Eppure l'alternativa a morire di Mes esiste

Eppure l'alternativa a morire di Mes esiste

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

CON GRANDE PIACERE RIPUBBLICO QUESTA OTTIMA RECENSIONE AL MIO LIBRO "PIANO CONTRO MERCATO" DI PASQUALE NUSCO.

 

VERSIONE CARTACEA

VERSIONE EBOOK

 

"Pasquale Cicalese è un autentico intellettuale del sud. Anzi, poiché è crotonese e risiede a Pontecagnano, a trenta chilometri dai templi greci di Paestum, lo possiamo benissimo definire un intellettuale della Magna Grecia, senza dare, però, a questo appellativo il senso ironico e spregiativo che ne diede l'avvocato Agnelli, riferendosi a De Mita.

Come i grandi meridionalisti del passato, Pasquale ama stare con i suoi "cafoni", e come Benedetto Croce parla in dialetto quando non è impegnato in discussioni teoriche.

È un valente intellettuale, ma non è pedante come un accademico. È un marxista che ha letto Marx, ma non è dogmatico e astruso come quei marxisti che citano Marx un rigo si e e l'altro pure. È un economista di spessore, ma non è un econometrista che ti riempie la testa di formule matematiche con l'evidente scopo di non farti capire niente e di spacciare l'economia come una scienza esatta. Anzi, lui abbina l'economia con la geopolitica, indirizzandoti a vedere i processi che percorrono i rapporti internazionali tra le varie aree geografiche del pianeta. 

In questo suo libro, che si intitola non casualmente "Piano contro mercato" (edito da L'Antidiplomatico),  Cicalese sfata, innanzitutto, una convinzione che si è cristallizzata, a volte per pregiudizi ideologici, nella mente di molte persone: cioè, che la Cina sia ancora e solamente la fabbrica del mondo e che la sua economia sia orientata esclusivamente alle esportazioni, con un deprecabile tasso di supersfruttamento della forza lavoro che non si addice a un regime comunista. 

Non è vero. Secondo gli scritti di Pasquale, sostenuti dall'analisi statistica del commercio internazionale, almeno a partire dalla prima decade degli anni 2000, la Cina, dopo aver spinto al massimo lo sviluppo delle forze produttivo nei decenni precedenti, si è riorientata verso il mercato interno, facendo investimenti soprattutto nel campo delle infrastrutture, dell'istruzione, della ricerca, della sanità, avviando una reflazione (aumento che inverte la deflazione) dei salari, specialmente per quanto riguarda il salario sociale (che annovera la formazione culturale dei cittadini, la sanità garantita, i trasporti, gli alloggi per il popolo, cioè tutte quelle competenze sociali che non vengono monetizzate in busta paga, ma che sono assicurate dallo stato per promuovere il benessere sociale). Ovviamente, ciò permette alla Cina di aumentare gli investimenti e i consumi interni che, a loro volta, incrementano le importazioni, dando, poiché si tratta di un paese vastissimo, con 1,4 miliardi di abitanti, un notevole contributo allo sviluppo del commercio internazionale. 

In Cina, insomma, secondo il nostro autore, succede tutto il contrario di quello che avviene in Europa, dove, invece, le politiche deflazionistiche, applicate secondo il modello mercantilistico e ordoliberista tedesco, generano precarietà, insicurezza, povertà e disoccupazione. 

Lo sviluppo ormai inarrestabile della Cina, che ne prestabilisce l'inevitabile leadership mondiale (a meno che non siano scatenate terrificanti guerre mondiali che riportino l'umanità alla barbarie), a fronte dell'incombente decadenza dell'Europa a trazione tedesca, suggerirebbe, per l'Italia, l'uscita dall'euro e dall'unione europea dominata dai germanici, e il recupero di una soggettività perduta come paese, che potrebbe consentirle di intercettare i vantaggi industriali e commerciali di questo spostamento del centro di gravità del "sistema mondo" verso est e verso l'immenso continente euroasiatico che si sta formando economicamente e geopoliticamente. L'Italia gode del privilegio geografico di essere il paese centrale del Mediterraneo; e ora che questo mare, grazie al raddoppio del Canale di Suez e alla moltiplicazione dei traffici commerciali con il sud-est asiatico, sta ridiventando centrale nelle relazioni economiche internazionali, potrebbe sfruttare al meglio questo vantaggio, rilanciandosi come fulcro del commercio internazionale. 

Ma per fare questo, ci vorrebbe una classe dirigente coraggiosa, autonoma, preparata, non prona agli interessi atlantici e a quelli tedeschi come quella attuale che ci sta facendo marcire sotto il tallone eurogermanico."

 

"Piano contro mercato" - L.A.D Gruppo Editoriale

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Ha aperto un canale telegram: pianocontromercato
 
 

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale