Global Times: il PIL cinese cresce del 3% e continuerà a fungere da stabilizzatore e locomotiva del mondo

Global Times: il PIL cinese cresce del 3% e continuerà a fungere da stabilizzatore e locomotiva del mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'economia cinese ha registrato una crescita costante nel 2022, nonostante le pressioni esercitate dalla recrudescenza delle epidemie e da un ambiente esterno complicato.

Il prodotto interno lordo (PIL) della Cina è cresciuto del 3% su base annua, raggiungendo il livello record di 121,0207 trilioni di yuan (circa 17,95 trilioni di dollari) nel 2022, secondo i dati forniti dall'Ufficio nazionale di statistica (NBS).

Nel quarto trimestre, il PIL del Paese è cresciuto del 2,9% rispetto all'anno precedente.

"L'economia nazionale ha continuato a svilupparsi nonostante le pressioni al ribasso, la produzione economica ha raggiunto un nuovo livello, l'occupazione e i prezzi sono rimasti generalmente stabili, la vita delle persone è migliorata continuamente, sono stati raggiunti nuovi traguardi nello sviluppo di alta qualità e lo sviluppo economico e sociale complessivo è stato stabile e sano", ha dichiarato Kang Yi, capo dell'NBS, durante una conferenza stampa.

Il PIL di Pechino ha dunque per la prima volta superato la la soglia dei 120 trilioni di yuan, grazie al fatto che la seconda economia mondiale ha navigato in acque inesplorate per tutto l'anno e ha superato i venti contrari, che andavano dal coronavirus e dalle tensioni geopolitiche all'aumento dei tassi di interesse e al calo della domanda estera, ha evidenziato il quotidiano Global Times. 

Nonostante un lieve rallentamento nel quarto trimestre dovuto a un rialzo della curva di infezione, nel 2022 la Cina ha comunque superato la maggior parte delle altre grandi economie, tra cui Stati Uniti, Giappone e Germania. Il confronto ha evidenziato ancora una volta il duplice ruolo della Cina come locomotiva e stabilizzatore dell'economia globale lo scorso anno, quando la sua capacità produttiva ha aiutato il mondo a domare l'inflazione e a stabilizzare le catene di approvvigionamento.

Nella media degli ultimi tre anni, il PIL è cresciuto di un impressionante 4,57% - una nuova prova che dimostra i solidi fondamentali economici a lungo termine della Cina, che secondo gli osservatori non sono stati intaccati dall'epidemia, ma anzi sono stati preservati e ulteriormente rafforzati grazie alla risposta dinamica triennale zero-COVID che ha massimizzato i guadagni economici sociali con costi minimi.

L’anno nuovo - evidenzia il quotidiano - “è iniziato con una nota positiva, con la gente che si è lanciata in una frenesia di acquisti in vista delle prossime festività del Festival di Primavera. Con il ritorno della fiducia dei consumatori, testimoniato dalle strade e dai centri commerciali affollati di acquirenti, la Cina si trova su una traiettoria solida per una crescita del PIL superiore al 5% nel 2023, affermano gli analisti, prevedendo che i consumi interni saranno il pilastro della ripresa in mezzo a una possibile recessione globale”. 

Fondamentali economici solidi

Le cassandre d’occidente che vaticinavano una brutta fase per l’economia cinese sono state ancora una volta smentite dai fatti. Da un’economia che si è mostrata forte e resistente. 

“Il risultato ha leggermente battuto le aspettative del mercato, ed è un risultato conquistato a fatica visti tutti gli inaspettati shock interni ed esterni a breve termine e il fatto che la Cina non ha fatto ricorso a spese di stimolo come i Paesi occidentali", ha spiegato al Global Times Hu Qimu, vice segretario generale del Forum 50 per l'integrazione delle economie digitali e reali.

Secondo Kang Yi, la crescita del PIL cinese del 3% nel 2022 è "relativamente veloce" rispetto alle altre principali economie globali. 

La Germania ha pubblicato una previsione di crescita del PIL per il 2022 dell'1,9%, mentre si stima che la produzione economica di Stati Uniti e Giappone sia cresciuta meno del 2% l'anno scorso, secondo le previsioni del FMI. 

L’FMI ha previsto una crescita del 2,4% nel 2022 per le economie avanzate.

I dati evidenziano che le industrie cinesi competitive a livello globale, come i veicoli a nuova energia (NEV), la tecnologia avanzata e i prodotti elettronici, hanno registrato una crescita sorprendente, cavalcando l'onda dello slancio di aggiornamento industriale in corso, nonostante l'afflusso di pressioni al ribasso. In particolare, l'anno scorso la produzione di NEV ha registrato una sorprendente impennata del 97,5%.

"È un buon segno che l'economia sia stata in grado di riprendersi rapidamente, una volta che le onde d'urto si sono attenuate, sulla base di fondamentali sani. La Cina ha un vantaggio unico nella dimensione del suo mercato. Quindi, finché i fondamentali economici si sono stabilizzati, possiamo resistere alle sfide esterne", ha affermato Hu Qimu.

Mentre i media occidentali gettavano ombre sull'economia cinese, affermando che la crescita dello scorso anno è stata "la seconda più lenta degli ultimi quarant'anni", gli analisti hanno affermato che è importante valutare un'economia su un arco di tempo più lungo, come tre o cinque anni, per eliminare i fattori a breve termine e fornire un quadro più obiettivo.

L'economia cinese è cresciuta dell'8,4% nel 2021, mentre nel 2020 - il primo anno del coronavirus - il PIL è aumentato del 2,2%, unica grande economia ad espandersi. Ciò si traduce in una crescita annuale del 4,5% negli ultimi tre anni, probabilmente una delle più rapide tra le principali economie.

"Non è esagerato dire che la situazione nel 2022 era più pericolosa di quella del 2020. A livello interno, si sono verificate sporadiche epidemie nelle basi produttive, tra cui Shanghai e la provincia meridionale cinese del Guangdong, che hanno messo a rischio le fabbriche e la logistica locali, oltre a un crollo del mercato immobiliare. All'esterno, l'escalation delle tensioni geopolitiche ha fatto salire i prezzi delle materie prime, sottoponendo la Cina a una pressione inflazionistica d'importazione alle stelle", ha dichiarato Hu.

Tian Yun, analista macro indipendente, ha spiegato al Global Times che negli ultimi tre anni, gli impulsi di crescita della Cina, sostenuti dalle misure COVID efficaci in termini di costi, si sono fatti sentire a livello globale.

"L'anno scorso, quando l'aggressivo aumento dei tassi di interesse da parte di Washington ha scosso il mercato, i prodotti Made in China a prezzi accessibili sono stati il fattore chiave per contenere l'inflazione globale. Il Paese ha anche incrementato le esportazioni di materie prime, tra cui il greggio e altri prodotti energetici, verso l'Europa, quando il blocco era paralizzato da una crisi energetica", ha dichiarato Tian. 

Insomma, ancora una volta le ‘previsioni’ catastrofiche dell’occidente si sono rivelate tutt’altro che fondate, con i fatti che hanno confermato la buona salute dell’economia cinese. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti