Gli USA contrari alla missione umanitaria dell'Armenia in Siria

Gli USA contrari alla missione umanitaria dell'Armenia in Siria

Nonostante voglia impegnarsi solo da un punto di vista umanitario, John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha avvertito l'Armenia a non inviare truppe da combattimento in Siria per aiutare le forze governative siriane e i loro alleati.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il primo ministro Nikol Pashinian ha annunciato l'imminente lancio di una "missione umanitaria" russo-armena in Siria dopo i suoi colloqui dell'8 settembre scorso a Mosca con il presidente russo Vladimir Putin, rifiutando di fornire dettagli.
 
Il Vice Ministro della Difesa armeno Gabriel Balayan ha chiarito l'11 settembre scorso che Yerevan sta pianificando di inviare medici ed esperti di sminamento principalmente con l'incarico di aiutare i civili nella città devastata dalla guerra di Aleppo, dovrebbero essere dall'esercito armeno.
 
Balayan ha dichiarato che lo schieramento sarà fatto "su richiesta del governo siriano". "Non escludiamo la cooperazione con la Russia in qualche modo, ma il gruppo opererà esclusivamente sotto la bandiera della Repubblica di Armenia", ha precisato.
 
Bolton, ieri, ha discusso la questione in una riunione all'inizio della giornata con Pashinian, a cui ha partecipato anche il ministro della difesa armeno Davit Tonoyan.
 
"Il primo ministro ha detto che questo non sarebbe stato un aiuto militare, sarebbe stato puramente umanitario", nel corso in una conferenza stampa. "Penso che sia importante. Al momento sarebbe un errore per chiunque altro essere coinvolto militarmente nel conflitto siriano ".
 
"Ci sono già ... sette o otto diversi lati combattenti. Essere coinvolti con qualcuno di loro per qualsiasi altro paese sarebbe un errore", ha avvertito.
 
Bolton ha riferito ai leader armeni che mentre forniscono "ampia assistenza umanitaria" ai siriani, gli Stati Uniti hanno cercato di "evitare di aiutare i terroristi da una parte e il regime dall'altra".
Washington ritiene che "ogni importante assistenza umanitaria a lungo termine nella ricostruzione dovrebbe dipendere dal progresso verso una risoluzione politica in Siria ", ha aggiunto.
 
Un alto funzionario militare russo dichiarò nell'agosto 2017 che Armenia e Serbia erano pronte a unirsi in una "coalizione" multinazionale per aiutare Mosca a eliminare le mine.
 
L'ex governo armeno sembrava riluttante a impegnare truppe per tale missione. Parlando all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel settembre 2017, il presidente Serzh Sarkisian dichiarò che lo schieramento armeno in Siria richiedeva un mandato delle Nazioni Unite.
 
Circa 80.000 armeni vivevano in Siria prima dello scoppio della guerra nel 2011. La maggior parte di loro ha lasciato il paese. Migliaia di armeni siriani si sono rifugiati in Armenia.
 

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti