/ "Gli attacchi di Israele alla Siria per tenere alto il morale dei...

"Gli attacchi di Israele alla Siria per tenere alto il morale dei terroristi"

 

Il rappresentante permanente della Siria presso le Nazioni Unite, Bashar al-Jaafari ha sottolineato che l'Occidente ha complottato contro la Siria con l'obiettivo di cambiare le posizioni, le politiche e l'identitÓ nazionale del paese per favorire il progetto di "Nuovo Medio Oriente" che imita quello di Israele e annulla il diritto del popolo palestinese a stabilire il proprio stato indipendente.


Il rappresentante permanente della Siria presso le Nazioni Unite, Bashar al-Jaafari Al-Jaafari durante una riunione del Consiglio di sicurezza dell'ONU, tenutasi ieri, per discutere della situazione in Siria, ha ribadito che gli USA, la Gran Bretagna e la Francia non hanno prove che lo stato siriano abbia usato armi chimiche, ma i funzionari dell'intelligence USA e i loro agenti all'interno della Siria non sono riusciti a dimostrare le loro accuse poiché le prove indicano che le organizzazioni terroristiche sono dietro al lancio di questi attacchi usando armi proibite.
 
Il diplomatico siriano ha osservato che l'aggressione israeliana alla Siria giunge come completamento alle sue politiche aggressive e ai disperati tentativi di fornire sostegno morale ai gruppi terroristici che subiscono le successive sconfitte dell'esercito arabo siriano e ai suoi sforzi per ripulire il territorio siriano, sottolineando che questo atto viola l'accordo "disimpegno delle forze" firmato nel 1974 e le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in particolare la risoluzione n. 350 (1974).
 
Al-Jaafari ha ribadito la richiesta della Siria al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di assumersi le proprie responsabilità nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionali e di adottare misure ferme e immediate per ritenere l'entità israeliana responsabile del terrorismo e dei crimini che costituiscono una flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite e delle regole del legge internazionale.
 
Ha aggiunto che preservare la vita dei siriani richiede la cooperazione con il governo siriano e il sostegno ai suoi sforzi per sradicare il terrorismo invece di manipolare le menti degli ufficiali dell'intelligence occidentale attraverso termini fuorvianti come "un'opposizione siriana armata moderata" o "gruppi armati non statali", o "stato del califfato islamico" o "gruppi jihadisti ".
Jafaari ha chiesto perché il governo francese continui a fornire copertura politica ai gruppi terroristici in Siria, nonostante il fatto che questi siano gli stessi gruppi che hanno attaccato il teatro Bataclan a Parigi e le autorità francesi hanno ammesso il rischio che questi terroristi, attraverso le dichiarazioni fatte dal Ministro degli Esteri francese,  il quale ha messo in guardia dalle conseguenze dell'operazione militare siriana a Idlib sulla sicurezza in Europa e sui timori del flusso di migliaia di terroristi verso l'Europa.
 
Al-Jaafari ha sottolineato che la Siria ha fornito al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite informazioni serie diffuse dai mass media olandesi sul coinvolgimento del governo olandese nei finanziamenti e sull'offerta di supporto logistico ai gruppi terroristici in Siria, aggiungendo che "l'atto del governo olandese non sarebbe considerato un violazione delle sue responsabilità come membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionali?"
 
Il rappresentante siriano all'ONU ha evidenziato gli incessanti sforzi della Siria per raggiungere una soluzione politica attraverso il dialogo intra-siriano guidato dalla Siria senza alcun intervento straniero e con priorità data all'antiterrorismo, il ritorno dei siriani sfollati nelle loro case, il lancio del processo di ricostruzione e la liberazione delle rimanenti aree siriane dai terroristi e dalle forze straniere presenti illegalmente.
 
Al-Jaafari ha ribadito  che il governo siriano ha adempiuto ai propri obblighi in merito alla commissione sulla discussione delle attuali costituzioni e ha presentato i nomi dei suoi rappresentanti.
 
Il diplomatico siriano ha espresso apprezzamento per la Russia e l'Iran per i loro sforzi, in particolare il recente incontro al vertice di Teheran e l'accordo su Idlib firmato ieri a Sochi.
"La Siria accoglie favorevolmente qualsiasi iniziativa che risparmi lo spargimento di sangue dei siriani e contribuisca al ripristino della sicurezza in ogni luogo colpito dal terrorismo e che la Siria continui la sua guerra contro il terrorismo fino alla liberazione dell'ultimo pollice del suo territorio, sia con operazioni militari o riconciliazioni ", ha aggiunto.
 
"L'accordo di Idlib annunciato ieri è un accordo vincolato al tempo e fa parte dei precedenti accordi sulle zone di de-escalation derivanti dalla pista di Astana dall'inizio del 2017, essenzialmente derivanti dall'impegno per la sovranità e l'integrità territoriale dei territori siriani, nonché liberando tutti i territori siriani sia dal terrorismo e dai terroristi o da qualsiasi presenza straniera illegittima ", ha concluso.
 
Fonte: SANA
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa