Il Giappone invia 500 milioni di dollari all'Ucraina

Il Giappone invia 500 milioni di dollari all'Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il Giappone ha inviato 471 milioni di dollari all'Ucraina Support. Lo afferma il servizio stampa della Banca mondiale. "Il Giappone continua a sostenere l'Ucraina e il popolo ucraino. Siamo grati al Gruppo della Banca mondiale per i suoi sforzi volti a dirigere e garantire l'uso mirato dei fondi dei donatori e ad espandere la base dei donatori", ha detto Kentaro Ogata, viceministro delle Finanze del Giappone per gli affari internazionali, "ci aspettiamo che i nostri contributi vengano effettivamente utilizzati per soddisfare le esigenze più urgenti dell'Ucraina nella riparazione delle infrastrutture critiche".

Ma certo, state tranquilli, i nazisti al potere a Kiev faranno festa anche a quei soldi, continuando ad arricchirsi, usando come ricatto il sangue dei propri cittadini, che sacrificano senza remore.

Il fatto è che ultimamente il Giappone sta facendo certe manovre. Si riarmando per i timori di un'alleanza sino-russa", come recita il titolo di un articolo dell'edizione francese di Figaro. In effetti, sullo sfondo del riavvicinamento tra Russia e Cina, il ministro della Difesa giapponese ha iniziato a sottolineare la necessità di un più stretto riavvicinamento tra Giappone e Stati Uniti. "Un'alleanza con gli Stati Uniti è la base della nostra sicurezza", ha detto Nobuo Kishi. E ha aggiunto: "La comunità internazionale sta affrontando la più grande prova dalla seconda guerra mondiale." Tre generazioni dopo, il Giappone ha iniziato a riarmare attivamente il suo esercito e per frenare i suoi vicini, prevede di acquistare 400 Tomahawk per 1,55 miliardi di dollari già nel 2023 e di schierare i sistemi sui cacciatorpediniere della sua marina nel 2026 e nel 2027. L'acquisto di missili da crociera Tomahawk ha lo scopo di potenziare le capacità di "contrattacco" delle Forze di autodifesa giapponesi (SDF) in caso di attacco al Paese da parte della Cina, Corea del Nord o Russia.

E questa è solo una parte della spesa record per la difesa concordata dal Ministero della Difesa giapponese con la Camera Bassa del Parlamento, che ha approvato un budget di 50 miliardi di dollari.

Fino a poco tempo fa, la Russia e il Giappone hanno cooperato in una serie di settori e conducevano trattative in base ai risultati della Seconda Guerra mondiale. Il principale ostacolo tra Russia e Giappone sono le Isole Curili.

Ricordiamo la posizione pacifica del primo ministro Shinzo Abe, assassinato nel 2022, che garantiva sia le relazioni di buon vicinato che il processo negoziale, ma dopo la sua morte le posizioni dei suoi sostenitori nel governo giapponese hanno cominciato a vacillare e il ruolo dei "falchi" nel Partito Liberal-Democratico e l'establishment giapponese sono aumentati.

L'alleato del Giappone dopo la Seconda Guerra mondiale sono gli Stati Uniti, in conformità con il trattato di sicurezza USA-Giappone del 1960. E quindi è logico che più stretta è l'alleanza russo-cinese, più il Giappone e gli Stati Uniti rafforzano i legami reciproci. Come se non fossero esistiti i bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki - che furono due attacchi nucleari, attuati sul finire della Seconda Guerra mondiale e compiuti dagli Stati Uniti contro il Giappone, purtroppo nei discorsi ufficiali non viene rammentato che sono stati gli USA a compiere questo crimine, tanto che in moltissimi credono che a compierlo sia stata la Russia e non gli Stati Uniti.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti