Gli Usa ammettono: Al Qaeda "risorsa" in Siria

Gli Usa ammettono: Al Qaeda "risorsa" in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex inviato siriano Jim Jeffrey ha definito Hayat Tahrir al-Sham, gruppo legato ad al-Qaeda precedentemente noto come Fronte al-Nusra, come "una risorsa" per l'attuale strategia degli Stati Uniti in Siria.

"Sono l'opzione meno negativa tra le varie opzioni su Idlib, e Idlib è uno dei luoghi più importanti in Siria, che è uno dei luoghi più importanti del Medio Oriente", ha dichiarato Jeffrey , parlando a Frontline trasmissione della rete PBS in un recente intervista.

Jeffrey, che ha supervisionato la politica siriana dell'amministrazione Trump fino a novembre 2020, quando si è ritirato, ha fatto questi commenti per documentario della PBS su Abu Muhammad al-Jolani, l'ex comandante di al-Qaeda che ora è capo di Hayat Tahrir al-Sham.

Gli Stati Uniti continuano formalmente a designare il gruppo come organizzazione terroristica, con i suoi alleati canadesi, britannici e turchi che fanno lo stesso. Jolani è stato designato terrorista dagli Stati Uniti dal 2013, ma ha sostenuto a PBS che la designazione è "ingiusta" perché i suoi legami con al-Qaeda appartengono al passato. 

Ora, insiste, la sua battaglia contro il governo di Assad e contro il Daesh (ISIS)  lo rende un alleato degli Stati Uniti e dell'Occidente in generale.

Se tutto questo vi sembra surreale vi ricordiamo che Al-Qaeda è ritenuta responsabile del più grande attacco terroristico sulla terra degli Stati Uniti nella storia, uccidendo quasi 3.000 americani in attacchi a New York, Washington, DC e Pennsylvania l'11 settembre 2001, con altre centinaia che muoiono di cancro e altre malattie associate all'esposizione a polvere tossica a Ground Zero a New York. In base a questi attacchi gli USA hanno scatenato guerre devastanti in Afghanistan e Iraq.

Hayat Tahrir al-Sham gode del controllo di ampie fasce di Idlib, la provincia siriana nordoccidentale al confine con la Turchia, che ora è il più vasto territorio della Siria occidentale al di fuori del controllo di Damasco.

 La Siria ha lanciato un'offensiva per liberare Idlib alla fine del 2019, ma l'offensiva è stata interrotta all'inizio del 2020 dopo l'intervento della Turchia. 

Un cessate il fuoco facilitato da Russia e Turchia è stato raggiunto nel marzo 2020, ma nei mesi successivi sono stati segnalati centinaia di casi di scontri sporadici.

Funzionari e comandanti siriani, iraniani e russi hanno ripetutamente accusato gli Stati Uniti di utilizzare gli estremisti jihadisti per cercare di rovesciare il governo di Assad. 

Nel 2012, l'amministrazione Obama ha implementato l'operazione Timber Sycamore, un programma di armi e addestramento classificato della CIA che vedrebbe gli Stati Uniti ed i suoi alleati spedire migliaia di tonnellate di armi e miliardi di dollari a "ribelli siriani moderati" che, successive inchieste giornalistiche hanno poi rivelato che erano alleati jihadisti, compreso al-Nusra.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti