I laboratori biologici (finanziati dagli Usa) in Ucraina violano l'art.1 della Convenzione Onu in materia

I laboratori biologici (finanziati dagli Usa) in Ucraina violano l'art.1 della Convenzione Onu in materia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Da CRI.it
 
Stando a quanto comunicato recentemente dal ministero della Difesa russo, durante un'operazione speciale le forze armate russe hanno scoperto l’esistenza in Ucraina di un programma di guerra biologica finanziato dagli Stati Uniti. Alla fine di febbraio, l'ambasciata statunitense in Ucraina ha cancellato in fretta e furia dal proprio sito ufficiale dei documenti relativi ai laboratori biologici Usa nel paese. Questo fatto apparentemente insignificante fa sì che ci si chieda: di cosa ha paura l’amministrazione americana?

Stando ai dati pubblicati dagli Usa, sono 26 i laboratori americani e altre strutture simili operative in territorio ucraino e su cui il Dipartimento della Difesa ha il controllo assoluto. Tutte le attività di ricerca di questi laboratori sono guidate dagli Stati Uniti e nessuna informazione può essere divulgata senza il loro permesso.

Un gran numero di testimonianze dimostrano che i laboratori biologici istituiti all’estero dagli Usa affermano di svolgere “ricerca pacifica” ma in realtà si impegnano in azioni militari. Anche alcuni scienziati statunitensi confermano che il laboratorio del Pentagno sta avviando una ricerca sulle armi biologiche.

La verità non può essere nascosta. Sempre più prove dimostrano che i comportamenti degli Usa hanno violato la “Convention on the Prohibition of Biological Weapons” e devono essere investigate dalla comunità internazionale. Nel contesto di un ulteriore deterioramento della situazione in Ucraina, ogni laboratorio biologico rappresenta una bomba ad orologeria. Gli Usa sono chiamati a diffondere quanto prima i dati sulla situazione interessata e a chiarire in modo completo la natura delle loro attività all’interno dei laboratori biologici sul loro territorio e all’estero al fine di garantire la salute e la sicurezza del popolo ucraino e di quello dei paesi confinanti.

Victoria Nuland, responsabile de facto della politica americana in Ucraina da lustri, ha dichiarato in un’audizione presso la Commissione Relazioni Estere del Senato USA che sì, esistono dei laboratori di patogeni in Ucraina, e che sì, l’America è preoccupata che possano cadere in mano russa. 

Si trattava, qualche giorno fa, di qualcosa definito come fake news, tanto che anche Renovatio 21 vagliava l’informazione con attenzione (in alcuni casi, c’erano esagerazioni e falsità evidenti). 

Tuttavia, come riportato da Renovatio 21, la questione aveva già preso ufficialità quando a parlarne è stato il Maggior Generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo. 

«Durante un’operazione militare speciale, sono stati rivelati i fatti della pulizia di emergenza da parte del regime di Kiev delle tracce di un programma biologico militare finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti attuato in Ucraina», ha detto Konashenkov. 

«Abbiamo ricevuto documentazione dai dipendenti dei laboratori biologici ucraini sulla distruzione di emergenza di agenti patogeni particolarmente pericolosi di peste, antrace, tularemia, colera e altre malattie mortali il 24 febbraio».

 «I documenti ricevuti confermano che lo sviluppo di componenti di armi biologiche è stato effettuato nei laboratori biologici ucraini, nelle immediate vicinanze del territorio della Russia». 

Ciò potrebbe violare l’articolo 1 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi biologiche.

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti