/ Francia, Regno Unito e Stati Uniti pagheranno mai per quello che ...

Francia, Regno Unito e Stati Uniti pagheranno mai per quello che hanno fatto allo Yemen?

 

Un recente rapporto del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha messo in luce il ruolo degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Francia nella distruzione dello Yemen, dando avvio a dibattiti sulla responsabilitÓ di questa carneficina.


Segue l'articolo di Darius Shahtahmasebi, analista politico e legale in Nuova Zelanda, si occupa di politica estera, in particolare del ruolo degli Stati Uniti in Medio Oriente, Asia e Pacifico
 
Rinomato attivista, difensore della libertà di stampa, il premio Nobel Tawakul Karman una volta ha dichiarato allo Yemen Times che “verrà un giorno in cui tutti i violatori dei diritti umani pagheranno per quello che hanno fatto allo Yemen." Questa dichiarazione è stata fatta anni prima che gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia consentissero a una coalizione guidata dai sauditi di devastare l'intera popolazione civile dello Yemen attraverso una serie di azioni criminali.
 
Grazie a un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato la scorsa settimana, potremmo essere più vicini a vedere un po' di responsabilità per le azioni criminali di tutti i violatori dei diritti umani che hanno usato il popolo dello Yemen in un gioco di scacchi crudele e geopolitico per promuovere la propria agenda. Ma i governi occidentali saranno ritenuti responsabili o è ancora un altro caso di pio desiderio?
 
Per coloro che hanno seguito e documentato da vicino il conflitto nello Yemen, il rapporto delle Nazioni Unite non ci dice esattamente tutto ciò che non sapevamo o sospettavamo già. Il documento sostiene che gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia, oltre agli ovvi colpevoli della coalizione guidata dai sauditi, hanno un certo grado di complicità in una serie di potenziali crimini di guerra negli ultimi cinque anni, tra cui attacchi aerei, bombardamenti indiscriminati, cecchini, mine terrestri, uccisioni e detenzione arbitrarie, torture, violenza sessuale e di genere e fame come metodo di guerra.
 
È interessante notare che gli esperti delle Nazioni Unite hanno identificato persone che potrebbero essere responsabili di crimini internazionali e hanno trasmesso tali nomi all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite. Laddove non era possibile individuare i nomi, gli esperti hanno invece preso nota dei gruppi responsabili.
 
Forse questa volta, il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite - che, tra l'altro, ha l'Arabia Saudita come membro fino alla fine dell'anno - non sta giocando.
 
"Questa impunità endemica - per violazioni e abusi di tutte le parti in conflitto - non può più essere tollerata", ha affermato il presidente del comitato ONU. “Le inchieste indipendenti devono avere il potere di rendere responsabili coloro che non rispettano i diritti del popolo yemenita. La comunità internazionale deve smettere di chiudere un occhio su queste violazioni e sull'intollerabile situazione umanitaria."
 
Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, le implicazioni sono più di quanto ci si potrebbe aspettare. Se dovessimo adottare le conclusioni del rapporto, anche paesi come l'Australia dovrebbero riesaminare le loro politiche.
Non c'è motivo di preoccuparsi, perché secondo un portavoce del governo britannico, “il Regno Unito è stato in prima linea negli sforzi internazionali per portare una soluzione diplomatica al terribile conflitto nello Yemen.”
 
Bene, in realtà, il governo del Regno Unito assiste la coalizione guidata dai sauditi nel bombardare lo Yemen facendo sedere il suo personale nella sala di comando e controllo che coordina la consegna degli attacchi, fornendo bombe di fabbricazione britannica a grappolo distruttive sullo Yemen, addestrando i piloti sauditi, mantenendo e preparare aerei britannici all'interno dell'Arabia Saudita con l'aiuto di ingegneri britannici e migliaia di appaltatori britannici, fornendo truppe per assistere con la missione di terra a guida saudita all'interno dello Yemen, e l'elenco continua.
 
Come ha detto un dipendente della BAE al Channel 4 del Regno Unito, " loro [i sauditi] non potevano farlo senza di noi. Se non fossimo lì, in 7 e 14 giorni non ci sarebbe un jet in cielo ."
Forse è questo che ha spinto lo storico britannico Mark Curtis a twittare: "Nessun ministro del dopoguerra è mai stato ritenuto responsabile di crimini di guerra all'estero, nonostante numerosi episodi orrendi nella politica estera del Regno Unito ".
 

 
Passiamo alla Francia. Mentre il presidente Emmanuel Macron fa il giro del mondo con il pretesto di un aiuto umanitario, chiedendo tolleranza, rispetto e diplomazia in tutto il pianeta, nel rapporto c'è un forte richiamo al fatto che la Francia è altrettanto colonialmente motivata a colpire i paesi poveri a porte chiuse.
 
Un documento trapelato dalla sezione di intelligence militare francese del Ministero della Difesa ha reso noto l'uso deliberato delle armi francesi nella guerra in Yemen. Le armi includono carri armati e sistemi missilistici a guida laser che sono stati venduti sia all'Arabia Saudita che agli Emirati Arabi Uniti, i principali leader della guerra. Secondo quanto riferito, il documento è stato presentato allo stesso Macron, che difficilmente può nascondersi dietro la nuvola della sua immagine esteriore come mediatore di pace (in precedenza, la Francia affermava che le armi vendute al Regno erano solo a scopo di autodifesa). Secondo i rapporti , le immagini satellitari, i video e le fotografie scattate dai civili affermavano che alcuni di questi carri armati acquistati dagli Emirati Arabi Uniti avevano preso parte alle offensive della coalizione, inclusa la brutale campagna per costringere Hodeidah a sottomettersi.
 
Come nel caso del Regno Unito, il ruolo francese nel conflitto va oltre quello delle vendite di armi. I rapporti affermano che dall'inizio della guerra, il personale francese " volò per missioni di ricognizione" sulle postazioni degli Houthi a beneficio dell'Arabia Saudita e continuò ad addestrare i suoi piloti di caccia. Secondo quanto riferito, la Marina francese è intervenuta anche per garantire la continuazione del blocco economico sullo Yemen quando la flotta dell'Arabia Saudita si è ritirata per manutenzione nel 2016. 
 
Il ruolo degli Stati Uniti in questa atrocità è ampiamente evidente a chiunque abbia seguito il conflitto o comprenda la natura di base della geopolitica mediorientale. Potrei scrivere interi libri su questo argomento se avessi il tempo.
 
Ma ciò che sarà interessante vedere è se questo rapporto sia il primo passo in una direzione che vede gli Stati Uniti ritenuti responsabili della loro partecipazione a questi atti criminali internazionali. Secondo una risposta e-mail che ho ricevuto dalle Nazioni Unite, il Consiglio per i diritti umani spera che, man mano che il loro lavoro continuerà, le loro scoperte e raccomandazioni si evolveranno di conseguenza. Notano, tuttavia, che molti stati si oppongono a questo scenario.
 
C'è stato un breve periodo di tempo in cui la CPI sembrava suggerire che avrebbe iniziato a combattere il colosso che sono gli Stati Uniti per i suoi crimini commessi in Afghanistan, ma la speranza per quel progetto è crollata completamente all'inizio di quest'anno . Se non riusciamo a ottenere un'indagine sui crimini di guerra in Afghanistan, allora chissà cosa possiamo sperare di ottenere nel campo dei diritti umani nel prossimo futuro.
 
L'ironia è che i tre principali colpevoli, gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia, tendono a in tutto il mondo ad insegnare i diritti umani, libertà e democrazia. Nessuno di questi principi si applica al popolo dello Yemen, che viene punito collettivamente per ragioni che non mi sono ancora chiare.
 
A mio avviso, i tempi del rilascio del rapporto non potrebbero essere più appropriati e potrebbero potenzialmente generare una discussione globale sulla sfortunata situazione che affligge lo Yemen (la nazione più povera del mondo arabo). 
 
Pochi giorni fa, una raffica di attacchi aerei della coalizione ha ucciso oltre 100 persone e ferito altre decine in un centro di detenzione Houthi nello Yemen. Mettendo da parte il diritto internazionale, anche un laico dovrebbe pensare che un centro di detenzione sia escluso dagli attacchi in una zona di guerra per sua stessa definizione. (Sono detenuti; dove possono correre in caso di attacco aereo?)
 
Secondo il capo della delegazione della Croce Rossa in Yemen, " 90 parti del corpo " sono state recuperate durante la risposta iniziale a questo recente attacco. Un atto eccessivamente crudele, anche per la coalizione guidata dai sauditi.
 
Si può solo sperare che il rapporto delle Nazioni Unite possa contribuire a porre fine a questi tipi di attacchi in futuro, non facendo pressione sull'Arabia Saudita e sulla sua coalizione, ma influenzando i decisori che consentono che questi atti orribili vadano avanti senza sosta.
 
Come ho detto, il rapporto delle Nazioni Unite non ha confermato nulla che non sapessimo già, né ha dettagliato nulla che i legislatori di tutto il pianeta non sapessero già da anni. In altre parole, conosciamo da tempo le potenziali conseguenze legali per il nostro sostegno a una coalizione che polverizza lo Yemen, e questo non ha cambiato la nostra mentalità. Diavolo, ci voleva l'uccisione di un giornalista del Washington Post per la Germania per cambiare la sua melodia (l'uccisione di civili innocenti non la colpisce del tutto).
 
Inoltre, avere un'indagine di due anni per iscritto da parte di un gruppo di esperti delle Nazioni Unite aiuta sicuramente la nostra causa e alla fine potrebbe aiutare la profezia di Tawakul Karman a diventare realtà nel medio e lungo termine futuro.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa