"Il liberalismo è mutato in dittatura digitale": Mosca commenta la proposta di divieto di TikTok negli Stati Uniti

"Il liberalismo è mutato in dittatura digitale": Mosca commenta la proposta di divieto di TikTok negli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La nuova crociata digitale degli Stati Uniti è stata lanciata contro il social network cinese TikTok, indicato come uno strumento nella mani di Pechino. 

L'intenzione dei legislatori statunitensi di vietare completamente TikTok segna l'avvicinamento degli Stati Uniti alla dittatura digitale, ha dichiarato a tal proposito la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

A seguito del divieto di utilizzo della piattaforma video, di proprietà della società cinese ByteDance, sui dispositivi governativi, il mese scorso la Commissione Affari Esteri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha votato per l'avanzamento di una legislazione che faciliti il divieto dell'applicazione a livello nazionale.

"Si tratta ora della prospettiva di un divieto totale della piattaforma cinese nel Paese e dell'introduzione di dure sanzioni, anche penali, per i tentativi di aggirarla", ha scritto sul suo canale Telegram, prima di notare che "il liberalismo è mutato in una dittatura digitale sotto i nostri occhi".

Zakharova osserva che "tutto indica che la decisione di chiudere TikTok è già stata presa", citando gli sforzi falliti del suo amministratore delegato, Shou Zi Chew, che ha testimoniato per diverse ore per cercare di convincere i membri del Congresso degli Stati Uniti della trasparenza dell'azienda e della completa disponibilità a dissipare i loro dubbi sulla sicurezza.

"I membri del Congresso sono stati irremovibili: il social network minaccia la sicurezza del Paese, corrompe i minori con contenuti mirati e distrugge la loro fragile psiche statunitense, oltre a fornire alla Cina comunista preziose informazioni sui suoi utenti", ha dichiarato Zakharova.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che i legislatori "non sono infastiditi" dal fatto che monopoli come Google e Meta "effettuano una raccolta incontrollata di dati personali".

La portavoce russa afferma che gli obiettivi delle autorità statunitensi non si limitano al tentativo di estromettere una società rivale dal mercato, costringerla a vendere i propri asset e stabilire il proprio controllo sulla piattaforma.

La legge "conferirebbe alle autorità di regolamentazione poteri senza precedenti, trasformandole di fatto in gendarmi di Internet con il diritto di accedere a qualsiasi computer e telefono con il pretesto di "combattere le minacce alla sicurezza nazionale"", ha dichiarato Zakharova, citando la responsabilità penale fino a 20 anni di carcere prevista dal disegno di legge presentato al Congresso il mese scorso.

La bozza di Information and Communications Technology Endangerment and Security Threats Restriction Act potrebbe portare a pene detentive per chi utilizza reti private virtuali (VPN) per accedere a siti web vietati nel Paese, come TikTok.

Nello specifico, l'iniziativa del senatore democratico Mark Warner propone multe fino a 1 milione di dollari e pene detentive fino a 20 anni per la violazione delle norme che cercano di proteggere i dati personali degli utenti statunitensi dalle intercettazioni di "avversari stranieri". In questo modo, la legge potrebbe colpire i servizi VPN e altre tecnologie simili utilizzate per accedere a siti vietati negli Stati Uniti.

Insomma, misure draconiane che avrebbero fatto insorgere gli Stati Uniti e i media vassalli, se fossero state adottate da paesi non allineati a Washington. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti