Ex Ispettore generale esercito tedesco: "L'invio di armi prolunga inutilmente il conflitto"

Ex Ispettore generale esercito tedesco: "L'invio di armi prolunga inutilmente il conflitto"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Intervista con Harald Kujat (1), ex generale tedesco della NATO, condotta da Thomas Kaiser e pubblicata su Zeitgeschehen (2) nel gennaio 2023

Traduzione di M.C.


Estratti: "È scandaloso quello che sta succedendo, di cui il cittadino credulone non ha idea. I negoziati di Istanbul erano noti, compreso il fatto che si stava per raggiungere un accordo, ma da un giorno all'altro non si è saputo nulla. "Sarebbe un buon momento per riprendere i negoziati interrotti". "Le forniture di armi significano che la guerra si sta trascinando inutilmente", dice tra l'altro.


Come valuta la copertura dell'Ucraina da parte dei nostri media ?


Generale Harald Kujat: La guerra in Ucraina non è solo un conflitto militare; è anche una guerra economica e di informazione. In questa guerra dell'informazione, si può diventare parte della guerra adottando informazioni e argomenti che non si possono verificare o giudicare sulla base delle proprie competenze. In parte giocano un ruolo anche le motivazioni intese come morali o ideologiche. Questo è particolarmente problematico in Germania, perché i media sono dominati da "esperti" che non hanno alcuna conoscenza o esperienza di politica e strategia di sicurezza ed esprimono quindi opinioni che derivano da pubblicazioni di altri "esperti" con conoscenze comparabili. Ovviamente, questo aumenta anche la pressione politica sul governo tedesco. Il dibattito sulla consegna di alcuni sistemi d'arma mostra chiaramente l'intenzione di molti media di fare politica. Il mio disagio per questo sviluppo è forse una conseguenza dei miei molti anni di servizio nella NATO, anche come presidente del Consiglio NATO-Russia e della Commissione dei Capi di Stato Maggiore congiunti NATO-Ucraina. Sono particolarmente infastidito dal fatto che venga prestata così poca attenzione agli interessi di sicurezza della Germania e ai pericoli che un'espansione e un'escalation della guerra potrebbero comportare per il nostro Paese. Questo dimostra una mancanza di responsabilità o, per usare un termine antiquato, un atteggiamento poco patriottico. Negli Stati Uniti, uno dei due principali attori di questo conflitto, la gestione della guerra in Ucraina è molto più differenziata e controversa, anche se sempre guidata da interessi nazionali. All'inizio del 2022, con l'aggravarsi della situazione al confine con l'Ucraina, hanno parlato con l'allora ispettore generale della Marina, il vice generale Kai-Achim Schönbach, e lo hanno in un certo senso appoggiato. Mise urgentemente in guardia da un'escalation con la Russia, incolpò l'Occidente di aver umiliato Putin e disse che bisognava negoziare con lui su un piano di parità. Non mi sono pronunciato sulla questione, ma sono sempre stato dell'opinione che questa guerra avrebbe dovuto e potuto essere evitata. Ne ho parlato pubblicamente anche nel dicembre 2021. E all'inizio di gennaio 2022 ho pubblicato delle proposte su come raggiungere un risultato reciprocamente accettabile nei negoziati che avrebbe evitato la guerra. Purtroppo le cose non sono andate così. Forse un giorno ci si chiederà chi ha voluto questa guerra, chi non ha voluto evitarla e chi non ha potuto evitarla.

Come valuta gli attuali sviluppi in Ucraina?

Più la guerra andrà avanti, più sarà difficile raggiungere una pace negoziata. L'annessione da parte della Russia di quattro territori ucraini il 30 settembre 2022 è un esempio di uno sviluppo difficile da invertire. Per questo motivo ho trovato così deplorevole che i negoziati di Istanbul di marzo siano stati interrotti dopo grandi progressi e un risultato totalmente positivo per l'Ucraina. Apparentemente, nei negoziati di Istanbul, la Russia aveva accettato di ritirare le proprie forze al livello del 23 febbraio, cioè prima dell'inizio dell'attacco all'Ucraina. Oggi, il ritiro completo viene ripetutamente richiesto come precondizione per i negoziati.


Cosa ha offerto l'Ucraina in cambio?

L'Ucraina si è impegnata a rinunciare all'adesione alla NATO e a non permettere lo stazionamento di truppe straniere o di installazioni militari. In cambio, avrebbe ricevuto garanzie di sicurezza da Stati di sua scelta. Il futuro dei territori occupati doveva essere risolto diplomaticamente entro 15 anni, con una rinuncia esplicita alla forza militare.

Perché non è stato applicato il trattato, che avrebbe salvato decine di migliaia di vite e impedito agli ucraini di distruggere il loro Paese?

Secondo informazioni attendibili, l'allora primo ministro britannico Boris Johnson intervenne a Kiev il 9 aprile e impedì la firma. Il suo ragionamento era che l'Occidente non era pronto a porre fine alla guerra. È scandaloso quello che sta succedendo, di cui i cittadini creduloni non hanno idea. I negoziati di Istanbul erano noti, compreso il fatto che si stava per raggiungere un accordo, ma da un giorno all'altro non si sapeva nulla. A metà marzo, ad esempio, il quotidiano britannico Financial Times riferiva dei progressi compiuti. Anche alcuni giornali tedeschi ne hanno parlato. Tuttavia, non è stato comunicato il motivo del fallimento dei negoziati. Quando Putin ha annunciato la mobilitazione parziale il 21 settembre, ha pubblicamente menzionato per la prima volta che l'Ucraina aveva risposto positivamente alle proposte russe nei colloqui di Istanbul del marzo 2022. Ma", ha detto letteralmente, "una soluzione pacifica non piaceva all'Occidente, così ha ordinato a Kiev di annullare tutti gli accordi. La nostra stampa non ne parla. A differenza dei media americani, ad esempio. Foreign Affairs e Responsible Statecraft, due rinomate riviste, hanno pubblicato rapporti molto informativi sull'argomento. L'articolo di Foreign Affairs è stato scritto da Fiona Hill, ex funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca. È molto competente e assolutamente affidabile. Anche il quotidiano filogovernativo Ukrainska Pravda ha pubblicato informazioni molto dettagliate il 2 maggio.


Ha maggiori dettagli su questa mostruosità?

È noto che il contenuto principale della bozza di accordo si basa su una proposta del governo ucraino del 29 marzo. Nel frattempo, anche molti media americani ne hanno parlato. Tuttavia, ho appreso che i media tedeschi non sono disposti a trattare la questione anche se hanno accesso alle fonti. In un articolo lei afferma: "La mancanza di lungimiranza nella politica di sicurezza e di giudizio strategico nel nostro Paese è vergognosa". Cosa intende dire esattamente? Prendiamo l'esempio della Bundeswehr. Nel 2011 è stata attuata una riforma, il cosiddetto riallineamento della Bundeswehr. Riallineamento significava: abbandonare il mandato costituzionale della difesa nazionale e delle alleanze per passare alle missioni all'estero. La giustificazione addotta era che non vi era alcun rischio di attacco convenzionale contro la Germania e i suoi alleati della NATO. Le dimensioni e la struttura delle forze armate, l'equipaggiamento, l'armamento e l'addestramento erano orientati alle missioni all'estero. Le forze armate che hanno la capacità di difendere il proprio Paese e la propria alleanza possono anche svolgere missioni di stabilizzazione, soprattutto perché il governo federale e il Parlamento possono decidere autonomamente caso per caso. Non accade il contrario, poiché è l'aggressore a decidere se è il caso di difendere il Paese e l'alleanza. In ogni caso, la valutazione della situazione all'epoca era sbagliata. Infatti, la risoluzione unilaterale del Trattato ABM da parte degli Stati Uniti aveva già creato una svolta strategica nelle relazioni con la Russia nel 2002. Il punto di svolta politico è stato il vertice NATO di Bucarest del 2008, quando il presidente statunitense George W. Bush ha cercato di spingere l'Ucraina e la Georgia ad aderire alla NATO. Quando non ci riuscì, nel comunicato fu inclusa una vaga prospettiva di adesione per questi Paesi, come è consuetudine in questi casi.


Vede un legame con l'attuale crisi a causa di questo sviluppo tra Russia e Stati Uniti?

Sebbene il rischio di un confronto tra Russia e NATO sia chiaro a tutti a causa della guerra in Ucraina, la Bundeswehr continua a essere disarmata, persino cannibalizzata, per liberare armi ed equipaggiamenti militari per l'Ucraina. Alcuni politici giustificano tutto ciò con l'assurda argomentazione che la nostra libertà viene difesa dall'Ucraina.


Perché per le è un'argomentazione priva di senso? Tutti la pensano così, compreso il capo del Ministero degli Esteri svizzero, Ignazio Cassis.

L'Ucraina sta combattendo per la sua libertà, per la sua sovranità e per l'integrità territoriale del Paese. Ma i due attori principali di questa guerra sono la Russia e gli Stati Uniti. L'Ucraina sta combattendo anche per gli interessi geopolitici degli Stati Uniti. Il loro obiettivo dichiarato è infatti quello di indebolire la Russia politicamente, economicamente e militarmente fino al punto di potersi rivolgere al loro rivale geopolitico, l'unico in grado di minacciare la loro supremazia di potere globale: la Cina. Inoltre, sarebbe altamente immorale lasciare l'Ucraina da sola nella sua lotta per la nostra libertà e limitarci a fornire armi che prolungano lo spargimento di sangue e aumentano la distruzione del Paese. No, questa guerra non è per la nostra libertà. Le questioni centrali per cui la guerra è scoppiata e continua, anche se sarebbe potuta finire molto tempo fa, sono molto diverse.


Quale pensa sia il problema principale?

La Russia vuole evitare che il suo rivale geopolitico, gli Stati Uniti, acquisisca una superiorità strategica che metterebbe in pericolo la sicurezza della Russia. Che si tratti dell'adesione dell'Ucraina alla NATO a guida statunitense, dello stazionamento di truppe statunitensi, del trasferimento di infrastrutture militari o di esercitazioni congiunte della NATO. Anche il dispiegamento dei sistemi statunitensi di difesa dai missili balistici della NATO in Polonia e Romania è una spina nel fianco della Russia, che ritiene che gli Stati Uniti potrebbero eliminare anche i sistemi strategici intercontinentali russi, minando così l'equilibrio nucleare strategico. Un ruolo importante è svolto anche dall'accordo di Minsk II, in cui l'Ucraina si è impegnata a concedere i diritti delle minoranze alla popolazione russofona del Donbass entro la fine del 2015 attraverso un emendamento costituzionale che garantisca una maggiore autonomia alla regione, come avviene normalmente nell'Unione Europea. Ora si dubita che gli Stati Uniti e la NATO fossero disposti a negoziare seriamente su questi temi prima dell'attacco russo all'Ucraina.


Già nel 2015 Wilfried Scharnagl ha mostrato molto chiaramente nel suo libro "Am Abgrund" (Nell'abisso) che la politica dell'Occidente è un'incredibile provocazione e che, se l'UE e la NATO non cambiano rotta, ciò potrebbe portare a una catastrofe.

Sì, c'era da aspettarselo. Più la guerra va avanti, maggiore è il rischio di espansione o escalation. Lo abbiamo già riscontrato in una situazione analoga: durante la crisi dei missili di Cuba.


Come valuta la consegna di carri armati Marder all'Ucraina?

I sistemi d'arma hanno punti di forza e di debolezza dovuti alle loro caratteristiche tecniche - che dipendono dal livello di addestramento dei soldati e dalle rispettive condizioni operative - e quindi un certo valore operativo. Nella battaglia ad armi connesse, diversi sistemi d'arma interagiscono in un sistema comune di comando e controllo o di informazione, in cui le debolezze di un sistema sono compensate dai punti di forza degli altri sistemi. Se il livello di addestramento degli operatori è basso o se un sistema d'arma non viene impiegato con altri sistemi in un contesto di possibili condizioni operative difficili, il valore dell'operazione è basso. Si corre quindi il rischio di una dismissione prematura o addirittura che l'arma cada in mani nemiche. Questa è la situazione attuale in cui vengono utilizzati i moderni sistemi d'arma occidentali nella guerra ucraina. A dicembre, la Russia ha lanciato un programma completo per valutare i parametri tecnici e tattico-operativi delle armi occidentali catturate, che dovrebbe aumentare l'efficacia del proprio comando operativo e l'efficienza delle proprie armi. Inoltre, viene sollevata la questione fondamentale del rapporto mezzi-fini. A cosa dovrebbero servire le armi occidentali? Zelensky ha ripetutamente cambiato gli obiettivi strategici della guerra ucraina. Attualmente l'Ucraina persegue l'obiettivo di recuperare tutti i territori occupati dalla Russia, compresa la Crimea. Il Cancelliere tedesco ha dichiarato che sosterremo l'Ucraina fino a quando sarà necessario, cioè anche per raggiungere questo obiettivo, anche se nel frattempo gli Stati Uniti sottolineano che l'obiettivo è solo "recuperare il territorio preso dalla Russia dal 24 febbraio 2022".

La domanda a cui rispondere è se le forniture di armi occidentali siano un mezzo sufficiente per raggiungere gli obiettivi ucraini. Questa domanda ha una dimensione sia qualitativa che quantitativa. Gli Stati Uniti non forniscono armi, se non per l'autodifesa, né armi che permettano lo scontro di armi affini e, soprattutto, nessuna che possa innescare un'escalation nucleare. Questi sono i tre no del Presidente Biden.

Come intende l'Ucraina raggiungere i suoi obiettivi militari?

Il capo di Stato Maggiore ucraino, il generale Zaluzhny, ha recentemente dichiarato: "Ho bisogno di 300 carri armati principali, 600-700 veicoli da combattimento di fanteria e 500 obici per respingere le truppe russe sulle posizioni che avevano prima dell'attacco del 24 febbraio". Tuttavia, con quello che ha ricevuto, "non è possibile effettuare grandi operazioni". Tuttavia, non è certo che le forze armate ucraine abbiano ancora un numero sufficiente di soldati in grado di utilizzare questi sistemi d'arma, viste le pesanti perdite degli ultimi mesi. In ogni caso, la dichiarazione del generale Zaluzhny spiega anche perché le forniture di armi occidentali non aiutano l'Ucraina a raggiungere i suoi obiettivi militari, ma solo a prolungare la guerra. Inoltre, la Russia potrebbe dominare l'escalation occidentale in qualsiasi momento con una propria offensiva. Nel dibattito tedesco, queste connessioni non vengono comprese o ignorate. Questo gioca un ruolo anche nel modo in cui alcuni alleati cercano pubblicamente di fare pressione sul governo tedesco affinché fornisca carri armati principali Leopard 2. Questo non è mai accaduto nella NATO. Questo non è mai accaduto nella NATO. Questo dimostra come la posizione della Germania nell'alleanza abbia sofferto dell'indebolimento della Bundeswehr e come alcuni alleati cerchino di esporre la Germania alla Russia in particolare.


Cosa alimenta l'idea di Zelensky che sia possibile cacciare i russi dall'Ucraina?

È possibile che con i sistemi di armamento promessi alla prossima conferenza dei donatori del 20 gennaio, le forze armate ucraine siano in grado di difendersi un po' più efficacemente dalle offensive russe che avranno luogo nelle prossime settimane. Ma questo non permetterà loro di riprendere i territori occupati. Secondo il Capo di Stato Maggiore degli Stati Uniti, il generale Mark Milley, l'Ucraina ha ottenuto ciò che poteva militarmente. Non è possibile fare di più. Pertanto, è necessario avviare sforzi diplomatici per raggiungere una pace negoziata. Condivido questo punto di vista. Va considerato che le forze russe sembrano intenzionate a difendere il territorio conquistato e a conquistare il resto del Donbass per consolidare i territori annessi. Hanno adattato bene le loro posizioni difensive al terreno e le hanno fortificate pesantemente. Gli attacchi a queste posizioni richiedono una grande forza e la disponibilità ad accettare pesanti perdite. Il ritiro dall'area di Kherson ha liberato circa 22.000 uomini pronti a combattere per le offensive. Inoltre, altre unità da combattimento sono state dispiegate nella regione come rinforzi.


Ma allora che senso hanno le consegne di armi che non raggiungono l'obiettivo di Zelensky?

Gli attuali sforzi degli Stati Uniti per indurre gli europei a donare più armi potrebbero avere a che fare con questo sviluppo. Bisogna distinguere tra le ragioni espresse pubblicamente e le decisioni concrete del governo tedesco. Sarebbe eccessivo addentrarsi nell'intera gamma di questa discussione. Tuttavia, mi aspetto che il governo federale sia davvero consigliato con competenza su questo tema e, cosa forse più importante, che sia ricettivo e in grado di valutare l'importanza della questione. Il governo tedesco ha già fatto molto per sostenere l'Ucraina. È vero che le forniture di armi non hanno ancora reso la Germania parte in causa nel conflitto. Ma addestrando i soldati ucraini all'uso di queste armi, aiutiamo l'Ucraina a raggiungere i suoi obiettivi militari. Per questo motivo, il Servizio Scientifico del Bundestag tedesco ha dichiarato nel suo rapporto del 16 marzo 2022 che questo non rientra nella zona di sicurezza della non guerra. Gli Stati Uniti addestreranno anche i soldati ucraini in Germania. La Legge fondamentale contiene nel suo preambolo un rigoroso ordine di pace per il nostro Paese. Pertanto, la Legge fondamentale tollera il sostegno a una parte in guerra solo se è sufficiente a facilitare una soluzione pacifica. Pertanto, il governo tedesco ha il dovere di spiegare alla popolazione tedesca in che misura e a quale scopo sostiene l'Ucraina. Infine, al governo ucraino devono essere illustrati i limiti del suo sostegno. Anche il Presidente Biden ha dichiarato qualche tempo fa in un articolo che porta il suo nome che gli Stati Uniti continueranno a sostenere militarmente l'Ucraina, ma anche i suoi sforzi per raggiungere una pace negoziata in questo conflitto.


Per settimane l'esercito ucraino ha combattuto contro i russi senza successo. Tuttavia, Zelensky parla di riconquista. È propaganda o è davvero possibile?

No, secondo gli staff americani e ucraini, le forze armate ucraine non sono in grado di farlo. Le due parti contrapposte sono di nuovo in una situazione di stallo, aggravata dalle restrizioni dovute al periodo dell'anno. Questo sarebbe il momento giusto per riprendere i negoziati interrotti. Le forniture di armi significano il contrario, cioè che la guerra continua senza motivo, con più morti da entrambe le parti e la distruzione del Paese continua. Ma anche con la conseguenza che saremo trascinati ancora più a fondo in questa guerra. Persino il Segretario Generale della NATO ha recentemente avvertito che i combattimenti potrebbero degenerare in una guerra tra la NATO e la Russia.


Lei ripete che siamo in una impasse. Cosa intende dire?

Una posizione di partenza positiva per una soluzione negoziale era emersa, ad esempio, alla fine di marzo dell'anno scorso, quando i russi hanno deciso di lasciare Kiev e di concentrarsi sull'est e sul Donbass. Questo ha reso possibili i negoziati di Istanbul. Una situazione simile si è verificata a settembre, prima che la Russia effettuasse una mobilitazione parziale. Le opportunità che si sono presentate allora non sono state colte. Questo sarebbe il momento di negoziare di nuovo, ma non stiamo sfruttando nemmeno questa opportunità. Stiamo facendo l'opposto: inviamo armi e aumentiamo la tensione. Questo è un altro aspetto che rivela una mancanza di lungimiranza nella politica di sicurezza e di giudizio strategico.


Nel suo testo lei dice anche che il ministro della Difesa russo, Shugu, ha mostrato una disponibilità a negoziare...

Putin ha fatto lo stesso. Il 30 settembre, quando ha dichiarato altre due regioni territorio russo, Putin ha nuovamente proposto esplicitamente di negoziare. Nel frattempo, lo ha fatto più volte. Tuttavia, Shoigu non ha posto alcuna condizione, ma Putin ha alzato l'asticella, per così dire, dicendo che siamo pronti a negoziare, ma questo ovviamente presuppone che l'altra parte riconosca i territori che abbiamo annesso. Il risultato è che più la guerra va avanti, più le posizioni di entrambe le parti diventano dure. Ebbene, Zelensky ha detto che non avrebbe negoziato finché i russi non si fossero ritirati completamente dall'Ucraina. Questo rende la soluzione sempre più difficile, ma non è ancora esclusa.

Vorrei citare un altro evento. La signora Merkel ha detto in un'intervista...

Sì, quello che ha detto è chiaro. Ha negoziato l'accordo di Minsk II solo per guadagnare tempo per l'Ucraina. E l'Ucraina ha usato questo tempo per armarsi militarmente. Questo è stato confermato dall'ex presidente francese Hollande.

Petro Poroshenko, l'ex presidente ucraino, ha detto la stessa cosa. La Russia la definisce giustamente una frode. E la Merkel conferma che la Russia è stata deliberatamente ingannata. Potete giudicarlo come volete, ma si tratta di una grave violazione della fiducia e di una questione di prevedibilità politica. Tuttavia, non si può sostenere che il rifiuto del governo ucraino - consapevole di questo inganno intenzionale - di attuare l'accordo pochi giorni prima dell'inizio della guerra sia stato uno dei fattori scatenanti. Il governo tedesco si era impegnato nella risoluzione delle Nazioni Unite ad attuare il "pacchetto completo" di misure concordate. Inoltre, la Cancelliera tedesca, insieme agli altri partecipanti al formato Normandia, ha firmato una dichiarazione sulla risoluzione in cui, ancora una volta, si impegnava esplicitamente ad attuare gli accordi di Minsk. Non è anche questa una violazione del diritto internazionale? Sì, è una violazione del diritto internazionale, questo è chiaro. Il danno è immenso. Bisogna immaginare la situazione attuale. Coloro che volevano la guerra fin dall'inizio e che continuano a volerla hanno assunto la posizione che non possiamo negoziare con Putin. In ogni caso, che non rispetterà gli accordi. Ma si scopre che siamo noi a non rispettare gli accordi internazionali


Per quanto ne so, i russi mantengono gli accordi, anche durante l'attuale guerra, la Russia ha continuato a fornire gas. Ma la signora Baerbock ha annunciato perentoriamente: "Non vogliamo più gas russo! In risposta, la Russia ha ridotto  il volume. Non è forse questo che è successo?

Sì, abbiamo detto che non vogliamo più gas russo. Tutte le ripercussioni, la crisi energetica, la recessione economica, ecc. sono il risultato della decisione del governo tedesco, non di una decisione del governo russo. Ma se ascoltate o guardate i telegiornali - anche qui in Svizzera - la crisi energetica è dovuta alla decisione di Putin di entrare in guerra con l'Ucraina. Per due volte in passato ci sono state difficoltà di approvvigionamento di gas causate dall'Ucraina. Dovremmo essere onesti su questo punto. La Russia continuerebbe a fornire, ma noi non lo vogliamo più perché hanno attaccato l'Ucraina. C'è poi una domanda: chi ha veramente guidato il sabotaggio del North Stream II?

Ha una valutazione dell'esplosione?

No, sarebbe una pura speculazione. Ci sono prove circostanziali, come spesso accade, ma nessuna prova. Almeno nessuna che sia stata resa pubblica. Ma potete starne certi: il sole le porterà alla luce.

 

Che esperienza ha nei negoziati con la Russia?

Ho condotto molti negoziati con la Russia, ad esempio sul contributo russo alla missione NATO in Kosovo. Gli Stati Uniti ci hanno chiesto di farlo perché non riuscivano a raggiungere un accordo con la Russia. La Russia era finalmente pronta a mettere le sue truppe sotto un comandante tedesco della NATO. Negli anni '90 si è sviluppato uno stretto coordinamento politico e una cooperazione militare tra la NATO e la Russia, regolata dal 1997 dal Trattato di base NATO-Russia. I russi sono dei duri negoziatori, ma quando si raggiunge un risultato comune, lo si mantiene.

Qual è stato il risultato?

I russi volevano una sorta di codecisione nei negoziati del Trattato fondamentale. Non è stato possibile. Ma troviamo il modo di raggiungere soluzioni comuni quando sono in gioco gli interessi di sicurezza di una parte o dell'altra. Purtroppo, dopo la guerra in Georgia, la NATO ha sospeso in gran parte la sua cooperazione. È stato inoltre dimostrato, nel periodo precedente la guerra in Ucraina, che gli accordi presi in tempi favorevoli per la crisi e la risoluzione dei conflitti sono preziosi quando si verificano tensioni. Purtroppo, questo non è stato compreso.

Generale, grazie per l’intervista

NOTE 1. Il Generale (ret.) Harald Kujat, nato il 1° marzo 1942, è stato, tra l'altro, Ispettore Generale delle Forze Armate tedesche e, in qualità di Presidente del Comitato Militare della NATO, il più alto ufficiale militare della NATO. Allo stesso tempo, è stato presidente del Consiglio NATO-Russia e del Consiglio dei Capi di Stato Maggiore Euro-Atlantici. Per i suoi servizi, Harald Kujat ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui la Croce di Comandante della Legione d'Onore della Repubblica Francese, la Croce di Comandante dell'Ordine al Merito di Lettonia, Estonia e Polonia, la Legion of Merit degli Stati Uniti, il Gran Nastro dell'Ordine di Leopoldo del Regno del Belgio, la Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania, oltre ad altre alte onorificenze, tra cui quelle di Malta, Ungheria e NATO. 2. https://zeitgeschehen-im-fokus.ch/de/newspaper-ausgabe/nr-1-vom-18-januar-2023.html 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti