La supremazia talebana-pashtun in Afghanistan. "La soluzione israeliana per la pashtunizzazione" - (TERZA PARTE)

La supremazia talebana-pashtun in Afghanistan. "La soluzione israeliana per la pashtunizzazione" - (TERZA PARTE)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




Prosegue la pubblicazione del saggio che Tariq Marzbaan ha scritto per Al Maydeen sulla supremazia talebana-pashtun in Afghanistan. 


PRIMA PARTE - Il disco rotto del "Taleban 2.0"


SECONDA PARTE - "La nazione afgana"



--------------------


SEGUE LA TERZA PARTE


di Tariq Marzbaan – Al Mayadeen English

[traduzione: Nora Hoppe]



"LA SOLUZIONE ISRAELIANA PER LA PASHTUNIZZAZIONE"


I due ostacoli incontrati nella seconda parte di questo saggio nella spinta alla pashtunizzazione della società (la geografia etnica e la lingua persiana) non solo hanno galvanizzato le élite pashtun a persistere nella loro repressione – non tanto efficace – della lingua, della cultura e dell'istruzione persiane, ma le hanno condotte a ricorrere a un altro metodo collaudato nel tempo...

Reinsediamento

Il primo reinsediamento di Pashtun in aree non Pashtun, ordinato e praticato dallo Stato, avvenne nel XIX secolo sotto il despota e assassino di massa Amir Abdollrahman (si vantava di aver ucciso circa 120.000 persone). (Egli reinsediò i Pashtun nel nord, nelle aree tagike/uzbeke, e nell'Afghanistan centrale, nelle patrie degli Hazara... dopo aver "ripulito" queste aree dai loro abitanti originari con massacri genocidi, schiavitù ed espulsioni. In questo era guidato dal suo consigliere personale, l'ufficiale britannico Sir Charles Yate.

Le motivazioni alla base della politica di reinsediamento di Amir Abdollrahman e dei suoi numerosi massacri erano più in linea con le circostanze prevalenti e con lo scopo di assicurare il potere a se stesso e al suo clan Mohammadzâyi che non con una lungimirante "agenda di pashtunizzazione". Tuttavia, il suo odio personale per gli Hazara e la paranoia che nutriva nei confronti dei Tagiki hanno certamente giocato un ruolo aggiuntivo in questa politica.

Il reinsediamento sistematico dei pashtun in forma statutaria fu poi istituito nel 1927 con la "The Settlers to Qataghan Act" [la "Legge sui coloni del Qataghan"] sotto il regno di Amanollah Khan, dopo la proclamazione dell'indipendenza dell'Afghanistan come regno.

Qataghan o "Turkestan afghano" erano le vecchie denominazioni di una provincia dell'Afghanistan settentrionale (poi divisa in quattro province più piccole nel 1963). Il titolo di questa legge non implica ovviamente chi sarebbero stati questi coloni, ma ciò diventa chiaro nel suo testo: il reinsediamento riguardava i pashtun delle province orientali e meridionali. A quel tempo, nel Qataghan vivevano soprattutto uzbeki, tagiki e hazara. E si dà il caso che quest'area sia una delle più fertili del Paese.

Dal governo di Amanollah a oggi, i pashtun Ghelzayi hanno continuato a insediarsi in quell'area – a intervalli diversi ma in modo persistente. La legge regola il processo di reinsediamento dei coloni, ma non specifica l'appezzamento di terra che i coloni riceveranno, chi ne è proprietario e come sarà regolato il trasferimento di proprietà.

Questo trasferimento programmatico di pashtun in aree non pashtun è destinato a cambiare radicalmente la composizione demografica della società a favore dei pashtun... il che avverrà sicuramente se continuerà.

Le élite pashtun hanno sempre sostenuto di essere la maggioranza in Afghanistan. Lo ha ribadito recentemente anche il portavoce del governo talebano Zabiholla Mojahed quando, riferendosi ai critici che chiedevano un governo "inclusivo" di altri gruppi etnici, ha detto: "Il nostro governo è pashtun perché noi [i pashtun] siamo la maggioranza". Ma anche le élite pashtun non sono mai state sicure della veridicità di questa affermazione. È per questo che i governi pashtun hanno sempre evitato un censimento accurato e consumato.

Gli ultimi sviluppi in questo senso non lasciano presagire nulla di buono. Nel giugno 2023, il Ministro degli Interni pakistano Rana Sanaullah ha dichiarato in un'intervista a "Voice of America" che il suo governo ha ricevuto una proposta dai taleban in cui si offriva di deportare i membri del TTP (Tehrike Talebane Pakistan – il Movimento Talebano del Pakistan) residenti in Afghanistan dal sud dell'Afghanistan, al confine con il Pakistan, verso altre aree.

Più tardi, Zabihollah Mojahed ha confermato che gli immigrati pakistani del Waziristan settentrionale saranno trasferiti in aree dell'Afghanistan settentrionale e nord-occidentale, in modo da non costituire più "una minaccia per la sicurezza del Pakistan". Anche prima di questi annunci ufficiali, ci sono state numerose segnalazioni di Pashtun armati (che non parlavano né capivano una parola di persiano) che si sono spostati in grandi gruppi nel Badakhshan, nel Panjshir e in altre province settentrionali, dove hanno invaso le proprietà e le abitazioni della popolazione locale e li hanno costretti a lasciare le loro case.

Nel frattempo, si moltiplicano le notizie di scontri tra la popolazione locale e i pashtun armati...

L'argomento della "sicurezza" usato dai taleban e dai funzionari pakistani non è altro che una farsa. Non sarebbe un problema per i combattenti del TTP penetrare in territorio pakistano anche dal nord dell'Afghanistan per compiere i loro attacchi terroristici.

Inoltre, insieme ad altri gruppi terroristici islamici provenienti dalla Cina e dalla regione dell'Asia centrale, anch'essi trasferiti a nord dai taleban, rappresentano una minaccia ancora più grave per i vicini settentrionali dell'Afghanistan che non può essere ignorata.

Il blocco USA/NATO conta su questi estremisti per l'imminente programma di destabilizzazione dell'Asia centrale, volto a contenere la Cina e la Russia e a sottomettere le loro popolazioni, fino al confronto militare diretto. Inoltre, nella spinta alla loro agenda di destabilizzazione, la talebanizzazione e la pashtunizzazione dell'intero Afghanistan possono compensare le perdite dell'Arabia Saudita come vassallo e la precedente strumentalizzazione dell'IS/Wahhabismo. Alcuni esperti sospettano che questi punti possano essere stati discussi in segreto nei colloqui di Doha (USA-taleban) e che facciano segretamente parte dell'accordo di Doha.

Secondo un rapporto del sito Sangar, un organo di informazione indipendente anti-taleban dell'Afghanistan, il 17 luglio a Kabul e il 19 luglio a Mazare Sharif si è svolto un incontro segreto tra i taleban e i rappresentanti di Stati Uniti, Regno Unito e Pakistan. Questo incontro sarebbe stato incentrato sull'attuazione di alcuni paragrafi – finora segreti – dell'Accordo di Doha, in cui i taleban si erano impegnati a lavorare per gli interessi degli USA/NATO in Asia centrale. Di conseguenza, verrà aperto un ulteriore fronte vicino al fianco meridionale della Russia, con l'intenzione di destabilizzare l'Asia Centrale e di attirare la Russia nella mischia... con l'obiettivo finale di cambiare l'equilibrio della guerra in Ucraina a favore degli Stati Uniti e della NATO.

Il Pakistan si aspetta anche diversi vantaggi da questa operazione di reinsediamento:

  • Si libererà del problema del TTP sul proprio territorio.
  • Grazie ai potenziali attacchi terroristici del TTP provenienti dal territorio afghano (e a quelli simulati dall'ISI), il Pakistan può presentarsi come vittima innocente del terrorismo e accedere al sostegno finanziario e politico dell'Est e dell'Ovest, cosa che ha già fatto con successo in passato.
  • Dal punto di vista demografico, la popolazione pashtun (la seconda più numerosa in Pakistan dopo i panjabi) si ridurrà, liberando terreno per il Paese, già sovrappopolato.
  • In Afghanistan, i Pashtun costituiranno la maggioranza effettiva in pochi decenni e la loro aspirazione all'abolizione della Linea Durand sarà indebolita o addirittura abbandonata.

 

Le attuali circostanze a livello internazionale sono ottimali per i taleban e i loro alleati "nazionalisti" per spingere la pashtunizzazione/ talebanizzazione dell'Afghanistan: il mancato riconoscimento del loro Stato, la crescente erosione dell'economia e della sicurezza in Occidente e la preoccupazione del resto del mondo per i propri problemi esistenziali hanno dato loro libero sfogo.

Certo, è un diritto umano naturale che le persone vadano dove possono vivere o sopravvivere meglio, e i cittadini di uno Stato dovrebbero avere il diritto di scegliere dove vivere, anche all'interno del proprio Paese. Ma quando i reinsediamenti di massa di gruppi specifici, con obiettivi politici specifici, sono imposti da chi detiene il potere, possono provocare conflitti, ingiustizie e oppressioni che alla fine portano a rivolte e spargimenti di sangue.

 

L'agonia dei parsiwân

La situazione dei Parsiwân e di altri gruppi etnici appare catastrofica. Sono senza leader e in uno stato desolante. I loro leader politici corrotti, che hanno stretto patti con gli Stati Uniti/NATO e con le élite pashtun e si sono completamente subordinati a loro, sono tutti fuggiti e sperano nel sostegno dei loro padroni occidentali e nella clemenza dei taleban se dovessero tornare in Afghanistan per qualsiasi motivo. In ogni caso, hanno perso la loro influenza e la loro posizione tra la popolazione di base. Inoltre, non hanno né idee, né mezzi, né tantomeno l'intenzione di riconquistare una qualche influenza. Sono sprecati e inutili.

La leadership della società non pashtun è ora esclusivamente nelle mani dei chierici locali – i mullah e i maulawi – che non hanno comunque nulla contro i taleban e preferiscono semplicemente recitare in arabo i versetti del Corano e gli hadith del Profeta in tutte le questioni.

Quella che un tempo era una sorta di "intellighenzia" della società è stata decimata durante la guerra dei quarant'anni o è semplicemente morta di vecchiaia – con l'eccezione di pochi rappresentanti sopravvissuti al di fuori del Paese che non hanno contatti diretti con la popolazione. E quei pochi "rappresentanti" sono divisi tra loro e privi di qualsiasi concetto.

In ogni caso, questi problemi non preoccupano gli altri Stati, siano essi dell'Est o dell'Ovest... I loro interessi potrebbero essere meglio serviti concentrandosi sui taleban e sui pashtun... a meno che non riescano improvvisamente a strumentalizzare i problemi dei parsiwân a proprio vantaggio.

Mosca, Teheran e Pechino – avendo svolto un ruolo importante, anche se indiretto, nella lotta dei taleban per estromettere gli Stati Uniti dalla regione – hanno interagito direttamente con i taleban dopo la loro presa di potere, nonostante non li abbiano ancora riconosciuti come autorità legittima. Tuttavia, poiché questi Stati stanno ancora aspettando che essi soddisfino le condizioni per il riconoscimento (l'istituzione di un governo "inclusivo", la cessazione del traffico di droga e la garanzia di sicurezza per gli Stati confinanti), hanno ora adottato un tono più duro con i taleban.

La presenza di combattenti pakistani del TTP in Afghanistan (nel sud e nel sud-est) e le recenti notizie di un loro trasferimento nel nord e nel nord-ovest del Paese, nonché le minacce degli altri numerosi gruppi terroristici islamici presenti in Afghanistan, preoccupano ovviamente i parsiwân e gli altri non pashtun. Ma ora non mostrano alcun interesse per una resistenza armata contro i taleban, perché ciò porterebbe solo a una guerra civile. Un'altra ragione di questa loro posizione potrebbe essere dovuta al fatto che non c'è all'orizzonte un movimento di resistenza significativo con una figura leader forte (come Ahmadshah Massoud). Al momento non esiste un sostituto dei taleban.

La resistenza armata che si è formata spontaneamente nelle valli dell'Hindukush nei primi giorni dopo la presa di potere dei taleban è ormai un fantasma ed esiste solo in un mondo parallelo digitale.

In questa prospettiva, i giorni della lingua persiana come elemento di formazione dell'identità e pilastro della cultura nell'"Afghanistan donato da Dio" sono contati. L'alta cultura iraniana e i giorni di gloria del Khorasan appariranno forse come semplici note a piè di pagina nei libri di storia pashtun-talebani.

Sebbene la popolazione sia estremamente impoverita, esaurita della guerra e stia lottando duramente per la sopravvivenza quotidiana, una consapevolezza si sta facendo strada tra di loro: solo una rivolta violenta e su larga scala contro i taleban e le élite pashtun scioviniste potrebbe forse scongiurare questo destino... ma solo a un alto costo di sangue da entrambe le parti. Ancora una volta...

L'unica speranza – cieca – è il "Futuro" stesso, che è il fattore più imprevedibile della vita. La coscienza e l'illuminazione giocheranno ovviamente il ruolo principale.



NOTA: In questo testo, il termine "parsiwân" è utilizzato per indicare la popolazione di lingua persiana, poiché questo termine è comune a tutte le persone in Afghanistan per questo gruppo. Di conseguenza, "afghano" va inteso come "pashtun".

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti