La supremazia talebana-pashtun: "la nazione afgana" (Seconda parte)

La supremazia talebana-pashtun: "la nazione afgana" (Seconda parte)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Prosegue la pubblicazione del saggio che Tariq Marzbaan ha scritto per Al Maydeen che mette in luce la supremazia talebana-pashtun in Afghanistan. Dopo la Prima Parte che si concentrava sul "disco rotto dei Taleban" di seguito la seconda Parte tradotta da Nora Hoppe


-------------------------------------------

di Tariq Marzbaan – Al Mayadeen English

 

PARTE 2: La "nazione afghana" e la questione dell'identità

 

Tirapiedi…

 

I popoli dell'Afghanistan sono sempre stati visti come tirapiedi dai loro governanti (e anche da loro stessi), e sono stati affrontati e trattati come tali.

Amanollah Khan ha usato per la prima volta il termine "nazione" per riferirsi alla popolazione nel 1919, ma il termine "afghano" è stato applicato per legge a tutti i cittadini nella costituzione del 1964.

Ciononostante, la maggior parte delle persone non pashtun continua ancora oggi a distinguere tra "afghani" (pashtun) e se stessi nella vita quotidiana – con grande disappunto dei cittadini filogovernativi; solo all'estero dicono di essere "afghani" – ovviamente per forza.

Tutti i tentativi di costringere la maggioranza della popolazione non pashtun ad accettare un'identità "afghana" sono finora falliti. Ma la coercizione non è stata la vera ragione di questo fallimento. La coercizione era e rimane semplicemente una conseguenza e un sintomo di altri fattori sottostanti. Alcuni di questi fattori appartengono a un passato lontano, ma altri sono ancora presenti e rilevanti. A parte la pretesa dei pashtun di essere gli unici governanti etnici legittimi del Paese, ci sono due principali "ostacoli" nel loro programma di pashtunizzazione:

 

  1. l'eterogenea composizione etnica della società, insieme alla natura politica interna e alla configurazione geografica del Paese

  2. la lingua persiana come lingua franca della regione, insieme all'inscindibile coscienza storica e civile di un popolo che abita la sfera d'influenza di questa lingua, che per secoli ha abbracciato una vasta area geografica.

 

Questi due ostacoli sono per certi versi strettamente legati.

Il primo ostacolo all'agenda della pashtunizzazione: la società, la geografia e la struttura sociale dell'Afghanistan

L'Afghanistan è un'entità storica e geografica costituita da una moltitudine di popoli e gruppi etnici con lingue, storie locali, tradizioni, culture, religioni e confessioni diverse.

In passato, questa entità è sempre stata parte integrante di un grande territorio imperiale – come gli imperi degli achemenidi, dei kushan, dei sassanidi e dei greci (Alessandro, Seleucidi) nell'antichità; degli amavidi, degli abbasidi, dei mongoli, dei turchi (dall'Asia centrale) in epoca medievale; dei moghul (discendenti dei mongoli in India), dei safavidi e degli afghani in epoca moderna – solo per citare i maggiori.

Allo stesso tempo, gli abitanti di questi imperi erano cittadini o sudditi di regni minori, sultanati, emirati e altri domini locali, i cui confini si spostavano spesso in seguito a guerre e alla fondazione di nuovi imperi, diventando più piccoli o più grandi a seconda dei casi. Eppure, in tutti questi tempi, oltre all'identità locale, una caratteristica fondamentale rimase costante tra i popoli: l'"identità iraniana", associata alla lingua persiana.

 

Il secondo ostacolo all'agenda della pashtunizzazione: la lingua persiana

I colonialisti britannici avevano giustamente capito che per riuscire a sottomettere e occupare un Paese o a portarlo sotto la loro influenza, avrebbero sempre avuto bisogno di alleati tra le élite locali. In Afghanistan, questi erano i capi tribali dei Dorrani (una delle più grandi tribù pashtun che formavano l'aristocrazia tra i pashtun), che a loro volta si alleavano con i capi locali della popolazione non pashtun.

Questa pratica non serviva ad altro che alla vecchia conservazione degli interessi di classe per l'élite al potere. Questo è anche il motivo per cui la popolazione poteva essere vincente sul campo di battaglia militare, ma era sempre perdente sul campo politico, perché su questo campo ha sempre ceduto la propria "lotta" alle élite, la cui priorità era quella di preservare e fortificare le proprie posizioni e i propri interessi.

Per i Dorrani, lo "Stato" e il Paese chiamato Afghanistan era "donato da Dio" – come era solito dire Amir Abdollrahman. Le loro aspirazioni si limitavano a stabilire e consolidare il loro dominio in primo luogo sulle tribù pashtun rivali e in secondo luogo sui leader del resto della popolazione. Finché i pashtun tenevano conto degli interessi dei non pashtun, il loro governo era accettabile per questi ultimi. È sempre stato così.

I non pashtun, soprattutto i parsiwân (cittadini di lingua persiana), sono sempre riusciti a scendere a patti con gli invasori e i governanti stranieri più potenti, sapendo che, per mantenere il loro dominio, avevano bisogno dei parsiwân per amministrare l'impero conquistato. I parsiwân si aspettavano da questo accordo non solo la loro sovranità culturale e linguistica, ma anche la sovranità (amministrativa) sui loro territori, che di solito veniva loro concessa.

Fu così che i governanti etnicamente stranieri consegnarono le redini della politica e dell'amministrazione del loro impero ai parsiwân e si accontentarono di ciò che era loro dovuto: il privilegio di ottenere la loro parte di ricchezza materiale e il diritto di essere governanti.

Con queste premesse, non sorprende che tutti gli invasori stranieri – dopo aver conquistato la regione e averla incorporata nel loro impero – non solo abbiano riconosciuto la sovranità dell'alta cultura iranica e della lingua persiana ad essa associata, ma siano addirittura diventati zelanti e sostanziali promotori di questa cultura e di questa lingua. Le epoche dei greci, dei mongoli, dei turchi ghaznavidi, dei selgiuchidi, dei timuridi e dei moghul lo testimoniano.

Ogni volta che un sovrano violava o cercava di eliminare questa sovranità, la resistenza e la lotta diventavano all'ordine del giorno, come nel caso dei 200 anni di dominio degli arabi amavidi. Gli amavidi dovettero infine rinunciare al loro progetto di arabizzare l'Iran (e con esso il Khorasan) a causa di lotte accanite e incessanti e della fondazione di regni irano-persiani sovrani.

In altre parole: i parsiwân non hanno mai avuto grossi problemi con la dominazione straniera, finché è stato loro permesso di godere e di coltivare il loro patrimonio culturale e linguistico nel corso della loro storia.

Per i pashtun – che hanno condiviso la stessa geografia e più o meno la stessa storia per secoli – non è stato diverso... cioè: fino a quando, nel 1919, Amanollah Dorrani ha dichiarato la regione uno Stato sovrano e se stesso re. Designando lo Stato come "nazione afghana", cercò di imporre ai pashtun la rivendicazione di tutta la terra per legge e la sovranità della loro lingua tribale, il pashto. Questo diede inizio alla prima rivolta tagica contro il dominio "afghano" – inizialmente riuscita e poi brutalmente repressa.

Da allora, un clima sempre più profondo e ampio di diffidenza e ostilità, persino di aperta inimicizia, tra afghani e non afghani, soprattutto tra le classi istruite, iniziò a permeare l'intero Paese. La guerra civile e le devastanti battaglie tra i tagiki guidati da Rabbani e Massoud contro i pashtun guidati da Hekmatyar negli anni '90 e la conseguente formazione e nascita dei Taleban devono essere viste in questo contesto.

Le élite pashtun "nazionaliste" vedevano nella lingua persiana il più grande ostacolo alla formazione della loro desiderata "nazione afghana" e alla pashtunizzazione della società. Allo stesso tempo, erano consapevoli del fatto che la lingua pashto era una lingua regionale non sviluppata, rilevante solo per le tribù pashtun e che quindi non poteva nemmeno lontanamente competere con la lingua persiana.

Ciononostante, le élite pashtun riuscirono – in meno di cento anni – a danneggiare notevolmente la lingua persiana e quindi i parsiwân in Afghanistan. I greci, i mongoli e gli arabi invasori erano noti per aver bruciato libri, distrutto edifici e monumenti, saccheggiato ampiamente e commesso orribili massacri, ma la lingua persiana e l'identità civile ad essa associata sono sopravvissute a tutti questi orrori – grazie in gran parte alla devozione che questi invasori hanno poi dimostrato per la lingua e la sua cultura.

Nell'ambito del programma di pashtunizzazione, molti nomi antichi e storicamente carichi di certe località furono cambiati con nomi improvvisati in pashto. Molte parole e termini persiani usati nei campi dell'amministrazione, dell'istruzione, della cultura e dell'economia furono banditi e frettolosamente sostituiti con parole pashto arbitrarie o equivalenti in altre lingue. Parole e frasi comunemente usate in Iran furono prese particolarmente di mira. I dipendenti statali, che avevano poca o nessuna padronanza della lingua pashto, furono obbligati a frequentare corsi di pashto o ad essere penalizzati.

Il "dari" – un termine determinante che ha una funzione storica e linguistica – è stato improvvisamente dichiarato lingua indipendente con l'obiettivo di distruggere l'"identità persiana" e creare una divisione storica e culturale tra i parsiwân e l'Iran storico e contemporaneo: dari e persiano erano ora visti come due lingue diverse e separate. Ma il fatto è che "dari" è semplicemente un termine linguistico per indicare l'ultimo stadio dell'evoluzione della lingua persiana! Di conseguenza, la lingua comune parlata e scritta in Afghanistan, Tagikistan e Iran è lo stesso "persiano dari" che da oltre 1000 anni è la lingua vernacolare, ufficiale, culturale ed educativa ampiamente utilizzata in questa regione.

L'atteggiamento sciovinista delle élite pashtun può essere visto anche come una reazione all'atteggiamento altrettanto sciovinista delle élite iraniane durante il regno di Reza Shah Pahlavi (1941-1979). Il diffuso sciovinismo iraniano ha influenzato in egual misura la popolazione e le élite afghane in entrambi i campi (afghano e parsiwân), anche se con atteggiamenti diversi, a volte contrastanti, a volte complementari. Allo stesso modo, lo sciovinismo iraniano – espresso, tra l'altro, dall'arabofobia e dall'afghanofobia – ha contribuito a creare una relazione disfunzionale tra i Parsiwâns in Afghanistan e in Iran. (Il tema dello sciovinismo iraniano è complesso e merita uno studio e un'analisi a parte).

 

NOTA: In questo testo, il termine "Parsiwân" è utilizzato per indicare la popolazione di lingua persiana, poiché questo termine è comune a tutte le persone in Afghanistan per questo gruppo. Di conseguenza, "afghano" va inteso come "pashtun".

 

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti