Gli Stati Uniti vincono l'appello per l'estradizione di Assange

Gli Stati Uniti vincono l'appello per l'estradizione di Assange

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Alta Corte del Regno Unito ha accolto l'appello del governo degli Stati Uniti sull'estradazione dell co-fondatore di WikiLeaks Julian Assange, aprendo la porta al suo eventuale processo sul suolo americano con l'accusa di spionaggio.

Come rifierisce la giornalista Stefania Maurizi su Twitter: Hanno vinto gli Usa: il caso torna in Magistrate Court. Ecco la giustizia del Regno Unito: legalità + detenzione fino a quando JA non sarà completamente distrutto."

Il giudice Timothy Holroyde ha affermato che la difesa di Assange ha il diritto di impugnare il verdetto presentando ricorso.

 

A gennaio, un tribunale distrettuale aveva negato la richiesta di estradizione degli Stati Uniti, citando lo stato mentale vulnerabile dell'editore e la possibilità che si sarebbe tolto la vita se fosse stato sottoposto a brutali condizioni carcerarie negli Stati Uniti.

La sentenza del tribunale non è definitiva in quanto può essere impugnata. La fidanzata di Assange, Stella Moris, ha definito la decisione "un grave errore giudiziario".

L'Alta Corte si è detta soddisfatta delle assicurazioni dell'avvocato statunitense in quanto le cosiddette misure amministrative speciali (SAM) non sarebbero state applicate ad Assange una volta prigioniero negli Stati Uniti. Un precedente rifiuto di estradarlo era parzialmente giustificato dal fatto che poteva essere sottoposto a SAM. Il team statunitense ha sostenuto durante le udienze d'appello che se la parte americana avesse saputo che si trattava di questo problema, avrebbe offerto assicurazioni contrarie durante il processo originale.

I SAM sono restrizioni speciali che il sistema carcerario statunitense può ordinare per i detenuti ritenuti pericolosi. Includono l'isolamento dagli altri prigionieri in una struttura di massima sicurezza. I critici dicono che sono disumanizzanti e in alcuni casi possono costituire una tortura psicologica.

Assange si trova in varie forme di isolamento dal giugno 2012, quando si è rifugiato presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra. 

A questa sentenza fanno eco le parole del segretario di Stato USA Antony Blinken, pronunciate 2 giorni fa:"La libertà dei media svolge un ruolo indispensabile nell'informare il pubblico, nel responsabilizzare i governi e nel raccontare storie che altrimenti non verrebbero raccontate. Gli Stati Uniti continueranno a difendere il lavoro coraggioso e necessario dei giornalisti di tutto il mondo."

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti