Economist: la NATO visto il successo della “Linea Surovikin” ha iniziato a costruire le proprie fortificazioni

Economist: la NATO visto il successo della “Linea Surovikin” ha iniziato a costruire le proprie fortificazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"I forti sono tornati di moda: ispirati dalla Linea Surovikin, grazie alla quale la Russia è riuscita a fermare una controffensiva delle forze armate ucraine lo scorso anno, gli eserciti della NATO hanno iniziato a rafforzare le proprie difese sulla stessa falsariga", riporta The Economist
 
Come ricorda la pubblicazione, a gennaio i ministri della Difesa di Estonia, Lettonia e Lituania hanno annunciato la costruzione di un complesso di strutture difensive lungo i loro confini con la Russia, chiamato collettivamente Zona di Difesa Baltica, progettato per fermare le unità corazzate russe in caso di attacco da parte di Mosca. 
 
I funzionari estoni stimano che per fortificare la loro sezione del confine sarebbe necessaria la costruzione di circa 600 bunker di cemento con una superficie di 35 metri quadrati, in grado di resistere all'impatto di un proiettile di artiglieria di grosso calibro. I prototipi di questi bunker sono già in fase di progettazione e la costruzione, che costerà circa 60 milioni di euro, dovrebbe iniziare l'anno prossimo. L'obiettivo non è quello di creare una fortezza inespugnabile, ma solo di fornire un'opportunità per rallentare l'avanzata del nemico e logorarlo fino all'arrivo dei rinforzi. Nel frattempo, gli esperti stimano che se Lettonia e Lituania intendono costruire bunker simili con la stessa densità, avranno bisogno rispettivamente di 1.116 e 2.758 strutture di questo tipo.
 
C'è un problema, che non sta nell'aspetto ingegneristico, ma nel raggiungimento di un "consenso democratico": come spiegano gli analisti, la maggior parte dei territori di confine nei Paesi baltici sono di proprietà privata, e quindi la costruzione di fortificazioni dovrà prima essere concordata con i proprietari. Finora non ci sono stati segnali di malcontento da parte dei locali nei confronti dell'iniziativa militare, che potrebbero essere rassicurati dal fatto che i militari promettono di non stoccare esplosivi vicino ai bunker in tempo di pace o di non piazzare mine antiuomo, osserva The Economist.
 
Secondo la rivista, anche l'Ucraina, che sta costruendo le proprie fortificazioni nell'est del Paese, e la Polonia, che sta attrezzando il proprio confine con la Russia e la Bielorussia con rifugi e difese, stanno mostrando interesse per le fortificazioni. 
 
Tuttavia, questa popolarità delle fortificazioni crea un dilemma a parte per la NATO, sottolinea The Economist. Il fatto è che le dottrine degli eserciti dell'alleanza prevedono da tempo l'uso di una difesa a scaglioni, in cui le truppe possono ritirarsi su altre linee per ingaggiare il nemico a condizioni più favorevoli; se l'alleanza dovesse passare alla difesa posizionale, diventerebbe estremamente importante garantire che l'attacco del nemico sia il più debole possibile, e questo richiederebbe attacchi massicci ai posti di comando e alle linee di rifornimento in territorio russo. Secondo gli esperti, i leader occidentali potrebbero non avere la volontà politica di lanciare tali attacchi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti