Fox News rimuove da un'intervista la risposta di Zelensky a una domanda sul battaglione Azov e le sue 'atrocità'

Fox News rimuove da un'intervista la risposta di Zelensky a una domanda sul battaglione Azov e le sue 'atrocità'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha recentemente ammesso in un'intervista alla rete statunitense Fox News che il battaglione nazista Azov è parte integrante dell'esercito ucraino.

Alla domanda sulle "atrocità" commesse dal battaglione Azov e sui suoi possibili legami con il nazismo, il presidente ucraino ha dichiarato: "Azov era uno di questi tanti battaglioni (nazisti). Sono quello che sono". "Stavano difendendo il nostro Paese e poi, voglio spiegarvi, tutti i membri di quei battaglioni sono stati incorporati nell'esercito ucraino", ha detto, ribadendo che "i combattenti Azov non sono più gruppi autocostituiti, sono una componente dell'esercito ucraino".

Allo stesso modo, Zelensky ha confermato che nel 2014 diversi membri dei battaglioni neonazisti "hanno violato le leggi dell'Ucraina", "sono stati portati in tribunale e hanno ricevuto pene detentive". "Quindi la legge è al di sopra di tutto", ha concluso il presidente ucraino che così crede di poter uscire indenne da quel processo avviato in precedenza, ma continuato a pieno ritmo sotto la sua presidenza, di nazificazione dell’Ucraina.

Fox News ha pubblicato l'intervista sabato scorso sul suo canale YouTube, ma ha deciso di rimuovere quel frammento quando è stato caricato sulla piattaforma. Tuttavia, gli utenti di Internet lo hanno salvato dalla trasmissione in diretta e hanno diffuso l’intervista integrale sui social network.

Diversi residenti in Ucraina hanno denunciato la tortura di civili e soldati da parte di nazisti ucraini e hanno affermato che il battaglione Azov ha usato la popolazione civile come scudo umano, ha rubato cibo e sottratto persino le loro case.

Da parte sua, Yaroslav Yeremin, rappresentante della delegazione russa presso il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ha denunciato mercoledì le sparatorie nella città di Mariupol da parte dei combattenti dei battaglioni nazionalisti Azov e del Settore Destro contro "i profughi che cercavano di lasciare la città in la direzione della Russia”. Ha anche sottolineato che 300 civili sono stati presi in ostaggio a Nikólskoye il 13 marzo mentre il battaglione Aidar si ritirava.

Insomma, abbiamo anche l’ammissione, Zelenski era ben conscio di quel che accadeva nel suo paese e dove avrebbe portato l’Ucraina con questa condotta sciovinista e ultranazionalista. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO