Ecuador: Glas denuncia di aver subito torture

Ecuador: Glas denuncia di aver subito torture

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Glas ha dichiarato di essere stato vittima di tortura.

Ha denunciato il trattameto subito durante l’assalto all’ambasciata messicana a Quito per catturarlo: “Ho aperto la porta, mi hanno puntato le torce in faccia e i fucili addosso. Ero in pigiama e ho chiesto di prendere le mie medicine... Mi hanno preso a calci, a ginocchiate e mi hanno calpestato il collo". Questo la sua testimonianza dal carcere di La Roca durante l'udienza virtuale avviata in merito alla richiesta di habeas corpus presentata dal suo avvocato, Andres Villegas.

Glas ha confermato che gli agenti hanno usato la forza contro il diplomatico messicano Roberto Canseco, che cercava di impedire il loro ingresso nell'ambasciata e la sua cattura. L'ex vicepresidente ha ribadito la sua innocenza rispetto alle accuse e alle precedenti condanne. Ha anche chiesto di essere riportato all'ambasciata messicana dove aveva ricevuto asilo e ha chiesto un salvacondotto.

Inoltre, Glas ha raccontato che uno dei membri della squadra d'assalto gli ha intenzionalmente storto un dito, dicendogli di averlo fatto affinché si ricordi di lui.

Da parte loro, gli avvocati della Polizia e delle Forze Armate hanno negato le accuse di tortura o di trattamenti crudeli durante la detenzione di Glas e hanno chiesto una revisione dei suoi certificati medici.

Per quanto riguarda i video che mostrano Glas sottomesso con violenza, la Polizia ha dichiarato che tale procedura è conforme a quanto stabilito dal Codice sull'uso della forza, che stabilisce che gli agenti possono agire in base alla resistenza del detenuto.

L'avvocato Villegas ha sostenuto che l'arresto dell'ex vicepresidente era improprio, ha chiesto l'annullamento della sua detenzione e il suo ritorno all'ambasciata messicana. Ha inoltre richiesto la presentazione del documento che autorizza la detenzione di Glas.

L'avvocato di Glas ha sostenuto che la detenzione del suo cliente è stata arbitraria, illegale e illegittima, costituendo una violazione del diritto internazionale e dei diritti umani.

L'ex vicepresidente ecuadoriano sospetta che gli agenti che lo hanno trattenuto fossero consapevoli di agire illegalmente, poiché hanno festeggiato la sua cattura affermando che erano già fuori dall'ambasciata e che questo era ciò che contava.

Una volta trasferito nel carcere di La Roca, Glas ha iniziato uno sciopero della fame di tre giorni per protestare contro i maltrattamenti, in quanto non gli sono stati forniti i necessari farmaci antidolorifici ed è rinchiuso in una stanza senza luce 24 ore al giorno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti