/ Dopo la Turchia anche l'India finisce nel mirino: gli USA minacci...

Dopo la Turchia anche l'India finisce nel mirino: gli USA minacciano sanzioni per l'acquisto dei sistemi missilistici S-400 della Russia

 
 

Gli Stati Uniti hanno avvertito l'India di non acquistare sistemi avanzati di difesa missilistica S-400 di fabbricazione russa, esortando Nuova Delhi a riconsiderare l'acquisto dei sistemi della Russia o ad affrontare il "rischio di sanzioni".

 

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha formulato le osservazioni durante una conferenza stampa, sottolineando che il paese asiatico non è immune alle sanzioni di Washington sull'accordo con Mosca, proprio come la Turchia, sotto minaccia di sanzioni statunitensi per un accordo simile per l’acquisto la stessa piattaforma missilistica.

 

“Non esiste una deroga generale. Il Congresso certamente non lo ha mai progettato né anticipato, né l'amministrazione", ha detto.

 

Il funzionario ha sottolineato che alcuni potrebbero erroneamente pensare che da quando il Congresso ha designato l'attuale status militare indiano diversi anni fa, quindi, Nuova Delhi gode di "una protezione da qualsiasi tipo di sanzioni". Tuttavia, si tratta di un'interpretazione errata, ha sottolineato.

 

L'adozione di misure punitive nei confronti di Nuova Delhi sarebbe stata adottata in linea con il Countering America's Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), legge dal 2017. L'atto, nonostante ciò che suggerisce il nome, è stato in gran parte marchiato da Washington come un avvertimento per gli alleati le nazioni che avviano le trattative con la Russia, ovvero la Turchia e l'India.

 

"Anche se non esiste una deroga generale, non esiste nemmeno un'applicazione coperta. E quindi ciò che intendo è che c'è un'analisi caso per caso su dove le sanzioni CAATSA potrebbero essere applicate. Le sanzioni della CAATSA possono anche comprendere in modo approfondito quanto siano profonde le entità e le persone. E quelle opzioni sono sempre lì", ha aggiunto il funzionario nordamericano.

 

Mosca e Nuova Delhi hanno firmato un accordo intergovernativo sulla vendita di cinque unità dei sistemi di difesa aerea durante il 17° vertice India-Russia nell'ottobre 2016 nella regione costiera indiana di Goa.

 

Durante una visita in India il 5 ottobre 2018, il presidente russo, Vladimir Putin, ha firmato un contratto con il Primo Ministro indiano, Narendra Modi, per consegnare i cinque set di reggimenti dei sistemi S-400 per un valore di 5,43 miliardi di dollari.

 

Nel febbraio dello scorso anno, Mosca ha dichiarato che l'India avrebbe ricevuto "senza ritardi" i sistemi missilistici avanzati e che gli "impegni contrattuali della Russia saranno rispettati".

 

Mosca ha promesso di consegnare il primo sistema missilistico entro la fine del 2020.

 

L'India, da parte sua, ha sottolineato che può fare i propri acquisti di armi in modo indipendente, con il suo ministro degli affari esteri che ha sottolineato lo scorso novembre che Nuova Delhi “non sarà influenzata da altri paesi su ciò che facciamo in termini di sicurezza e difesa nazionale”.

Fonte: Press Tv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa