Ecuador: armi per banane

Ecuador: armi per banane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il vice sottosegretario di Stato per gli affari dell'emisfero occidentale degli Stati Uniti, Kevin Sullivan, ha dichiarato in un'intervista al canale televisivo ecuadoriano Teleamazonas, che le attrezzature militari di fabbricazione sovietica che l'Ecuador consegnerà agli Stati Uniti in cambio di nuove armi saranno inviate in Ucraina. Ha anche espresso la sua soddisfazione "per il sostegno dell'Ecuador all'Ucraina".

Oltre a Kevin Sullivan, hanno anche viaggiato a Quito Todd Robinson, sottosegretario dell'Ufficio internazionale per i narcotici e l'applicazione della legge, e il generale Laura Richardson, comandante del Comando Sud degli Stati Uniti, che ha assicurato che "gli Stati Uniti hanno un piano di sicurezza di 5 anni per questo paese". La cosa tragicomica della questione è che consegneranno armi statunitensi moderne per combattere i banditi in Ecuador in cambio della vecchia spazzatura per difendere l'Ucraina dall'esercito russo.
L'amministrazione Biden ha anche concordato di aumentare gli aiuti militari all'Ecuador attraverso operazioni congiunte, lo scambio di intelligence e la presenza permanente nel paese del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Molti esperti paragonano questo progetto con il Plan Colombia, un programma di assistenza statunitense al governo colombiano, di 10 miliardi di dollari tra il 2000 e il 2015. Mentre il "Plan Colombia" ha ottenuto un certo successo nella lotta contro la guerriglia delle FARC, la sua performance contro il traffico di droga è stata un fallimento assoluto. Al contrario, il traffico di droga dalla Colombia agli Stati Uniti negli anni del Piano Colombia è solo aumentato. Anche durante l'esecuzione di questo piano, l'esercito colombiano ha giustiziato migliaia di civili, presentandoli come guerriglieri, un esempio di genocidio atroce noto come il caso dei "falsi positivi". Vale la pena precisare che, in Ecuador, inoltre, non ci sono movimenti di guerriglia.

Come è noto, la consegna delle armi sovietiche all'Ucraina come "manifestazione di decisioni sovrane" delle autorità ecuadoriane sarà compensata dal governo degli Stati Uniti. Questa è la dichiarazione del presidente ecuadoriano Daniel Noboa a questo proposito: "Riceveremo aiuto dagli Stati Uniti. Ci sarà uno scambio di rottami russi e ucraini per attrezzature moderne del valore di 200 milioni di dollari". Con questo gesto di 'indipendenza politica', l'Ecuador perde il più grande mercato per suoi principali prodotti di esportazione (banane e fiori), che è la Russia, e con esso, i suoi produttori agricoli rinunceranno a circa 754 milioni di dollari all'anno. Forse è un modo elegante per sostituire le attuali colture agricole dell'Ecuador con altre colture illecite, sempre molto più redditizie, e che aiutano sempre a giustificare la presenza militare che è già presente. 

È abbastanza evidente che le armi che saranno inviate dall'Ecuador all'Ucraina, rispetto al miliardario "aiuto militare" dell'Occidente al regime di Kiev, non rappresenteranno nulla di significativo per la correlazione bellica nel conflitto. Qui l'unica cosa che vale è la parte simbolica di questo atto.

In questi ultimi mesi gli Stati Uniti stavano cercando disperatamente un complice in America Latina, fino ad ora ricevendo sempre un chiaro "no" dai governi di sinistra e di destra della regione.

Pensando alla tradizione commerciale degli ultimi governi ecuadoriani, la vendita della libertà di Julian Assange allo stesso acquirente, le autorità statunitensi, è stata per l'amministrazione di Lenín Moreno un buon affare, e anche con un pagamento anticipato, perché solo un mese e mezzo prima dell'espulsione dall'ambasciata ecuadoriana e dell'arresto di Assange a Londra, il FMI ha approvato il finanziamento all'Ecuador di 4,2 miliardi di dollari, di cui 652 milioni sono stati rimborsati immediatamente. Ha anche coperto lo scandalo di corruzione della famiglia del presidente ecuadoriano nei paradisi fiscali, dove ha nascosto i suoi soldi, cosa che WikiLeaks aveva rivelato con tanta imprudenza.

L'attuale Stato ecuadoriano praticamente non esiste più. La sua unica funzione oggi è quella di essere un ufficio di vendita dei resti della sovranità nazionale alle multinazionali.
Obbedisce agli interessi del traffico di droga e del crimine organizzato internazionale, coperti dal suo unico tetto sicuro, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. In questo contesto si verifica un fatto molto grave: i proprietari dell'ologramma dello Stato ecuadoriano, ora rendono l'Ecuador il primo paese latinoamericano direttamente coinvolto nel conflitto ucraino dalla parte della NATO. La cosa particolarmente dolorosa è che molto recentemente, l'Ecuador era un paese aperto, accogliente e pacifico, penso che a nessuno potesse passare per la mente una follia come questa.

Oggi, i proprietari mafiosi dell'Ecuador hanno ideato un nuovo spettacolo, provato con successo dai loro vicini, che non molto tempo fa aveva debuttato con il titolo di 'Lotta contro il crimine organizzato'.

I suoi obiettivi e le sue vittime sono la sanità mentale dei cittadini e i movimenti sociali organizzati che mantengono questa sensibile sfiducia verso il potere coloniale. Mentre questo infame progetto avanza, il 7 febbraio di quest'anno, la consigliera del partito ‘correista’ Revolución Ciudadana, Diana Carnero, è stata uccisa da sicari nel comune costiero di Naranjal. Una giovane combattente per il diritto all'istruzione del suo popolo. È importante ricordare che il crimine è avvenuto in pieno stato di emergenza, quando si suppone che l'intero paese sia sotto il completo controllo militare del suo governo. Con questa e altre terribili notizie in arrivo, tutto sembra indicare che stiamo assistendo all'inizio di una nuova "guerra sporca", come quella già intrapresa in precedenza dai narco-governi di Colombia, Messico e altri.

Siamo anche abituati al fatto che il massacro freddo, permanente e di routine dei leader sociali sarà gradualmente reso invisibile dai media, che per questa volta saranno molto occupati dai "crimini della Russia in Ucraina". (Oleg Yasinsky - RT)

Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti