Gli Stati Uniti aumentano segretamente le consegne di armi a Israele

Gli Stati Uniti aumentano segretamente le consegne di armi a Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Non è un mistero che gli Stati Uniti d’America sono complici di Israele nel massacro della Striscia di Gaza. Il problema è che, il loro appoggio ad Israele, come ha riferito ieri Bloomberg, si è addirittura intensificato.

In un documento risalente alla fine dello scorso ottobre, intitolato “Israel Senior Leader”, sono elencate le armi che Tel Aviv sta cercando per completare il suo massacro a Gaza.

Sono incluse nell’elenco: “missili a guida laser per la sua flotta di cannoniere Apache, così come proiettili da 155 mm, dispositivi per la visione notturna, munizioni anti-bunker e nuovi veicoli militari […] che vanno oltre la ben pubblicizzata fornitura di intercettori Iron Dome e Bombe intelligenti della Boeing Co.”

Washington non ha perso tempo e secondo Bloomberg sta già esaudendo i desideri di Tel Aviv con la spedizione delle armi richieste. Non solo, il Dipartimento della Difesa sta inviando altro materiale bellico dai suoi magazzini negli USA e in Europa.

Dunque, come si evince dal documento di Bloomberg, 36.000 di munizioni per cannoni da 30 mm, 1.800 munizioni anti-bunker M141 e un minimo di 3.500 dispositivi per la divisione notturna sono stati consegnati a Israele.

Il Pentagono ha precisato che il Dipartimento della Difesa sta “sfruttando diverse strade, dalle scorte interne ai canali industriali statunitensi, per garantire che Israele abbia i mezzi per difendersi”, aggiungendo che “questa assistenza in materia di sicurezza continua ad arrivare quasi quotidianamente”. Non sia mai che manchino le munizioni per disintegrare Gaza e i suoi abitanti.

Già la scorsa settimana, i media israeliani avevano annunciato che la difesa israeliana aveva ricevuto il carico di una nave mercantile che trasportava circa 2.500 tonnellate di equipaggiamento militare e che oltre 120 aerei e diverse navi hanno consegnato a Israele oltre 7.000 tonnellate di armi. 

Senza contare che Washington, dal 7 ottobre, per sostenere Israele ha schierato decine di navi da guerra e centinaia di soldati nell’Asia occidentale.

Proprio lunedì scorso, il Center for Constitutional Rights (CCR), ha citato in giudizio per complicità nel genicidio di Gaza, il Presidente statunitense Joe Biden, oltre ai Segretari di Stato e alla Difesa, Antony Blinken e Lloyd Austin.

Dal 7 ottobre, intanto, sono 11.300 i palestinesi uccisi a Gaza dalle incursioni israeliane, quasi la metà bambini.

Funzionari della Casa Bianca “mettono sempre più in guardia Israele dal cercare di evitare vittime civili nella Striscia di Gaza”, ha avvertito Bloomberg.

In un altro articolo, Bloomberg ha ribadito che "la Casa Bianca è sempre più frustrata dalla condotta di Israele nella guerra contro Hamas mentre il bilancio delle vittime civili aumenta e gli appelli dell'amministrazione rimangono inascoltati, ampliando la spaccatura tra gli stretti alleati."

Inoltre, il portale ha precisato che “i funzionari amministrativi stanno avendo quelle che descrivono come conversazioni più difficili con le loro controparti israeliane, mentre gli Stati Uniti cercano di influenzare il conflitto solo per essere ignorati da Israele”. 

Tutto questo non implica che il sostegno militare, politico e finanziariodegli USA  a Israele si possa minimamente arrestare.

Tra l’altro, ieri, la Casa Bianca ha avallato la menzogna di Israele in merito alla gestione di un centro di comando sotto l'ospedale Al-Shifa di Gaza da parte di Hamas.

Ieri, a tal proposito, Hamas ha accusato gli USA di aver dato il via libera ad Israele per il brutale assalto all’ospedale Al-Shifa.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti