Gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti verso accordo per gli F-35. Ma i caccia di Abu Dhabi saranno visibili a Israele

Gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti verso accordo per gli F-35. Ma i caccia di Abu Dhabi saranno visibili a Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Continua a tenere banco la questione F-35 dopo il recente accordo di normalizzazione delle relazioni tra Emirati Arabi Uniti e Israele. Gli emiratini vorrebbero acquisire i caccia stealth prodotti dagli USA, con Washington che vede di buon occhio questo affare, ma Israele si oppone per il timore di vedere messa in discussione la propria superiorità militare nella regione. 

 

Ma gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sperano di raggiungere un accordo iniziale sulla vendita di caccia stealth F-35 allo Stato del Golfo entro dicembre - scrive Reuters - poiché l'amministrazione Trump studia come strutturare un accordo senza incorrere in conflitti con Israele.

 

Fonti vicine ai negoziati hanno affermato che l'obiettivo è quello di avere una lettera di accordo in tempo per la Giornata nazionale degli Emirati Arabi Uniti celebrata il 2 dicembre.

 

L’eventuale accordo dovrebbe incontrare il favore di Israele che afferma che qualsiasi arma statunitense venduta nella regione non deve compromettere il "vantaggio militare qualitativo" di Israele, garantendo che le armi statunitensi fornite a Israele siano "superiori in termini di capacità" a quelle vendute ai suoi vicini.

 

Con questo in mente, Washington sta studiando modi per rendere l'F-35 della Lockheed Martin Corp più visibile ai sistemi radar israeliani, hanno detto due fonti. La Reuters non è stata in grado di determinare se ciò sarebbe stato fatto cambiando il jet o fornendo a Israele un radar migliore, tra le altre possibilità.

 

A tal proposito il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz avrebbe dovuto incontrare il suo omologo americano Mark Esper a Washington. 

 

Un portavoce del Pentagono ha detto a Reuters: "Per una questione politica, gli Stati Uniti non confermano o commentano le vendite o i trasferimenti proposti per la difesa finché non vengono formalmente notificati al Congresso".

 

A causa della restrizione del margine militare qualitativo, l'F-35 prodotto dalla Lockheed Martin è stato negato agli stati arabi, mentre Israele ha circa 24 jet.

 

Gli Emirati Arabi Uniti, uno dei più stretti alleati di Washington in Medio Oriente, hanno da tempo espresso interesse ad acquisire i jet furtivi e gli è stata promessa la possibilità di acquistarli in un accordo collaterale fatto quando hanno accettato di normalizzare le relazioni con Israele.

 

Fonti che hanno familiarità con i negoziati hanno affermato che un'idea di lavoro era che le difese aeree israeliane fossero in grado di rilevare gli F-35 degli Emirati Arabi Uniti con una tecnologia che sconfigge efficacemente le capacità stealth dei jet.

 

In ogni caso, la consegna effettiva di nuovi caccia non avverrà in tempi brevi. La Polonia, l'ultimo cliente di F-35, ha acquistato 32 dei jet a gennaio ma non riceverà la prima consegna fino al 2024.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti