World Affairs/Hallel Rabin, 18 anni Israeliana. In carcere per non essere compl...

Hallel Rabin, 18 anni Israeliana. In carcere per non essere complice dei crimini contro i palestinesi

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Con il titolo “Non siamo i tuoi soldati!,  Refuser Solidarity Network ha pubblicato sul suo sito web la testimonianza di Hallel Rabin, una ragazza israeliana di 18 anni che rifiuta di far parte dell'Esercito di occupazione in Palestina. Per questo motivo, Rabin è stata incarcerata due volte e sarà rinchiusa per la terza volta per la sua decisione di non essere un soldato israeliano.
 
Questa è la sua testimonianza.
 
Ciao, mi chiamo Hallel Rabin. Vengo dal “rifiuto”, ho 18 anni, vivo in un kibbutz israeliano e domani l'esercito israeliano mi manderà in prigione. Poco prima di Rosh Hashanah, il capodanno ebraico, mi sono rifiutato di unirmi all'esercito israeliano e mi trovo in una prigione militare per le vacanze. Sono già in prigione da 14 giorni, perché non voglio diventare un soldato per l'occupazione della Palestina. Ho provato a chiedere l'esenzione per motivi di coscienza, ma i militari si sono rifiutati di concederla. Invece, sono stata mandata in prigione più e più volte per spezzare il mio spirito. Domani mi sacrificherò per la terza volta nel corso di un mese.
 
Viviamo in un periodo di cambiamento e lotta. In tutto il mondo, i giovani lottano per la vera democrazia e usano la disobbedienza civile per combattere il razzismo e l'ingiustizia. Ma per i palestinesi continuano a prevalere le ingiustizie del passato. Nei territori occupati da Israele, i diritti umani e le libertà fondamentali vengono costantemente negati, mentre i palestinesi sono privati ??della libertà di vivere liberamente.
 
Sono cresciuta con i valori di libertà, compassione e amore. Combattere per mantenere un'altra nazione schiava contraddice questi valori. Per troppo tempo, il buon popolo di Israele ha accettato di partecipare alle atrocità commesse dall'occupazione. Anche se so che il mio rifiuto è piccolo e personale, voglio essere il cambiamento che voglio vedere nel mondo e mostrare che un altro modo è possibile. Piccole azioni di persone apportano grandi cambiamenti. È ora di gridare: non c'è una buona repressione, non c'è un razzismo giustificabile e non c'è più spazio per l'occupazione israeliana.
 
(Con informazioni e foto da www.wearenotyoursoldiers.org )
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa