Editore francese arrestato a Londra per "terrorismo" in relazione alle manifestazioni contro Macron

Editore francese arrestato a Londra per "terrorismo" in relazione alle manifestazioni contro Macron

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dura condanna di scrittori, sindacati di giornalisti e attivisti contro la polizia metropolitana di Londra per aver interrogato e arrestato un editore francese ai sensi del Terrorism Act del Regno Unito.

Ernest Moret, responsabile delle pubblicazioni estere delle edizioni La Fabrique, si stava recando alla Fiera del libro di Londra quando lunedì sera è stato fermato dagli agenti di polizia.

Editions La Fabrique, in una dichiarazione congiunta con la casa editrice britannica Verso Books, ha raccontato che gli agenti di polizia hanno prelevato Moret per interrogarlo ai sensi dell'Allegato 7 del Terrorism Act dopo il suo arrivo alla stazione ferroviaria di St Pancreas a Londra.

Moret è arrivato a St Pancras alle 19:15 con la collega Stella Magliani-Belkacem, direttrice editoriale della casa editrice parigina, per confrontarsi con i due funzionari.

Magliani-Belkacem ha dichiarato al Guardian: “Quando eravamo sul palco, due persone, una donna e un ragazzo, ci hanno detto che erano poliziotti antiterrorismo. Hanno mostrato un documento chiamato sezione 7 del Terrorism Act del 2000 e hanno affermato di avere il diritto di chiedergli informazioni sulle manifestazioni in Francia."

La legislazione conferisce agli agenti di polizia il potere di fermare, interrogare e trattenere le persone per determinare se siano state coinvolte nella “preparazione o istigazione di atti di terrorismo”, si legge in una dichiarazione della polizia metropolitana. Gli ufficiali di polizia hanno aggiunto che Moret ha preso parte a manifestazioni in Francia contro una controversa riforma delle pensioni, hanno ricordato gli editori nella loro dichiarazione.

La Francia è stata scossa da un'ondata di proteste negli ultimi mesi quando il presidente Emmanuel Macron ha perseguito un disegno di legge ampiamente impopolare che aumenta l'età pensionabile di due anni.

"Gli agenti di polizia hanno affermato che Ernest aveva partecipato a manifestazioni in Francia come giustificazione per questo atto - una dichiarazione piuttosto inappropriata da parte di un agente di polizia britannico e che sembra indicare chiaramente la complicità tra le autorità francesi e britanniche su questa questione", si legge nel comunicato congiunto.

Moret è stato arrestato e trasferito in una stazione di polizia dopo aver omesso di fornire il suo telefono e i codici di accesso agli agenti, hanno precisato gli editori.

"Consideriamo queste azioni violazioni oltraggiose e ingiustificabili dei principi fondamentali della libertà di espressione e un esempio di abuso delle leggi antiterrorismo", hanno lamentato.

La National Union of Journalists (NUJ) del Regno Unito è stata tra le organizzazioni che hanno condannato l'arresto di Moret.

"L'arresto di Ernest Moret è estremamente preoccupante", ha dichiarato Pamela Morton, rappresentante del NUJ. "Sembra straordinario che la polizia britannica abbia agito in questo modo utilizzando la legislazione antiterrorismo per arrestare l'editore che era qui per affari legittimi per la Fiera del libro di Londra".


Il servizio di polizia di Londra non ha fatto il nome di Moret, ma ha evidenziato di aver fermato un uomo di 28 anni ai sensi del Terrorism Act e poi di averlo arrestato "con l'accusa di aver ostacolato intenzionalmente un esame Schedule 7".

Ieri, la polizia ha dichiarato che era stato rilasciato su cauzione, senza fornire ulteriori dettagli, secondo l'agenzia di stampa AFP.


FONTE: AL JAZEERA, GUARDIAN E AGENZIE DI STAMPA

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti