Il Pentagono completa la vendita dei sistemi THAAD all'Arabia Saudita. Affare da 2,4 miliardi di dollari

Il Pentagono completa la vendita dei sistemi THAAD all'Arabia Saudita. Affare da 2,4 miliardi di dollari

La compagnia statunitense Lockheed Martin ha firmato un contratto miliardario con il Pentagono per fornire i sistema di difesa missilistica, THAAD, all'Arabia Saudita.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il Pentagono, secondo quanto riporta l'agenzia Reuters, l'azienda Lockheed Martin ha ricevuto un contratto da 2,4 miliardi di dollari dalla Missile Defense Agency (MDA) per la fabbricazione dei sistemi di difesa terminale dell'area ad alta quota (THAAD).


 
"Lockheed Martin Missiles e Fire Control di Dallas, ricevono 2 457 390 566 dollari per la produzione di intercettori THAAD (...) al fine di sostenere il governo degli Stati Uniti. e il regno dell'Arabia Saudita", si legge nel documento.
 
Il Pentagono ha spiegato che il paese arabo pagherà 1,5 miliardi di dollari dell'importo totale nell'ambito delle lettere di offerta e di accettazione firmate nel novembre 2018 tra Washington e Riyad. Formalizzano i termini per la vendita di 44 tra rampe di lanci0, missili e attrezzature THADD all'Arabia Saudita.
 
L'accordo è stato raggiunto dopo le pressioni sul governo degli Stati Uniti, compresa una telefonata tra il presidente americano Donald Trump, e il re saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud.
 
Dopo l'omicidio del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi, avvenuto nel consolato saudita a Istanbul, Trump sostenne che bloccare la vendita di armi ai sauditi come rappresaglia per la morte del giornalista del Washington Post "sarebbe peggio" per l'economia degli Stati Uniti che per il regno arabo.
 
Washington continua a vendere armi a Riad, che vengono utilizzate nella campagna di aggressione contro lo Yemen dal marzo 2015. La situazione critica dei diritti umani e l'allarmante numero di morti tra i civili yemeniti a seguito dei bombardamenti sauditi e dei suoi alleati arabi sono sempre stati largamente disapprovati da coloro che si oppongono alla vendita di armi americane alla casa regnante degli Al Saud.
 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia