologia statunitense – avrebbero cessato di essere etichettati come “terroristi” fintanto che avrebbero seguito l'agenda anti-russa della NATO.

Questa è stata una delle mosse chiave di preparazione prima della linea di condotta jihadista in Afghanistan, completa con l'espansione dell'Asia centrale.

La genesi dell'offensiva va ricercata nel giugno 2020, quando l'ex ambasciatore in Turchia dal 2014 al 2018, Richard Moore, è stato nominato capo dell'MI6. Moore potrebbe non avere un centimetro della competenza di Kim Philby, ma si adatta al profilo: russofobo rabbioso e una cheerleader della fantasia della Grande Turania, che promuove una confederazione pan-turca di popoli di lingua turca dall'Asia occidentale e dal Caucaso al centro Asia e persino repubbliche russe nel Volga.

L'MI6 è profondamente radicato in tutti gli "stans" tranne l'autarchico Turkmenistan, guidando abilmente l'offensiva pan-turca come veicolo ideale per contrastare Russia e Cina.

Lo stesso Erdogan è stato investito in un'offensiva dura della Grande Turania, soprattutto dopo la creazione del Consiglio turco nel 2009. Fondamentalmente, il prossimo marzo, il vertice del Consiglio della Confederazione degli Stati di lingua turca - la nuova denominazione del Consiglio turco - si svolgerà a Kazakistan. La città del Turkestan, nel Kazakistan meridionale, dovrebbe essere nominata la capitale spirituale del mondo turco.

E qui, il 'mondo turco' entra in uno scontro frontale con il concetto integratore russo di Greater Eurasia Partnership, e anche con la Shanghai Cooperation Organization (SCO) che, soprattutto, non conta la Turchia come membro.

L'ambizione a breve termine di Erdogan sembra inizialmente essere solo commerciale: dopo che l'Azerbaigian ha vinto la guerra del Karabakh, prevede di utilizzare Baku per ottenere l'accesso all'Asia centrale attraverso il Mar Caspio, completo delle complesse vendite industriali-militari della Turchia di tecnologia militare al Kazakistan e all'Uzbekistan .

Le società turche stanno già investendo molto nel settore immobiliare e nelle infrastrutture. E parallelamente, il soft power di Ankara è in overdrive, raccogliendo finalmente i frutti di molte pressioni, ad esempio per accelerare il passaggio in Kazakistan dalla scrittura cirillica all'alfabeto latino, a partire dal 2023.

Eppure sia la Russia che la Cina sono molto consapevoli che la Turchia rappresenta essenzialmente la NATO che entra in Asia centrale.

È tutto molto oscuro. Il neo-ottomanesimo di Erdogan – che arriva con il massiccio sostegno della sua base dei Fratelli Musulmani – essenzialmente non ha nulla a che fare con la spinta pan-turanica, che è un movimento razzista che predica il dominio di turchi relativamente "puri".

Il problema è che stanno convergendo mentre diventano più estremi, con i Lupi Grigi di destra della Turchia profondamente coinvolti. Questo spiega perché le informazioni di Ankara sono sponsor e, in molti casi, armiere sia del franchise ISIS-Khorasan che di quei razzisti Turan, dalla Bosnia allo Xinjiang attraverso l'Asia centrale.

L'Impero trae generosi vantaggi da questa associazione tossica, ad esempio in Armenia. E lo stesso accadrebbe in Kazakistan se l'operazione avesse successo.

Avanti i cavalli di Troia

Ogni rivoluzione del colore ha bisogno di un cavallo di Troia "massimo". Nel nostro caso, quello sembra essere il ruolo dell'ex capo della KNB (Comitato per la sicurezza nazionale) Karim Massimov, ora detenuto in carcere e accusato di tradimento.

Estremamente ambizioso, Massimov è mezzo uiguro e questo, in teoria, ha ostacolato quella che vedeva come la sua preordinata ascesa al potere. Le sue connessioni con le informazioni turche non sono ancora del tutto dettagliate, a differenza della sua intima relazione con Joe Biden e il figlio.

Un ex ministro degli Affari interni e della sicurezza dello Stato, il tenente generale Felix Kulov, ha intrecciato un'affascinante rete intricata che spiega le possibili dinamiche interne del "colpo di stato" integrato nella rivoluzione colorata.

Secondo Kulov, Massimov e Samir Abish, nipote di Nursultan Nazarbayev, presidente del Consiglio di sicurezza kazako recentemente destituito, sono stati fino al collo nella supervisione di unità "segrete" di "uomini barbuti" durante le rivolte. La KNB era direttamente subordinata a Nazarbayev, che fino alla scorsa settimana era il presidente del Consiglio di sicurezza.

Quando Tokayev ha capito i meccanismi del colpo di stato, ha retrocesso sia Massimov che Samat Abish. Quindi Nazarbayev si è dimesso "volontariamente" dalla sua presidenza del Consiglio di sicurezza per tutta la vita. Abish ha quindi ottenuto questo incarico, promettendo di fermare gli "uomini barbuti" e poi di dimettersi.

Quindi questo indicherebbe direttamente uno scontro Nazarbayev-Tokayev. Ha senso perché, durante i suoi 29 anni di governo, Nazarbayev ha giocato a un gioco multi-vettore troppo occidentalizzato e che non ha necessariamente giovato al Kazakistan. Ha adottato le leggi britanniche, ha giocato la carta pan-turca con Erdogan e ha permesso a uno tsunami di ONG di promuovere un'agenda atlantista.

Tokayev è un operatore molto intelligente. Formato dal servizio estero dell'ex Unione Sovietica, fluente in russo e cinese, è totalmente allineato con Russia-Cina, il che significa pienamente sincronizzato con il masterplan di BRI, Eurasia Economic Union e SCO.

Tokayev, proprio come Putin e Xi, comprende come questa triade BRI/EAEU/SCO rappresenti l'ultimo incubo imperiale e come la destabilizzazione del Kazakistan – un attore chiave nella triade – sarebbe un colpo mortale contro l'integrazione eurasiatica.

Il Kazakistan, dopo tutto, rappresenta il 60 per cento del PIL dell'Asia centrale, enormi risorse petrolifere, di gas e minerali, industrie high tech all'avanguardia: una repubblica laica, unitaria e costituzionale che porta un ricco patrimonio culturale.

Non ci volle molto perché Tokayev capisse i meriti di chiamare immediatamente in soccorso la CSTO: il Kazakistan aveva firmato il trattato nel lontano 1994. Dopotutto, Tokayev stava combattendo un colpo di stato a guida straniera contro il suo governo.

Putin, tra gli altri, ha sottolineato come un'indagine ufficiale kazaka sia l'unica autorizzata ad entrare nel vivo della questione.

Non è ancora chiaro esattamente chi – e in che misura – abbia sponsorizzato la folla in rivolta. I motivi abbondano: sabotare un governo filo-russo/cinese, provocare la Russia, sabotare la BRI, saccheggiare le risorse minerarie, dare il turbo a una "islamizzazione" in stile Casa di Saud.

Precipitata solo pochi giorni prima dell'inizio delle “garanzie di sicurezza” Russia-USA a Ginevra, questa rivoluzione colorata ha rappresentato una sorta di contro-ultimatum – in preda alla disperazione – dell'establishment della NATO.

L'Asia centrale, l'Asia occidentale e la stragrande maggioranza del Sud del mondo sono stati testimoni della fulminea risposta eurasiatica delle truppe CSTO – che, dopo aver svolto il loro lavoro, lasceranno il Kazakistan in un paio di giorni – e come questa rivoluzione colorata sia fallito, miseramente.

Potrebbe anche essere l'ultima. Attenti alla rabbia di un impero umiliato.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti