/ Global Times: I prodotti cinesi aumentano la libertà, i diritti u...

Global Times: I prodotti cinesi aumentano la libertà, i diritti umani

 


di Ai Jun - Global Times
 

Le tecnologie hanno confini oggi? Almeno gli Stati Uniti lo credono.

 

La Reuters ha riferito nella giornata di venerdì che la società cinese di telecomunicazioni ZTE ha firmato a marzo un contratto da quasi 30 milioni con la provincia di Jujuy, nel nord dell’Argentina, per "fornire telecamere, centri di monitoraggio, servizi di emergenza e infrastrutture di telecomunicazione".

 

L'accordo è stato poco pubblicizzato, ma ha causato preoccupazioni a Washington, che ha avvertito l'Argentina sulle tecnologie cinesi che potrebbero essere utilizzate per spiare i propri clienti, secondo l’articolo di Reuters.

 

Ekel Meyer, ministro della Sicurezza argentino, ha affermato che i residenti sono disposti ad accettare l'installazione di telecamere di sicurezza in cambio di strade più sicure. La spiegazione è abbastanza semplice: l'Argentina ha buone ragioni e capacità per aprire le sue porte alle tecnologie cinesi.

 

Quando le tecnologie cinesi sono necessarie agli altri con un vantaggio in termini di prezzo, è naturale vedere sempre più accordi e cooperazione tra la Cina e il mondo. Se gli Stati Uniti possedessero le stesse o anche migliori tecnologie, anche altri paesi le vorrebbero.

 

Washington, tuttavia, non sta competendo in modo equo. Invece, sta accusando la Cina di usare le sue tecnologie in tutto il mondo per ragioni politiche, dando l'impressione che quanto sia di provenienza cinese non abbia libertà e diritti umani e qualsiasi uso delle tecnologie cinesi sia una violazione della libertà e dei diritti umani.

 

Quando gli Stati Uniti hanno inventato per la prima volta Internet, tutti i paesi del mondo sono stati invitati a connettersi tramite la rete. A quel tempo, a Washington non poteva importare di meno dei confini delle tecnologie in quanto aveva il dominio assoluto in molti campi per formulare regole globali.

Ma ora le imprese cinesi stanno colmando il divario tecnologico così velocemente con una competitività sempre più forte. Washington osserva la minaccia di perdere il vantaggio e la capacità di fare regole nel campo della tecnologia. In questo contesto, accusa con falsità un numero sempre maggiore di società cinesi di spionaggio dello stato cinese.

 

Il punto è che gli Stati Uniti hanno offerto poche prove a sostegno di queste accuse. Gli alleati degli Stati Uniti, che sono sotto continua pressione da parte di Washington per scegliere da che parte schierarsi, si sentono stressati. Nick Read, amministratore delegato dell'operatore di telefonia mobile britannico Vodafone, ha detto in febbraio che “vengono affermate cose che al momento non hanno fondamento… Non ho visto quali prove hanno [sulla pretesa che Huawei sia un veicolo per le operazioni di spionaggio cinesi ]”.

 

Che si tratti di tecnologie di comunicazione o di monitoraggio, i prodotti cinesi hanno portato al popolo più libertà e diritti umani, non viceversa.

 

Quando si parla di Argentina o di altri paesi, il punto non è a chi appartengono le tecnologie utilizzate, ma di come stanno usando le tecnologie.

 

Come paese dell'America Latina, l'Argentina è considerata dagli Stati Uniti come il proprio cortile di casa. Gli Stati Uniti sono più preoccupati per l'influenza della Cina nel proprio cortile piuttosto che per le stesse tecnologie cinesi.

 

Nell'etichettare le tecnologie cinesi uno strumento del cosiddetto spionaggio dello Stato cinese, Washington sta mescolando affari con la politica. Alla fine, gli Stati Uniti stanno perdendo tempo prezioso per innovare. Come ha affermato l'ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti Henry Paulson, "l'innovazione è uno dei punti di forza degli Stati Uniti: dobbiamo proteggerla, ma senza erigere una cortina di ferro economica".

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa