/ Gran Bretagna e Francia accettano di inviare ulteriori truppe in ...

Gran Bretagna e Francia accettano di inviare ulteriori truppe in Siria

 

Il Regno Unito e la Francia avrebbero accettato di inviare truppe supplementari con il ritiro di quelle USA in Siria. Lo ha riferito Foreign Policy citando fonti vicine ai negoziati tra i tre paesi. Londra e Parigi sono gli unici partner di Washington che hanno ancora forze di terra in Siria.


Un membro del governo degli Stati Uniti ha indicato alla rivista Foreign Policy che il Regno Unito e la Francia si sarebbero impegnate ad un aumento marginale tra il 10% e il 15% delle truppe in Siria e che anche altri alleati potrebbero presto inviare un piccolo numero di soldati.
 
Al di là ddell'invio, non ci sono ulteriori informazioni sulle tempistiche e sul numero esatto dei soldati, anche se la fonte ha spiegato a FP che "nel complesso siamo rimasti delusi" nel dover convincere gli alleati di Washington ad assegnare risorse aggiuntive alla "lotta contro l'ISIS" in Siria.
 
Oltre al Regno Unito e alla Francia, diversi paesi balcanici e baltici potrebbero essere chiamati ad un piccolo contributo, anche se inviano solo "una manciata di soldati ciascuno", secondo un'altra fonte anonima citata dal portale.
 
In ogni caso, che Londra e Parigi scelgano di destinare altre truppe in Siria non compenseranno il vuoto lasciato dall'esercito americano.
E si prevede che solo 400 dei 2.000 soldati rimarranno nel paese arabo e che il Regno Unito e la Francia assegnino tra 200 e 400 soldati ciascuno.

Dal governo francese hanno ricordato a Foreign Policy che Parigi non ha attualmente truppe di terra in Siria, almeno "ufficialmente", secondo le sue parole. Mentre tutto sembra indicare che sia la Francia che il Regno Unito hanno forze speciali schierate lì. Quindi è improbabile che, se il numero di soldati aumentasse, tale aumento sarà reso pubblico.

La notizia arriva il giorno dopo che la Germania si è rifiutata di inviare truppe di terra nel paese arabo su richiesta degli Stati Uniti.
 
 
Fonte: Foreign Policy - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa