Grillo-Conte: comunque vada sarà ormai un disastro

Grillo-Conte: comunque vada sarà ormai un disastro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Si sta come d'autunno sugli alberi le foglie. 

Sembrano sospese tutte le chat social del Movimento 5 Stelle, che sono disaggregate da mesi in mille rivoli,  soprattutto dall'ultimo tentativo di "rifondazione" degli abortiti Stati Generali, le cui decisioni non hanno mai avuto seguito nell'elezione dell'organo collegiale, e la divisiva votazione sull'entrata o meno nel governo dell'assembramento draghista.

Ma oggi quella comunicazione, in effetti mai interrotta, tra attivisti storici del Movimento 5 Stelle, iscritti a nonsisapiùcosa e portavoce (pochi in realtà) che hanno comunque mantenuto i rapporti con la base, nonostante abbiano attualmente scelto modalità differenti di difesa dei principi e dei valori del Movimento originario, è in fermento. Si sono susseguiti per giorni, in un'agonia di afa, agenzie stampa, informazioni più o meno riservate, supposizioni, speranze e diffidenza, rispetto all'ultimo atto di elaborazione del lutto.

Gli attivisti che volontariamente hanno speso soldi, tempo, competenze, rimettendoci in lavoro e affetti, in questi 10 anni di epopea da meteora, ritrovando nel 5 stelle un'identità sociale riconosciuta, ostentano indifferenza, tristezza, per una fine (perché comunque è un The End), che non ritengono di aver meritato.

È comunque difficilissimo, soprattutto in questo folle periodo di emergenza pandemica, di lockdown, di incertezza e totale sconvolgimento dei paradigmi, riuscire a nuotare nel magma liquido di un futuro imprevedibile, senza neppure la protezione di un logo, di un progetto, in cui riconoscersi.

Non è corrispondente alla realtà la narrazione dei media sulle reazioni della base degli iscritti attivisti: quella vera non appartiene alle bimbe di Conte, che vede come un espropriatore senza rispetto della democrazia diretta partecipata, un colonizzatore senza scrupoli, e, al tempo stesso, non perdona a Beppe Grillo la svolta dell'alleanza perdente con il PD, il suo vaffa a Italia 5 stelle di Napoli, l'esaltazione di un Daghi grillino e un  ministero della transizione ecologica che oggi lui stesso definisce "un bagno di sangue".

Insomma, tra i due litiganti, non gode nessuno: le vittime non sono solo le generazioni che hanno finalmente trovato nel Movimento 5 Stelle lo stimolo di avvicinarsi alla politica e credere di poter incidere.

La vera vittima sacrificale è la non credibilità che qualsiasi altro soggetto politico nel prossimo futuro possa proporsi come movimento di cambiamento antikasta e rivoluzione culturale gentile.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti