/ I curdi di fronte ad un bivio: riconciliarsi con Damasco o divent...

I curdi di fronte ad un bivio: riconciliarsi con Damasco o diventare mercenari statunitensi

 

"Le uniche possibilità di sopravvivenza per le YPG in questo momento sono di riconciliarsi con Damasco o diventare la forza mercenaria degli Stati Uniti nel deserto siriano", secondo l'analista Alberto Rodríguez García


Segue analisi di Alberto Rodríguez García, giornalista specializzato in Medio Oriente, propaganda e terrorismo.

 
I curdi e gli arabi di Qamisli che lanciano pietre e pomodori alle truppe in ritirata nordamericane gridandogli "ratti", "bugiardi" e ??è, senza dubbio, il ritratto più fedele di un nefasto intervento che nel suo fallimento ha tolto la vita a decine di migliaia di persone e ha posto fine a un'intera generazione. A Kobane, la città in cui YPG e gli Stati Uniti hanno stretto la loro alleanza, oggi sventola la bandiera siriana delle due stelle, ed è la polizia militare russa che pattuglia per impedire alla Turchia e ai suoi ribelli di invaderla.
 
Il fallimento in Siria è stato firmato da Donald Trump dando alla Turchia il via libera per invadere il nord nell'Operazione Peace Spring. Ha anche smascherato la farsa di interventi 'umanitari' e 'democratizzanti' annunciando che, nonostante il ritiro dal nord, lasciando la popolazione esposta alla barbarie dei proturchi jihadisti e permettendo bombardamenti indiscriminati, il petrolio siriano "era protetto". In questo contesto in cui anche i separatisti curdi mettono la sopravvivenza della loro decaduta ideologia - importata dal territorio turco - prima di quella dei loro connazionali, offrendo la loro lealtà allo stato sionista di Tel Aviv e Washington prima di Mosca e Damasco, se non altro la gente salva il popolo, solo il popolo siriano è disposto a proteggere il popolo siriano.

 
Mentre i ribelli dell'esercito nazionale siriano - nome curioso considerando che rendono omaggio ad Ankara - combattono per un emirato nel nord della Siria, mentre gli Stati Uniti si preoccupano solo del petrolio e mentre le forze democratiche siriane (SDS) rimangono impegnate perpetuando l'interferenza della NATO in Siria, l'esercito siriano si è schierato nel nord con l'obiettivo di frenare i ribelli e minimizzare il danno dell'invasione turca che in pochi giorni ha causato il crollo della prima linea difensiva delle YPG (SDS ).
 
Allo stesso tempo e al fine di pacificare l'area evitando nuove offensive turche, Ankara e Mosca hanno raggiunto un accordo storico che, sostenuto dal governo siriano, firma la sconfitta delle YPG in questa guerra. Da mercoledì 23 ottobre 2019, YPG avrà 150 ore per ritirarsi 32 chilometri all'interno della Siria, e sia la Russia che l'esercito arabo siriano saranno incaricate di pattugliare il confine per garantire che la Turchia non decida di riprendere la sua invasione del nord. Sebbene né le forze democratiche siriane né l'YPG abbiano ancora deliberato sull'accordo, non hanno molte opzioni data la loro incapacità di proteggere il loro territorio.
 
Qualcosa di più della cessazione delle ostilità
 
L'accordo tra Russia e Turchia aggiunto all'accordo tra Stati Uniti e Turchia è l'ultimo chiodo nella bara del confederalismo democratico delle YPG. Se alla fine si ritirano dal confine, avranno perso tutti i territori di quello che chiamano "Rojava" (Kurdistan siriano) e con esso qualsiasi legittimità politica. Se le YPG si ritirassero dalla Siria settentrionale verso territori in cui la popolazione etnica curda è una minoranza o praticamente inesistente, in particolare nei pozzi petroliferi e nei giacimenti di gas siriani, la loro unica ragione per esistere sarà sopravvivere come esercito mercenario per garantire che gli Stati Uniti possano continuare a saccheggiare le risorse siriane. Il ruolo dei loro leader sarà relegato ad essere, come Ilham Omar, semplici mendicanti di un piccolo aiuto americano.
 
E sebbene il governo siriano si sia offerto di unirsi al parlamento e di essere una parte attiva del comitato che redigerà la nuova costituzione, le YPG e il suo apparato politico continuano a nascondere il pugnale dietro la schiena. Le forze democratiche siriane sono così infide che, sebbene siano siriani e russi che hanno impedito un bagno di sangue nel nord della Siria, il generale Mazloum Abdi ha elogiato solo Donald Trump; anche se nel suo accordo con Erdogan ha consegnato il territorio del confine alla Turchia e revocato le sanzioni mentre la Russia ha concordato che la "zona cuscinetto" è esclusiva della Siria. E senza Ras al-Ayn, Tel Abyad, Tabqa, Al Malikiyah, Manbij, Kobane, Hasaka e Qamisli, le YPG non hanno alcun significato, quindi devono solo passare dalle unità di protezione popolare (YPG) ad Unità di protezione del petrolio siriano di Trump.
 
Le YPG hanno dimostrato di non essere in grado di difendere il territorio senza il supporto degli Stati Uniti. Nonostante la loro propaganda, l'autonomia della Siria settentrionale non era né autonoma né siriana; le YPG hanno reso il loro territorio solo un protettorato americano. Nonostante le promesse, dalle parole del portavoce del loro portavoce Kino Gabriel assicurano che la Turchia non sarebbe stata in grado di invadere l'est dell'Eufrate, al momento della verità ci sono voluti solo quattro giorni per lasciare le loro posizioni in fuga dalle principali città del nord. Nel momento in cui i turchi hanno attaccato con l'approvazione della Casa Bianca, solo l'esercito arabo siriano a terra e la Russia politicamente sono stati in grado di fermare l'invasione. Saranno i soldati dell'esercito siriano a schierarsi in quindici posti di osservazione lungo il confine. E se Trump ha pochi problemi a lasciare i suoi alleati in difficoltà, la Siria non abbandona i suoi figli.
 
Le forze democratiche siriane si sono dimostrate incapaci di proteggere il loro regime basato sul confederalismo democratico. Con l'intervento turco e l'atteso tanto atteso annuncio dell'abbandono degli Stati Uniti, l'amministrazione autonoma del nord-est della Siria, come immaginato dai leader del Partito dell'Unione Democratica (PYD) e dal suo braccio armato YPG / YPJ, è destinata a scomparire .
 
Le YPG si sono perse così tanto nella loro chimera da non intuire come Trump li avesse avvertiti da un po' che voleva lasciare la Siria. Né hanno visto che non erano in grado di affrontare veri eserciti. E ora non hanno più nulla per cui combattere. Le uniche possibilità di sopravvivenza per le YPG in questo momento sono di riconciliarsi con Damasco in termini di legalità della Siria o diventare la forza mercenaria degli Stati Uniti nel deserto siriano. Il Rojava non esiste ed è già innegabile che solo la Siria e i suoi alleati possono proteggere la Siria.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa