Il "dispositivo K" dell'Egemone: I Tagiki nel mirino

Il "dispositivo K" dell'Egemone: I Tagiki nel mirino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tariq Marzbaan - Al Mayadeen

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

 

Perché i tagiki sono stati scelti di recente per agire come terroristi e da chi?

 

Subito dopo l'attacco al municipio Crocus di Mosca, i politici e i media occidentali hanno puntato il dito all'unisono contro "ISIS" (DAESH). "ISIS" ha poi immediatamente diffuso una foto poco plausibile rivendicando la responsabilità dell'attacco.

 

Sebbene sia stato dimostrato che gli autori sono tutti cittadini tagiki, il governo russo e le autorità di sicurezza russe sostengono che sono stati l'Ucraina e i suoi sostenitori occidentali (USA, Regno Unito, NATO) a pianificare e coordinare gli attacchi. Non solo ci sono già chiari indizi a sostegno di questa affermazione, ma le autorità di sicurezza affermano di avere anche le prove a sostegno.

 

Per ovvie ragioni, l'Occidente si aggrappa alla propria versione: che tutto sia stato pianificato ed eseguito da "ISIS" – più precisamente da "ISIS-K" / "DAESH Khorasan". Questa versione non solo cerca di assolverli completamente da qualsiasi coinvolgimento, ma rafforza anche l'obiettivo principale dell'attacco... che alla fine li espone come le menti.

 

 

Il Tagikistan, un obiettivo redditizio sul campo di battaglia geopolitico

 

Il Tagikistan soffre di povertà e di un alto tasso di disoccupazione, soprattutto tra i giovani, da cui deriva il gran numero di lavoratori immigrati in Russia. Questi lavoratori inviano il denaro guadagnato con fatica alle loro famiglie in Tagikistan, e l'economia tagica (il suo PIL) beneficia di queste rimesse.

 

Il Tagikistan (così come il resto dell'Asia centrale e l'Afghanistan) è sempre stato un bersaglio sul campo di battaglia geopolitico. Subito dopo il crollo dell'URSS, i sauditi e gli Stati arabi del Golfo hanno speso enormi somme per destabilizzare la società tagica per i loro interessi, infiltrando ideologicamente l'intera regione (con l'estremismo religioso, il wahhabismo, il salafismo).

 

Non si sa fino a che punto il presidente Emomali Rahman sia riuscito a "ripulire" il Tagikistan dagli elementi estremisti islamici o a integrarli nella società, ma è riuscito a creare uno Stato e una società laici in Tagikistan. Questo non sarebbe potuto accadere senza una repressione dell'estremismo religioso. Questo è anche il motivo per cui il "virtuoso Occidente" e i suoi media "liberi" rimproverano ripetutamente il presidente tagiko e lo etichettano come autoritario, dittatore, despota, ecc. senza tenere conto delle specificità del Paese e delle circostanze.

 

Tuttavia, la povertà diffusa, la corruzione e il nepotismo, la privazione economica e la dipendenza dai trasferimenti di denaro da parte degli immigrati per motivi di lavoro – soprattutto dalla Russia – prevalgono ancora oggi in Tagikistan. E gli immigrati disoccupati che tornano dalla Russia (disillusi per qualsiasi motivo) sono un bersaglio ideale per il reclutamento da parte delle organizzazioni terroristiche.

 

Secondo il padre di uno degli autori dell'attentato al Crocus, Dalerjon Mirzoev, suo figlio non era religioso, non andava mai in moschea e beveva alcolici.  Ma per denaro (presumibilmente 10.000 dollari) era pronto a uccidere.

 

 

Le recenti mosse dell'Egemone sullo Scacchiere dell'Asia centrale

 

Già nel 2010 (lo stesso anno in cui sono iniziati i negoziati con i Taleban a Doha), lo "Stato Profondo" degli Stati Uniti avrebbe anticipato un confronto militare con la Russia (e successivamente con la Cina) nel prossimo futuro... Il confronto con la Russia sarebbe avvenuto attraverso procuratori, non direttamente. L'Ucraina è stata scelta come forza combattiva e l'UE come base logistica. A tal fine, gli Stati Uniti hanno investito in Ucraina in modo occulto per molti anni, e direttamente e apertamente dal 2014.

 

I vertici statunitensi hanno iniziato a lavorare al ritiro dall'Afghanistan e al trasferimento del potere ai Taleban – per due motivi principali. In primo luogo, ritenevano che, in loro assenza, coloro che guidavano il governo di Kabul (Ghani, Karzai e consorti) non sarebbero stati in grado di rappresentare e promuovere i loro interessi. In secondo luogo, ritenevano che la "guerra" in Ucraina sarebbe stata costosa e che il Congresso degli Stati Uniti non avrebbe mai accettato di stanziare somme ingenti per i progetti di Ucraina e Afghanistan allo stesso tempo; avrebbero quindi dovuto rinunciare al primo "drenaggio di dollari" (Afghanistan) per finanziare il secondo (Ucraina).

 

Ma c'era una ragione più profonda per il ritiro degli Stati Uniti: Fino a quando le loro forze saranno in Afghanistan, dovrebbero essere responsabili della sicurezza in Afghanistan e nella regione - cioè in Iran, Asia centrale e Cina... il che significa che non potrebbero usare l'Afghanistan come incubatrice di gruppi terroristici, che potrebbero essere impiegati contro i Paesi vicini, oltre che contro la Russia e la Cina. Ma... un Afghanistan nelle mani di fanatici fondamentalisti (i Taleban) e di altri gruppi terroristici islamici dei Paesi vicini – questo sì fornirebbe facilmente un terreno di coltura adatto...

 

In effetti, molti osservatori dei negoziati di Doha tra gli Stati Uniti e i Taleban ritengono che questo obiettivo sia stato un punto di negoziazione sostanziale nel trattato segreto che alla fine è stato firmato. Tuttavia, dopo la partenza inscenata degli Stati Uniti e la presa di potere dei Taleban, è apparso chiaro che questi ultimi erano (almeno finora) impreparati e non disposti a svolgere direttamente tale funzione. Inoltre, iraniani, russi e cinesi li hanno tenuti d'occhio.

 

D'altra parte, dopo che i Taleban hanno preso il potere, gruppi di resistenza armata della popolazione tagika dell'Afghanistan hanno iniziato a formarsi e a minacciare il regime. Mentre tutti gli Stati confinanti e gli altri della regione hanno iniziato a interagire e persino a collaborare con i Taleban (senza riconoscerli ufficialmente), il Tagikistan – che sosteneva la leadership politica della cosiddetta "resistenza nazionale" contro i Taleban – ha permesso a questi gruppi di aprire un ufficio a Dushanbe.

 

Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno chiarito in modo inequivocabile che non avrebbero sostenuto alcuna resistenza contro i Taleban.

 

 

Perché i tagiki sono stati scelti per compiere le recenti azioni terroristiche

 

Come già accennato, in Tagikistan la povertà e la disoccupazione sono da tempo prevalenti tra le giovani generazioni.

 

Negli anni '90, gli Stati arabi del Golfo e il Pakistan hanno fatto molto per propagare idee islamiste ed estremiste in Tagikistan, le cui conseguenze hanno portato alla guerra civile.

 

Si dice che circa 200 tagiki abbiano combattuto dalla parte di DAESH/ISIS in Siria. La maggior parte di loro è stata reclutata tra i migranti tagiki in Russia.

 

Da quando i Taleban hanno preso il potere nell'agosto 2021, si parla della presenza di "DAESH" in Afghanistan – che i Taleban starebbero combattendo con le unghie e con i denti – mentre gli osservatori afghani degli eventi parlano della presenza di forze speciali legate alla CIA nel Badakhshan (una provincia dell'altopiano del Pamir divisa tra Afghanistan e Tagikistan e una delle regioni più povere di entrambi i Paesi), dove si sospettano anche terroristi dell'ISIS fuggiti dalle prigioni siriane. (Vedi: "Raqqa's dirty secret" ["Lo sporco segreto di Raqqa"]).

 

I Taleban in Afghanistan affermano di aver combattuto con successo DAESH e di aver eliminato tutte le sue cellule. Tuttavia, hanno riferito di scontri occasionali con aderenti a DAESH... ma non è chiaro se questi obiettivi fossero davvero terroristi di DAESH o se i Taleban stessero solo usando "DAESH" come pretesto per eliminare i loro veri avversari (principalmente tagiki del nord e della valle del Panjshir).

 

Chi ha familiarità con i Taleban in Afghanistan e con la regione sottolinea che DAESH è stato a lungo integrato nel gruppo Talebano Haqqani, che può essere visto come un'estensione dell'ISI pakistano... e quindi della CIA, dell'MI6 e del Mossad.

 

"DAESH-Khorasan"/"ISIS K" è in definitiva un fantasma, un'entità spettrale nella regione in nome della quale si può compiere qualsiasi tipo di perfidia... una creazione per tutte le stagioni e per ogni tipo di lavoro sporco.

 

Inoltre, l'appellativo "DAESH-K", che mira a sottolineare l'affiliazione tagica, serve a legittimare i Taleban in Afghanistan e a screditare la resistenza dei Tagiki che lottano contro i Taleban.

 

 

L'attacco Crocus: un doppio colpo per la Russia

 

La Federazione Russa ha presumibilmente circa 3 milioni di tagiki che lavorano come immigrati per lavoro.

 

Come ora sappiamo, i quattro principali autori del brutale attacco al municipio di Crocus erano tagiki... e così molti dei loro complici.

 

Gli "ultranazionalisti" xenofobi – fortunatamente una minoranza in Russia – hanno usato l'attacco di Crocus per i loro obiettivi ideologici e politici e chiedono che tutti gli immigrati siano espulsi dalla Russia: : "I tagiki in Tagikistan!" e "La Russia per i "russi"".

 

Nei giorni successivi all'attentato, sono stati segnalati casi di cittadini russi che hanno annullato corse in taxi quando hanno saputo che gli autisti provenivano dal Tagikistan. Un certo numero di lavoratori migranti ha lamentato molestie e ha espresso il timore di essere attaccato, provocando un esodo di lavoratori migranti dalla Federazione Russa.

 

Commentando le conseguenze dell'attacco terroristico a Mosca, il segretario generale della CSTO, Imangali Tasmagambetov, ha avvertito che le misure di pressione sui lavoratori migranti provenienti dai Paesi dell'Asia centrale provocheranno un esodo di massa.

 

Supponiamo che la Russia perda del tutto o quasi tutti i tagiki e gli immigrati per lavoro dalla Russia... A cosa si andrebbe incontro?

 

Secondo i dati sulla "composizione nazionale" di Russia 2024, basati sul censimento del 2020, la popolazione attuale della Russia è di 147.182.123 persone, di cui 130.587.364 o l'88,73% di origine russa. I tagiki registrati che vivono in Russia sono 350.236. Eppure, secondo un esperto di migrazioni, come riportato da Sputnik nel giugno 2023, nel 2022 i migranti tagiki erano circa 3,1 milioni su oltre 9,5 milioni di migranti (che includono circa 4,9 milioni di uzbeki). 4,9 milioni di uzbeki e 1 milione di kirghisi). Inoltre, secondo il Ministero del Lavoro del Tagikistan, nel 2023, su 652.000 migranti per motivi di lavoro, più di 627.000 tagiki si sono recati nella Federazione Russa.

 

Al 12° Congresso della Federazione dei Sindacati Indipendenti, il Presidente Putin ha dichiarato che nel prossimo futuro "l'economia russa sperimenterà un'elevata domanda e persino una carenza di personale. Dobbiamo capirlo e dovremo conviverci nei prossimi anni."

 

Cosa accadrebbe alla fiorente economia russa se perdesse 627.000 lavoratori immigrati? Che ne sarebbe di tutta quella forza lavoro indispensabile?

 

In questo caso la Russia non solo andrebbe incontro a un disastro economico... ma – e questo sarebbe il secondo colpo – sarebbe anche esposta a ulteriori pericoli provenienti dall'esterno dei suoi confini: i numerosi giovani tagiki espulsi dalla Russia che tornano in Tagikistan andrebbero inevitabilmente incontro all'indigenza e diventerebbero facili prede di "DAESH e Compagnia".

 

Espellendo dalla Russia i tagiki e gli altri migranti dell'Asia centrale, gli ultranazionalisti xenofobi esaudirebbero il desiderio delle menti occidentali del terrore, fornendo loro reclute di massa.

 

Per questo motivo, la scelta dei tagiki come esecutori dell'attentato al Crocus rientra nell'obiettivo principale della strategia occidentale "Divide et impera": seminare sfiducia e discordia tra la popolazione multinazionale russa, che porterebbe alla destabilizzazione e forse alla guerra civile.

 

 

Tagikistan: Terra di oppressi e tallone d'Achille geopolitico della Russia...

 

C'è un altro aspetto che riguarda il complesso legame della Russia con il Tagikistan: Le forze speciali russe sono di stanza in Tagikistan; il Tagikistan confina a sud con l'Afghanistan talebanizzato... E nessuno sa quale sarà in futuro la posizione dei Taleban nei confronti del Tagikistan e della Russia: amichevole o ostile (quest'ultima preferibile per i transatlantici).

 

Ma sono i traumi del passato che non sono stati risolti... a rappresentare un serio ostacolo.

 

I "tagiki" dell'Asia centrale – un popolo di lingua persiana che vive da migliaia di anni nella regione del Khorasan, sugli altopiani iraniani – sono un popolo oppresso. Fino al XVIII secolo, l'intera Asia centrale è rimasta nel suo secolare regno incapsulato, indisturbata dal mondo esterno occidentale... cioè fino a quando il colonialismo non ha bussato alle porte – prima la variante russa, poi quella britannica. Nel XIX secolo scoppiò un'aspra lotta tra le due potenze coloniali per il controllo della regione. Alla fine, con il consenso della Russia, i britannici riuscirono a creare una zona cuscinetto tra le due potenze coloniali, dividendo l'Iran e creando uno Stato che in seguito sarebbe stato chiamato "Afghanistan" – a spese della popolazione tagica su entrambe le sponde dell'Amu Darya (Oxus). La popolazione tagica fu incorporata nel Governatorato generale del Turkestan russo  (intorno al 1900) sotto l'Impero zarista.

 

Con la nascita dell'Unione Sovietica e il riconoscimento internazionale dell'"Afghanistan" come Stato pashtun, la separazione del popolo tagico divenne definitiva. I tagiki a nord dell'Oxus furono integrati nello Stato sovietico del Tagikistan, mentre i tagiki a sud, in "Afghanistan", dovettero rassegnarsi al dominio pashtun. Iosif Stalin tracciò quindi nuovi confini e assegnò i due grandi centri (città) tagiki "Samarqand" e "Bukhara" alla repubblica sovietica dell'"Uzbekistan", secondo la massima colonialista "Divide et impera". Il passaggio dalla scrittura persiana all'alfabeto cirillico (negli anni Venti), in ultima analisi, ha distrutto il legame iraniano-persiano con il popolo tagico e la sua identità, allontanando così i tagiki di lingua persiana dalla loro storia, dalla loro cultura e dalle loro radici – il che, ovviamente, era voluto.

 

Questa identità danneggiata è uno dei principali fattori che hanno contribuito al successo della "re-islamizzazione" di segmenti della popolazione a partire dagli anni Novanta, quando gli Stati arabi del Golfo – soprattutto l'Arabia Saudita – e le ONG legate ai servizi segreti occidentali hanno letteralmente inondato l'Asia centrale, compreso il Tagikistan, con un sacco di soldi e hanno offerto alle popolazioni ideologie estremiste wahhabite e salafite come sostituto delle loro identità perdute.

 

In nessun altro Paese dell'Asia centrale questo estremismo religioso aggressivo ha trovato un terreno così fertile come in Tagikistan. Dopo la presa di potere dei Taleban in Afghanistan, il fantasma noto come "DAESH-Khorasan"/"ISIS K" sta ora perseguitando la regione.

 

Dopo l'attacco terroristico a Mosca, i politici occidentali e i loro media NATO stanno cercando di affermare questo fantasma come una vera e propria organizzazione terroristica nella regione, bollando il Tagikistan come la patria di "ISIS-Khorasan" nell'opinione pubblica mondiale. È ormai chiaro che la "guerra asimmetrica" – cioè il terrorismo – è l'ultimo e disperato ricorso di un Egemone in declino.

 

Per quanto riguarda la configurazione emergente dello scacchiere geopolitico, sentiremo e vedremo molto di più su questo spettro in futuro, perché sembra che il virtuoso Occidente intenda aprire un nuovo fronte contro l'Asse della Resistenza (Russia, Cina, Iran) in Asia centrale con l'aiuto di questo "DAESH-K".

 

E così l'Afghanistan e il Tagikistan – Khorasan – torneranno ad essere all'altezza della loro fama di eterni campi di battaglia.

 

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti