I nomi dei 32 senatori che hanno votato contro il Green Pass

I nomi dei 32 senatori che hanno votato contro il Green Pass

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Ricordiamo questa data.


Il 15 settembre 2021 il Senato italiano ha approvato definitivamente con la FIDUCIA al governo Draghi, dopo aver impedito la discussione sugli emendamenti,  il decreto n. 105 sul Green pass, varato dal Consiglio dei Ministri il 23 luglio, già licenziato dalla Camera il 9 settembre.


Il decreto proroga fino al 31 dicembre 2021 lo stato di emergenza nazionale e determina  l’accesso con il Green pass ai ristoranti al chiuso, ai bar da seduti, agli spettacoli, alle competizioni sportive, ai musei e mostre, piscine e palestre, sagre e fiere, convegni e congressi, ai centri termali e culturali, ai parchi gioco tematici.

La validità del green pass passa da 9 a 12 mesi. 


"I test salivari, si legge, "vengono equiparati ai tamponi e si estende fino al 30 novembre la misura dei tamponi a prezzi calmierati in farmacia (15 euro anziché 22 per gli adulti, 8 euro per gli under 18)".


Peccato che nessuno chiarisca che solo ed esclusivamente i tamponi salivari molecolari saranno ammessi ai fini del lasciapassare e non quelli rapidi.


Questo significa che si dovranno aspettare circa 36 ore per ottenere il risultato di un tampone salivare che sarà valido solo per 48 ore dall'effettuazione del test.


Praticamente inutile.


E questa ulteriore difficoltà per chi vuole dimostrare di essere negativo al covid, evitando di doversi sottoporre a tamponi invasivi rinofaringei ogni 48 ore, conferma ulteriormente che la finalità del decreto non è il contenimento dei contagio o la salute dei cittadini.


I tamponi nasali a 15 euro ogni 48 ore non agevolano certamente un monitoraggio utile sia dei vaccinati sia dei guariti o dei non vaccinati.


Proprio oggi la Croce Rossa Italiana, a nostra specifica richiesta di informazioni, ha risposto che il servizio per i  tamponi rapidi gratuiti nelle stazioni ferroviarie delle principali città italiane sarà chiuso a fine settembre, poiché la Comunità Europea non ha rifinanziato l'iniziativa a favore dei più indigenti.


Chi ha votato contro l'obbligo del green pass, che verosimilmente nel prossimo decreto bis sarà esteso a tutti i lavoratori pubblici e privati?


Non certo la Lega, che nelle piazze e sui media gioca al poliziotto buono.
Il Governo Draghi ha ottenuto 189 voti a favore, 32 contrari e 2 astensioni.
Vediamo chi ha veramente, alla prova dei fatti, votato contro.

1 Abate Rosa Silvana (ex M5S)
2 Angrisani Luisa (ex M5S LAlternativaCE)
3 Balboni Alberto
4 Calandrini Nicola
5 Ciampolillo Alfonso
6 Ciriani Luca
7 Corrado Margherita (ex M5S LAlternativaCE)
8 Crucioli Mattia (ex M5S LAlternativaCE)
9 De Bartoli Andrea
10 De Bonis Saverio (ex M5S)
11 De Carlo Luca
12 Dessí Emanuele (ex M5S)
13 Di Micco Fabio (ex M5S)
14 Drago Tiziana Carmela (ex M5S ora FdI)
15 Fazzolari Giovanbattista
16 Santanché Daniela
17 Granato Bianca Laura (ex M5S LAlternativaCE)
18 La Mura Virginia (ex M5S)
19 La Pietro Patrizio
29 Lannutti Elio (ex M5S)
21 Maffoni Giampietro
22 Malan Lucio
23 Martelli Carlo (ex M5S)
24 Moronese Wilma (ex M5S)
25 Nugnes Paola (ex M5S Sinistra Italiana)
26 Ortis Fabrizio (ex M5S)
27 Paragone Gianluigi (ex M5S)
28 Rauti Isabella
29 Ruspandini Massimo
30 Totaro Achille
31 Urso Adolfo
32 Zaffini Francesco

Si sono astenuti Barbara Lezzi e Nicola Morra, entrambi ex M5S.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti