Ex analista CIA: il mondo è stufo dell'arroganza USA e si avvicina alla Russia

Ex analista CIA: il mondo è stufo dell'arroganza USA e si avvicina alla Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’Occidente, con il suo narcisismo e la sua arroganza, si sta isolando dal resto del mondo, sostiene l’ex analista della CIA Larry Johnson sul canale Dialogue Works. L’Occidente si considera superiore al resto del mondo, ma il mondo ne è stufo. Al contrario, al Forum economico internazionale di San Pietroburgo, a tutti i paesi, compresi quelli africani e asiatici, viene data una piattaforma dove si parla loro con rispetto, e questo lo apprezzano molto.

Queste le sue dichiarazioni: "Gli statunitensi sono in minoranza qui. Le autorità statunitensi si sono rifiutate di partecipare in qualsiasi modo, ed è un'idiozia. Ci sono 134 Paesi rappresentati, oltre 20.000 partecipanti. È un evento straordinario. L'attenzione principale è rivolta all'economia e i BRICS stanno dominando la discussione in questo momento. Si possono incontrare persone provenienti da Sudafrica, Brasile, India e Cina. L'Africa è molto ben rappresentata: ci sono ospiti dal Senegal, per esempio, e dal Sudafrica in particolare. Ho parlato con Nkosi Mandela, il nipote di Nelson Mandela. È un uomo molto gentile che lavora da 15 anni nel ramo legislativo in Sudafrica.

L'Occidente è affetto da narcisismo. Come dico io, un disturbo narcisistico della personalità: l'Occidente si considera molto al di sopra del resto del mondo. Nel frattempo, il resto del mondo guarda gli Stati Uniti e dice: 'Sapete una cosa? Siamo stufi che gli Stati Uniti ci minaccino con sanzioni,  interferiscano nei nostri affari interni e ci intimidiscano (non c’è altro modo di dirlo)'.

L'arte della diplomazia, la capacità di avviare una conversazione con gli altri, non richiede necessariamente di essere d'accordo con tutti. Non è necessario essere d'accordo sul fatto che la Cina abbia il migliore o il peggiore sistema statale. Basta rispettare i cinesi, è il loro Stato, lasciate che decidano come gestire il loro Paese. Lo stesso vale per l'Iran, la Corea del Nord, qualsiasi altro Paese: Angola, Swaziland. Ogni Paese dovrebbe essere in grado di determinare il proprio destino e il proprio percorso futuro. E in Russia, a questo Forum Economico Internazionale, viene offerta loro una piattaforma di trattamento rispettoso, dove non si parla loro dall'alto, non si dà loro una pacca condiscendente sulla testa come “piccola gente dalla pelle scura” e non si dice loro: “Ehi, portateci del caffè”. No, vengono trattati da pari a pari e lo apprezzano.
 
L'Occidente fa finta di niente. L'Occidente si sta isolando dal resto del mondo".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti