World Affairs/Il giornalista marocchino Omar Radi nuova vittima dello spyware i...

Il giornalista marocchino Omar Radi nuova vittima dello spyware israeliano Pagasus

 

Il famigerato gruppo israeliano NSO è di nuovo sotto i riflettori, con il suo controverso strumento di spionaggio - schierato contro giornalisti e attivisti in tutto il mondo - presumibilmente per aiutare a spiare un'altra vittima, un premiato giornalista marocchino.

 
Omar Radi, giornalista investigativo di Rabat, è stato preso di mira da persone che hanno silenziosamente schierato un "attacco di iniezione di rete", ha riferito Amnesty International in un nuovo rapporto.
 
Il metodo presumibilmente utilizzato contro Radi non richiede alla vittima di fare clic su un collegamento dannoso. Una volta infetto, il dispositivo mobile passa a un sito Web che scarica il famigerato spyware Pegasus, che consente l'accesso completo alla fotocamera, al microfono, alle chiamate, ai file multimediali e ai messaggi del telefono.
 
Il dispositivo del giornalista è stato attaccato più volte l'anno scorso, secondo i dati forensi di esperti di tecnologia del gruppo che si occupa di diritti umani
 
Amnesty ritiene che i tempi degli attacchi coincidano con il gruppo NSO - lo sviluppatore di Pegasus - impegnandosi pubblicamente a rispettare le linee guida delle Nazioni Unite sul rispetto dei diritti umani da parte della comunità imprenditoriale.
 
Ha promesso di valutare "il potenziale per impatti negativi sui diritti umani derivanti dall'uso improprio di prodotti NSO" e, se necessario , di terminare l'accesso dei client al loro software.
“NSO Group non può essere considerato attendibile. Mentre stava intraprendendo un'offensiva di pubbliche relazioni per cambiare la sua immagine, i suoi strumenti consentivano la sorveglianza illegale di Omar Radi, una giornalista e attivista pluripremiato” , ha dichiarato Danna Ingleton, vicedirettore di Amnesty Tech, in merito alle rivelazioni.
Mentre l'NSO afferma che Pegasus è destinato ai governi - il che significa che gli enti privati ??non sono in grado di procurarselo - e afferma che controlla attentamente i clienti, un certo numero di giornalisti e attivisti per i diritti umani si sono trovati sotto gli attacchi di Pegasus.
 
L'anno scorso, WhatsApp ha confermato che decine di avvocati, giornalisti e attivisti per i diritti indiani erano tra i 1.400 utenti interessati dal software di snooping. Pegasus è stato utilizzato dagli hacker per infettare i dispositivi con malware, mascherato da chiamate in arrivo.
 
Da allora la vulnerabilità è stata riparata, ma Facebook, la società madre di WhatsApp, ha intentato una causa contro la società di sorveglianza israeliana. NSO nega la responsabilità del modo in cui il loro software viene distribuito dai clienti governativi.
 
Questa volta, la società israeliana ha che è "profondamente turbata" dal rapporto di Amnesty. "Stiamo esaminando le informazioni ivi contenute e avvieremo un'indagine se giustificato", ha promesso.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa