Elezioni in Messico: Morena e alleati ottengono la maggioranza alla Camera dei Deputati

Elezioni in Messico: Morena e alleati ottengono la maggioranza alla Camera dei Deputati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dall’importante giornata elettorale in Messico arriva un segnale importante: la popolarità di Andres Manuel Lopez Obrador e il suo partito Morena è ancora alta come testimoniano i risultati di queste elezioni di metà mandato. Segno che i messicani apprezzano gli sforzi per realizzare il progetto di ‘Quarta Trasformazione’ che intende realizzare il presidente messicano, capace di vincere le elezioni con un partito di recente formazione come il Movimiento de Regeneración Nacional (MORENA), con cui è riuscito a scardinare il tradizionale assetto tripartitico del paese centroamericano. 

Netta è l’affermazione per Morena nell’elezione dei deputati alla camera bassa messicana. Il Movimiento de Regeneración Nacional ottiene tra i 190 e i 203 seggi, secondo le previsioni del conteggio rapido effettuato dall'Istituto nazionale elettorale (INE).

Insieme ai suoi alleati, il PT e il PVEM, otterrebbe così la maggioranza alla Camera dei Deputati con un range che va da 265 a 292 deputati.

La coalizione di destra Va por México, composta da PAN, PRI e PRD, eleggerebbe tra i 181 e 218 rappresentanti, un numero che non consente du raggiungere l'obiettivo di strappare la maggioranza a Morena.

Attualmente i 500 seggi alla Camera dei Deputati sono così distribuiti: Morena ha 253 dopo aver aggiunto i deputati eletti al Congresso con altri partiti, PAN 79, PRI 49, PT 47, MC 25, PES 21, PRD 11, PVEM 11 e 4 sono senza partito, indica il quotidiano La Jornada. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti