/ Global Times - È ironico che i manifestanti che sostengono di dif...

Global Times - È ironico che i manifestanti che sostengono di difendere i diritti umani di Hong Kong alla fine proteggano un assassino

 


di Mu Lu - Global Times
 

Il nome Chan Tong-kai non dovrebbe suonare strano per gli Hongkongers. Si potrebbe dire che l'escalation della violenza di massa a Hong Kong inizi con il suo caso di omicidio, ma ora quanti Hongkonger si preoccupano della giustizia per la donna che presumibilmente è stata assassinata?

 

Chan, nato nel 1998, avrebbe ucciso la sua ragazza Poon Hiu-wing, che aveva 20 anni, durante un viaggio di San Valentino nell'isola di Taiwan nel febbraio 2018. Chan fece ritorno a Hong Kong prima che la polizia di Taiwan potesse emettere un ordine di arresto per lui - il 3 dicembre 2018 - della durata di 37 anni e 6 mesi.

 

Poiché non esiste un accordo formale di estradizione tra Hong Kong e Taiwan, Chan non è stato inviato sull'isola per le indagini sull'omicidio. È stato accusato di riciclaggio di denaro solo a Hong Kong e condannato alla reclusione di 29 mesi.

 

Per correggere le lacune che potrebbero verificarsi in casi simili, il governo della Regione amministrativa speciale di Hong Kong ha proposto nel febbraio 2019 di modificare le due ordinanze relative ai fuggitivi che hanno presto suscitato l'attenzione di tutte le parti.

 

Dopo che il governo de facto ha annunciato la legge di estradizione come "morta" a giugno, come una risposta agli appelli dei manifestanti, questi, tuttavia, sono diventati sempre più estremisti e hanno provocato un escalation. La dimostrazioni originariamente pacifiche si sono trasformate in una cappa di terrore nero che incombe sulla città conosciuta come centro finanziario internazionale.

 

I rivoltosi hanno attaccato ufficiali di polizia, aggredito turisti e giornalisti, danneggiando l'ordine della città. Hanno tentato di provocare il caos in città, paralizzare il governo e ripristinare la "gloria" dell'era coloniale.

Hanno cercato di raggiungere la loro cosiddetta democrazia usando la violenza, il che rende la parola "democrazia" uno scherzo.

 

I manifestanti chiedono giustizia ma hanno selettivamente ignorato che il disegno di legge di estradizione mirava a difendere proprio la giustizia.

 

Secondo la legislazione sui criminali fuggitivi, anche se Chan confessa l'omicidio alla polizia di Hong Kong, l'ufficio di sicurezza di Hong Kong non può accusarlo di omicidio.

 

Questa è in realtà una potenziale minaccia per la sicurezza sociale di Hong Kong. Se un assassino o qualche altro criminale fugge a Hong Kong dalla Cina continentale, da Macao o da Taiwan, dovrebbe essere trattato in conformità con le leggi applicabili. Altrimenti, Hong Kong diventerà un paradiso per i criminali e danneggerà gravemente la sicurezza dei residenti di Hong Kong, ha affermato ad aprile Kennedy Wong Ying-ho, avvocato dell'Alta Corte di Hong Kong.

 

Purtroppo, rivoltosi e manifestanti si rifiutano di ammettere che il disegno di legge di estradizione doveva proteggere i diritti umani di Hong Kong. Si sono rifiutati di accettare gli sforzi del governo per allentare le tensioni e continuare a sfogare la loro rabbia. Hong Kong sarà un posto migliore se continuano il caos? Non ci hanno mai veramente pensato.

 

Chan dovrebbe essere rilasciato a metà ottobre. Se non è accusato di altri crimini, godrà pienamente della libertà come qualsiasi altro divino Hongkonger, inclusa la libertà di lasciare Hong Kong.

 

È ironico che i manifestanti che sostengono di difendere i diritti umani di Hong Kong alla fine proteggano un assassino.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa