La supremazia talebana-pashtun: Il disco rotto del "Taleban 2.0" (Prima parte)

La supremazia talebana-pashtun: Il disco rotto del "Taleban 2.0" (Prima parte)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Pubblicheremo nei prossimi giorni un approfondimento (in 4 parti) sull'Afghanistan e i Taleban che Tariq Marzbaan sta curando per Al Mayadeen. 
Di seguito la prima parte dal titolo: "Il disco rotto dei Taleban"


------------------------------


di Tariq Marzbaan – Al Mayadeen English

 

PRIMA PARTE

 

L'(in)capacità e l'(in)disponibilità dei Taleban

 

Sono passati quasi due anni da quando ai Taleban è stato conferito il potere statale. All'inizio si è parlato di "Taleban 2.0" – sottintendendo che non sono più i "Taleban 1.0" di circa 27 anni fa... che sono cambiati e sono diventati un po' più moderati (beh, almeno ci deve essere qualcuno che è cambiato)... che bisogna semplicemente dar loro tempo ed essere pazienti.

E poi ci sono state notizie di improvvise lotte intestine all'interno dei Taleban. Si sperava, e si spera ancora, che la fazione "moderata" vinca la lotta per il potere e che le loro politiche cambino.

Forse esistono davvero dei Taleban moderati e un giorno saranno loro a comandare... e tutto, o almeno alcune cose, cambieranno in meglio: i Taleban si adegueranno alle richieste dell'ONU e della "comunità internazionale", le bambine andranno a scuola, le donne a lavorare, i diritti umani e le libertà saranno garantiti... e, alla fine, l'"Emirato islamico dell'Afghanistan" sarà riconosciuto a livello internazionale.

Nel frattempo i Taleban non si stancano di sottolineare che "dal suolo afghano non proverrà mai alcun pericolo per gli Stati vicini o per il resto del mondo". E, finora, tale "pericolo" non è ancora emerso. (Le occasionali tensioni ai confini con i Paesi vicini non sono di grande rilevanza). Il potenziale, tuttavia, rimane... Oggi nulla è impossibile e inimmaginabile.

In ogni caso, i media internazionali sono stati piuttosto silenziosi riguardo ai Taleban. I popoli del mondo hanno molti problemi gravi ed esistenziali. E i media si stanno concentrando su altre questioni.

Le notizie sull'Afghanistan e sui Taleban sono diventate un tedioso disco rotto: Le ragazze non possono andare a scuola... Le donne non possono andare a lavorare... La "comunità internazionale" ammonisce i Taleban e chiede un governo "inclusivo", il rispetto dei diritti umani e dei diritti delle donne – come condizioni per il riconoscimento del loro regime... Gli Stati vicini continuano a preoccuparsi della loro sicurezza... Mentre le Nazioni Unite esprimono la loro preoccupazione per la situazione della popolazione in Afghanistan.

I Taleban restano seduti e fanno finta di non capire nulla. "Se non ci riconoscono, perché dovremmo soddisfare le loro richieste?". ha chiesto recentemente Zabiholla Mojahed, il portavoce dei Taleban. E il disco rotto continua a girare...

Eppure i Taleban sono ben consapevoli del fatto che sono loro a dover soddisfare queste richieste per ottenere il riconoscimento. È un approccio che conoscono bene anche attraverso la "cultura del negoziato" che praticano nelle loro strutture tribali tradizionali pashtun, ovvero il cosiddetto "gerga" ("consiglio" in pashto – una riunione che riunisce i rappresentanti delle varie comunità con l'obiettivo di salvaguardare gli interessi di tutti gli interessati), dove i problemi vengono affrontati tra le tribù e per lo più risolti in modo pacifico.

Il motivo per cui i Taleban non applicano questa pratica alla loro politica estera si riduce a una questione di (in)capacità e (in)disponibilità.

 

Il problema della loro "(in)capacità"...

La loro "incapacità" è dovuta alla gerarchia e ai vincoli delle loro strutture religiose che impediscono loro di farlo. Tutti devono seguire incondizionatamente gli ordini e le istruzioni della "Guida suprema" (l'amir), con un'unica eccezione: quando l'ordine o l'istruzione del leader contraddice il codice della Sharia (seguire il codice della Sharia è sempre stato un prerequisito fondamentale per un amir). In questo caso la Sharia è stata determinata dalla stessa guida suprema – l'invisibile Haibatollah Akhondzada a Kandahar...

Qualsiasi critica e opposizione pubblica agli ordini, ai decreti e alle istruzioni del leader supremo è considerata "baghâwat" (ribellione) contro l'Emirato ed è severamente punita (fino all'esecuzione). Ciò significa che anche i Taleban, che dovrebbero essere moderati, non possono criticare le decisioni dell'amir, né tantomeno opporsi ad esse.

Per inciso, la fedeltà che ogni Taleb giura al proprio amir è simile al "Giuramento al Führer" che i soldati tedeschi e i nazisti facevano al loro Führer (Adolf Hitler).

 

Il problema della loro "(in)disponibilità"…

L'intreccio tra i Taleban estremisti religiosi pashtun e i "nazionalisti" estremisti pashtun, che hanno tratto i loro concetti dall'ideologia razzista del nazismo all'inizio del XX secolo, gioca un ruolo significativo in questo caso. Per capirlo, dobbiamo fare un piccolo passo indietro nella storia.

Nel 1919, quando Amir Amanollah si dichiarò re e condusse il Paese all'indipendenza (dalla Gran Bretagna), iniziò a "modernizzare" frettolosamente il Paese e la società sulla falsariga di Mustafa Kemal (Ataturk) e Reza Shah Pahlavi in Iran. Che cosa abbia fatto per raggiungere questo obiettivo e perché abbia finito per fallire miseramente è un'altra storia ed è già descritta qui per chi è interessato.

Nel corso del suo programma di "modernizzazione", Amanollah inviò giovani uomini e donne in Europa – soprattutto in Germania – per portare la modernità nel Paese. Se poi abbiano effettivamente portato con sé questa modernità è un'altra questione. Ma sono riusciti a importare un concetto molto particolare, quello della "supremazia ariana"... che è stato poi trasposto nella società pashtun dalle élite pashtun.

Il loro mentore e padre spirituale all'interno della corte reale era "Mahmud Tarzi", ministro degli Esteri e suocero del re. Tarzi, che aveva trascorso la maggior parte della sua vita all'estero (in Europa, Siria e Turchia) fin dall'infanzia, era egli stesso un pashtun, ma non conosceva la lingua pashto e componeva i suoi scritti in persiano come tutti gli altri scribi del Paese. Ciononostante, propagandò il concetto di identità pashto e si riferì alla lingua pashto come "l'afghano" – che elevò a "madre di tutte le lingue" (del mondo!) – e pretese che fosse l'unica lingua legittima e ufficiale dell'Afghanistan. Di conseguenza, l'identità di tutti i cittadini doveva essere "afghana", cioè pashtun.

Ne è seguita un'autocrazia pashtun, con i pashtun che hanno avuto il sopravvento su tutti gli altri popoli dell'Afghanistan e hanno rivendicato la terra come loro "legittimo" possesso. Così nacque la supremazia pashtun... che ha pervaso le menti delle élite pashtun, ha rivisto la storia dell'Afghanistan e ha plasmato la legislazione governativa – con particolare attenzione alle politiche culturali – in tutti i governi pashtun fino ad oggi.

Le politiche della pashtunizzazione sono state attuate a volte apertamente con la forza bruta e altre volte in modo occulto con metodi più gentili. Anche i pashtun che hanno abbracciato l'ideologia marxista non sono rimasti immuni dall'influenza della supremazia pashtun.

L'attuale situazione in cui si trovano i Taleban favorisce le aspirazioni "nazionaliste" di coloro che appartengono alle élite pashtun. (Nota: parlare di "nazionalismo" in questo caso è di per sé una curiosità, perché non esiste una "nazione" afghana). I cosiddetti Taleban moderati – che apparentemente non hanno nulla contro l'istruzione delle ragazze e l'occupazione femminile – vogliono che questa situazione persista affinché la politica di reinsediamento e la pashtunizzazione della lingua possano procedere senza intoppi.

 

Seguirà a breve la seconda parte

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti