L'Analisi/I media occidentali si sbagliano, la Russia e la Cina NON si scon...

I media occidentali si sbagliano, la Russia e la Cina NON si scontreranno sul Covid-19

 

Segue l'analisi di  Artyom Lukin , professore associato di relazioni internazionali presso la Far Eastern Federal University di Vladivostok, in Russia. Account Twitter  @ArtyomLukin
 
La narrativa principale dei media occidentali secondo cui la crisi del Covid-19 infetterà anche le relazioni sino-russe riflette il "pio" desiderio delle élite occidentali. In realtà, è probabile che i legami Mosca-Pechino diventino ancora più forti.

 
Ancor prima della pandemia di Covid-19, le relazioni USA-Cina sembravano sempre più difficili. Il coronavirus ha solo esacerbato la rivalità geopolitica tra la superpotenza regnante e una emergente. Cercare di guidare un cuneo tra il tuo principale avversario e i suoi principali partner è una tattica consolidata nel tempo. 
 
Pertanto non sorprende che i media mainstream occidentali abbiano spinto la narrazione che la crisi del coronavirus comprometterà gravemente le relazioni della Cina con la Russia. Uno degli ultimi esempi è un articolo del Financial Times che sostiene che la crisi di Covid-19 "ha creato un maggiore attrito tra Mosca e Pechino". 
 
"Con l'aumentare del numero di casi importati dalla Russia, aumenta anche la rabbia cinese", afferma FT. “Ciò probabilmente aumenterà i sentimenti di lunga data della superiorità cinese nei confronti della Russia e dei sentimenti anti-russi. In Russia, è probabile che il virus rafforzi la sinofobia radicata. "
 
In effetti, ci sono poche prove a sostegno delle affermazioni di FT su una crepa emergente nelle relazioni sino-russe. Vi sono poche, se non nessuna, indicazioni sostanziali dell'aumento della sinofobia in Russia o dell'indignazione della Cina contro la Russia. 
 
È vero che a febbraio si sono verificati numerosi incidenti a Mosca quando le autorità cittadine hanno dato la caccia ai cittadini cinesi che presumibilmente stavano violando i requisiti di autoisolamento, con tali misure che hanno attirato una protesta dell'ambasciata cinese. Quei tentativi di individuare i cinesi furono principalmente una reazione istintiva in un momento in cui la Cina era ancora la principale fonte di diffusione del virus. Chiamarla sinofobia è discutibile. 
 
L'ambasciata cinese a Mosca ha successivamente ammesso che le persone portate via dalla polizia avevano violato tutte le regole di quarantena e oltre ai cinesi includevano russi e altri cittadini. 
 
All'inizio della pandemia, la Russia si è mossa rapidamente per sospendere quasi tutto il traffico passeggeri con la Cina. Tuttavia, il governo russo ha impiegato molto più tempo per chiudere il confine con l'Europa. Questo è stato citato da FT come indicazione dell'evidente razzismo dell'élite russa. Una spiegazione migliore della procrastinazione del Cremlino nell'arrestare i viaggi con l'Europa sta nel duro fatto che l'UE è la principale destinazione per il commercio e i flussi umani della Russia, che supera di gran lunga la Cina.
 
Quando il governo russo, proprio come la maggior parte degli altri governi di tutto il mondo, stava ancora sottovalutando il pericolo del nuovo virus, isolare la Russia dall'Europa in anticipo sarebbe stata un'opzione nucleare - e Mosca, purtroppo, non aveva né il coraggio né la lungimiranza di esercitarlo.
 
Alla fine di marzo / inizio aprile, quando l'epidemia iniziò a diffondersi rapidamente in Russia, diverse migliaia di cittadini cinesi, molti dei quali proprietari di piccole imprese a Mosca e in altre grandi città, si affrettarono a partire per la sicurezza della Cina. Molti di coloro che hanno superato il confine sono risultati positivi. Molto probabilmente, ciò ha suscitato preoccupazione a Pechino, portandolo a chiudere il confine terrestre con la Russia a tutto il traffico umano, compresi i cittadini cinesi. Ma questa non è affatto "rabbia" per la Russia. 
 
Il vero oltraggio cinese è, ovviamente, diretto dall'altra parte: negli Stati Uniti e in alcuni dei suoi alleati occidentali che stanno facendo da capro espiatorio a Pechino per le loro catastrofi. Il Covid-19 ha avuto un pesante tributo anche sulla Russia. Il paese è attualmente al 7° posto in tutto il mondo per quanto riguarda il numero di infezioni da coronavirus. L'epidemia in Russia continua ad espandersi, con il PIL che dovrebbe ridursi fino all'8%. Tuttavia, se Mosca ha qualche domanda in Cina sulle origini del coronavirus, sta scegliendo di discuterne in modo riservato. Il Cremlino è fermamente alle spalle di Pechino, con il presidente Vladimir Putin che denuncia i tentativi di incolpare la Cina.
 
Simile al pubblico di massa in Occidente, uno spettatore medio russo e cinese di solito non mette in discussione ciò che viene mostrato in TV sulle relazioni con altri paesi. E i media tradizionali russi e cinesi hanno coltivato la narrazione di una stretta collaborazione tra Russia e Cina contro il nemico comune di Covid-19. 
 
Nella mia regione dell'estremo oriente russo, dove molte persone conoscono il vicino asiatico non solo dai media ma anche di prima mano, la sensazione prevalente non è un rancore nei confronti della Cina. Alla gente non importa se il virus ha avuto origine in un laboratorio di Wuhan, come sostengono gli Stati Uniti, o altrove. Piuttosto, sono preoccupati per quanto tempo rimarrà chiuso il confine con la Cina e altri paesi asiatici. Tante aziende qui - dai negozi di souvenir ai ristoranti alle università - dipendono dai cinesi, dai coreani e dai giapponesi che un divieto esteso ai viaggi internazionali può devastare l'economia locale.
 
Insistere su una discordanza imminente tra Russia e Cina riflettono il pio desiderio delle élite occidentali - per lo più anglo-americane - che ancora negano la realtà dell'allineamento strategico sino-russo, anche se queste stesse élite hanno fatto molto per tirare le due grandi potenze insieme. L'asse Mosca - Pechino sopravvivrà sicuramente al test del coronavirus. Semmai, l'intesa Russia-Cina probabilmente diventerà ancora più forte sulla scia di Covid-19. 
 
Di fronte a un intenso confronto con gli Stati Uniti, la Cina avrà bisogno ancora di più della Russia - il suo unico amico come grande potenza. Per quanto riguarda la Russia, difficilmente sarà in grado di recuperare economicamente dopo la pandemia a meno che la Cina non sia disposta a continuare ad acquistare la sua energia e altre materie prime.
 
La relazione russo-cinese sono complesse e hanno le sue incertezze strutturali che possono manifestarsi a lungo termine. Ma non aspettatevi che Mosca e Pechino le rivedano presto.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa