Il ministro canadese Miller: "Il Canada ha una storia davvero oscura con i nazisti"

Il ministro canadese Miller: "Il Canada ha una storia davvero oscura con i nazisti"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In seguito al clamore suscitato dalla standing ovation per un veterano nazista ucraino, inquadrato nelle SS, nel Parlamento canadese, il ministro per l'Immigrazione, i Rifugiati e la Cittadinanza Marc Miller ha riconosciuto mercoledì che il Paese ha una storia "oscura" per essere diventato un rifugio per i nazisti e i loro collaboratori dopo la Seconda Guerra Mondiale.

"Il Canada ha una storia davvero oscura con i nazisti qui. C'è stato un periodo della nostra storia in cui era più facile entrare [in Canada] come nazista che come ebreo. Penso che sia una storia con cui dobbiamo riconciliarci", ha dichiarato Miller secondo quanto riportato da CP 24.

La standing ovation tributata al veterano nazista ucraino Yaroslav Hunka alla presenza del Primo Ministro canadese Justin Trudeau e del Presidente ucraino Vladimir Zelenski ha scatenato l'indignazione di molte organizzazioni ebraiche sia in Canada che nel resto del mondo, che ora chiedono a Ottawa di rendere pubblici tutti i documenti relativi alla presenza di criminali di guerra rifugiatisi nel Paese nordamericano.

il novantottenne Yaroslav Hunka ha combattuto durante la Seconda guerra mondiale nelle file della 14ª Divisione granatieri Waffen-SS, o Divisione Galizien, composta in gran parte da volontari ucraini provenienti dalla regione occidentale della Galizia, questa unità militare è nota per i crimini di guerra commessi insieme all'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) contro migliaia di polacchi ed ebrei.

"Credo che parte del problema sia che i registri sono chiusi. Non si può ricordare il passato se non si conosce il passato, e non si può conoscere il passato se non si ottengono i documenti", ha dichiarato a CP24 David Matas, avvocato dell'organizzazione non governativa ebraica B'nai B'rith.

Sia il B'nai B'rith che il Centro Simon Wiesenthal, che documenta le vittime dell'Olocausto, questa settimana hanno ribadito la necessità di rendere pubblici i documenti storici sull'ammissione dei nazisti e dei loro collaboratori in territorio canadese, compreso il documento noto come Commissione Deschenes.

"È ora che Ottawa non solo renda noti i documenti non secretati relativi alla Commissione Deschenes, ma affronti anche la cruda realtà che in Canada vivono ancora ex nazisti con le mani sporche di sangue", ha esortato il presidente degli Amici del Centro Simon Wiesenthal, Michael Levitt.

Inoltre, l'organizzazione ha ribadito il suo appello a demolire un monumento eretto in onore dei combattenti della Divisione Galizien nella città di Oakville e un altro a Edmonton eretto in memoria dei membri dell'Esercito Insurrezionale Ucraino (il cosiddetto UPA, che era il ramo militare dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini). In una dichiarazione citata da CTV, l'organizzazione ebraica ha affermato che questi monumenti "distorcono l'Olocausto, mentre glorificano la memoria di individui che hanno partecipato a crimini contro l'umanità".

La Commissione Deschenes - evidenzia RT - ha rivelato, tra l'altro, che i collaborazionisti nazisti sono fuggiti in Canada e hanno attraversato il sistema di immigrazione con documenti falsi, ottenuti con l'aiuto di agenti dell'intelligence statunitense in Europa.

Inoltre, nel 1986 la commissione ha stabilito che i membri della Divisione Galizien sono stati formalmente assolti da tutti i crimini di guerra collettivi. "Le accuse di crimini di guerra contro i membri della Divisione Galizien non sono mai state provate, né nel 1950, quando furono presentate per la prima volta, né nel 1984, quando furono rinnovate. In assenza di prove di partecipazione o conoscenza di specifici crimini di guerra, la semplice appartenenza alla Divisione Galizien non è sufficiente a giustificare un'azione penale", si legge nel testo pubblico del rapporto.

Negli anni '80, il Centro Simon Wiesenthal aveva stimato che più di 2.000 nazisti e loro collaboratori erano fuggiti in Canada negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, la Commissione Deschenes ha concluso che il numero di criminali di guerra residenti nel Paese nordamericano era "grossolanamente esagerato".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti