/ Gli USA mettono in guardia, ovvero minacciano, sul possibile svil...

Gli USA mettono in guardia, ovvero minacciano, sul possibile sviluppo di uno scenario in Iran come quello in Siria

 

Washington ha espresso preoccupazione per la repressione delle proteste in Iran, mentre Mosca vede nell'azione statunitense un tentativo di destabilizzare l'accordo nucleare firmato con il paese persiano.


L'ambasciatrice degli Stati Uniti all'ONU, Nikki Haley, in una dichiarazione che sembra più una minaccia, ha avvertito sul pericolo che si sviluppi uno scenario come quello della Siria in Iran e ha chiesto la fine della repressione delle manifestazioni di piazza.
 
"Il mondo ha assistito agli orrori che si stanno verificando in Siria, iniziati dopo che il sanguinoso regime ha negato il diritto del suo popolo alla protesta pacifica, e non dobbiamo permettere che ciò accada in Iran", ha dichiarato Haley.
 
La sua dichiarazione arriva alla vigilia dell'incontro del Consiglio di sicurezza dell'ONU convocato su iniziativa statunitense, che affronterà la questione delle proteste di piazza iraniane e si terrà questa sera.
 
"Le proteste sono permesse, se non c'è violenza"
 
Vale la pena ricordare che il 31 dicembre scorso, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha affermato che il popolo iraniano è libero di esprimere le sue critiche al governo e di protesta in virtù della Costituzione e dei diritti civili, a condizione che la protesta non porti alla violenza.
 
"Un punto deve essere chiaro a tutti: l'Iran è una nazione libera e, secondo la nostra Costituzione, il popolo ha il pieno diritto di esprimere le proprie critiche e persino di protestare, ma dobbiamo essere consapevoli che le critiche e le proteste devono essere svolte in modo tale che portare a un miglioramento della situazione del paese ", ha sottolineato il presidente iraniano.

 
Tuttavia, per Haley, la situazione nel paese persiano sta influenzando "i diritti umani del popolo iraniano, così come la questione della pace e della sicurezza internazionali".
 
"Gli Stati Uniti cercano di approfittare delle proteste in Iran"
 
Da parte sua, la Russia ritiene che gli Stati Uniti cercano di sfruttare le tensioni nel paese con l'obiettivo di cercare di destabilizzare il piano d'azione globale congiunto, concluso nel 2015 tra Teheran e il sestetto di negoziatori internazionali.
 
Si tratta di un "tentativo deliberato per destabilizzare e minare gli accordi" con l'Iran, ha dichiarato ieri il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.
 
Allo stesso modo, il ministero degli Esteri russo ha criticato l'interferenza degli Stati Uniti negli affari politici interni dell'Iran ed i suoi tentativi di influenzare la situazione attraverso il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
 
"I processi interni in Iran, come quelli di qualsiasi altro paese, non hanno nulla a che fare con le funzioni fondanti del Consiglio di sicurezza", ha spiegato Riabkov, riferendosi alle disposizioni della Carta delle Nazioni Unite.
 
Il vice cancelliere russo è fiducioso che il Paese persiano "sarà in grado di superare le attuali difficoltà e lasciare il momento attuale più forte e un partner affidabile nella soluzione di diversi problemi", nonostante "i molteplici tentativi di distorcere la natura di cosa sta succedendo" in Iran.
 
Fonte: https://usun.state.gov
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa