World Affairs/E se il Coronavirus fosse già presente da decenni?

E se il Coronavirus fosse già presente da decenni?

 
 

E se il nuovo coronavirus Covid-19 che ha provocato l’attuale pandemia mondiale fosse diffuso da anni o addirittura decenni tra gli umani?

 

La domanda sorge spontanea alla lettura di uno studio realizzato da alcuni dei migliori ‘cacciatori di virus al mondo’, secondo quanto scrive il quotidiano South China Morning Post.

 

Ricercatori provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia hanno esaminato dati diffusi da scienziati di tutto il mondo alla ricerca di indizi sul passato evolutivo del virus e hanno scoperto che potrebbe aver fatto il salto dall'animale all'uomo molto prima della rilevazione a Wuhan, popolosa città della Cina. 

 

Sebbene possano esserci altre possibilità, gli scienziati hanno affermato che il coronavirus porta una mutazione unica che riscontrata in sospetti ospiti di animali, ma che probabilmente si sarebbe verificata durante ripetute infezioni a piccoli cluster negli esseri umani.

 

Lo studio, condotto da Kristian Andersen dello Scripps Research Institute in California, Andrew Rambaut dell'Università di Edimburgo in Scozia, Ian Lipkin della Columbia University di New York, Edward Holmes dell'Università di Sydney e Robert Garry della Tulane University di New Orleans, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature Medicine il 17 marzo.

 

Il dottor Francis Collins, direttore del National Institute of Health degli Stati Uniti, che non era coinvolto nella ricerca, ha affermato che lo studio ha suggerito un possibile scenario in cui il coronavirus ha compiuto il balzo dagli animali agli umani prima che diventasse capace di causare malattie nelle persone. 

 

"Quindi, a seguito di cambiamenti evolutivi graduali nel corso di anni o forse decenni, il virus alla fine ha acquisito la capacità di diffondersi da uomo a uomo e causare malattie gravi, spesso pericolose per la vita", ha scritto in un articolo pubblicato sul sito web dell'istituto.

 

A dicembre, i medici di Wuhan hanno iniziato a notare un aumento del numero di persone che soffrivano di una polmonite misteriosa. I test per l'influenza e altri agenti patogeni sono risultati negativi. Un ceppo sconosciuto fu isolato e un gruppo dell'Istituto di virologia di Wuhan guidato da Shi Zhengli rintracciò la sua origine in un virus di pipistrello trovato in una grotta di montagna vicino al confine tra Cina e Myanmar.

 

I due virus condividevano oltre il 96% dei loro geni, ma il virus del pipistrello non poteva infettare l'uomo. Mancava una proteina per legarsi con i recettori nelle cellule umane.

 

I coronavirus con una simile proteina spike sono stati successivamente scoperti nei pangolini malesi da team separati di Guangzhou e Hong Kong, il che ha portato alcuni ricercatori a credere che si fosse verificata una ricombinazione di genomi tra i virus del pipistrello e del pangolino.

 

Ma il nuovo ceppo, o SARS-Cov-2, ha una mutazione nei suoi geni conosciuta come sito di scissione polibasico non riscontrato in alcun coronavirus trovato in pipistrelli o pangolini, secondo Andersen e i suoi colleghi.

 

Questa mutazione, secondo studi separati di ricercatori provenienti da Cina, Francia e Stati Uniti, potrebbe produrre una struttura unica nella proteina spike del virus per interagire con la furina, un enzima ampiamente distribuito nel corpo umano. Ciò potrebbe quindi innescare una fusione dell'involucro virale e della membrana cellulare umana quando entrano in contatto tra loro.

Alcuni virus umani tra cui HIV ed Ebola hanno lo stesso sito di scissione simile alla furina, il che li rende contagiosi.

 

È possibile che la mutazione del virus sia avvenuta naturalmente sugli ospiti animali.

 

"È possibile che un progenitore di SARS-CoV-2 sia saltato nell'uomo, acquisendo le caratteristiche genomiche sopra descritte attraverso l'adattamento durante la trasmissione da uomo a uomo non rilevata”. si legge nello studio. 

 

"Una volta acquisiti, questi adattamenti consentirebbero alla pandemia di decollare e produrre un gruppo di casi sufficientemente ampio da innescare il sistema di sorveglianza che lo ha rilevato”.

Hanno anche affermato che i più potenti modelli di computer basati sulle attuali conoscenze sul coronavirus non sono in grado di generare una struttura proteica spike così strana ma altamente efficiente da legare con le cellule ospiti.

 

Lo studio, inoltre, ha significativamente ridotto, se non escluso, la possibilità di un'origine di laboratorio, afferma Collins.

"In effetti, qualsiasi bioingegnere che cercasse di progettare un coronavirus che minacci la salute umana probabilmente non avrebbe mai scelto questa particolare conformazione per una proteina di spike”. 

 

Le scoperte degli scienziati occidentali concordano con quanto affermato dall’epidemiologo cinese Zhong Nashan, consigliere del governo di Pechino per il contenimento delle epidemia. Lo scienziato cinese in numerose occasioni ha indicato come vi sono prove scientifiche crescenti per suggerire che l'origine del virus potesse non essere stata in Cina.

"La presenza di Covid-19 a Wuhan non significa che abbia avuto origine a Wuhan”, ha affermato la settimana scorsa. 

 

Un medico che lavora in un ospedale pubblico per curare i pazienti di Covid-19 a Pechino ha affermato che lo scorso anno numerosi operatori sanitari in diversi paesi hanno riportato numerosi casi di polmoniti misteriosi.

 

Riesaminare i registri e i campioni di questi pazienti potrebbe rivelare ulteriori indizi sulla storia di questa pandemia in peggioramento, ha detto il medico, che ha chiesto di non essere nominato a causa della sensibilità politica della questione.

"Ci sarà un giorno in cui l'intera questione verrà alla luce”.

 

Una prova ulteriore che va smentire chi si ostina definire il Covid-19 come ‘virus cinese’, oppure insiste rasentando il ridicolo nel voler insinuare che il nuovo coronavirus sia fuoriuscito da un qualche laboratorio segreto in quel di Wuhan in Cina. 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa