/ Il premio Pulitzer Seymour Hersh: Gli USA hanno bombardato la Sir...

Il premio Pulitzer Seymour Hersh: Gli USA hanno bombardato la Siria senza che ci fosse stato un attacco chimico di Damasco

 

Gli Stati Uniti hanno bombardato la Siria pur sapendo che non c'era stato alcun attacco chimico ad opera di Damasco, ha spiegato, il giornalista Premio Pulitzer, Symur Hersh, dopo aver consultato diverse fonti statunitensi.


"Sappiamo che non c'è stato alcun attacco chimico. (...) I russi sono furiosi e noi che diciamo di avere dati reali e conosciamo la verità. (...)Sarebbe stato lo stesso se avessimo eletto Clinton o Trump", ha dichiarato uno dei funzionari statunitensi intervistato dal giornalista Premio Pulitzer Seymour Hersh in un articolo pubblicato oggi sul bombardamento statunitense alla base siriana di Al-Shairat il 7 aprile scorso.

 
Gli Stati Uniti lanciarono decine di missili per rispondere alla frenesia dei media che spingevano con le immagini di bambini in difficoltà respiratorie, a causa di un presunto attaccho con armi chimiche da parte di Damasco nella città di Khan Shaykhun nella provincia settentrionale di Idlib (controllata da gruppi terroristici).
 
"Stavano facendo le cose per bene", dice un alto consigliere anziano citato dal giornalista sulla cooperazione anti-terrorismo russo e siriano, che assicura anche che "tutte le responsabilità operative (degliStati Uniti), e al di fuori l'esercito, Marines, Aeronautica, CIA, NSA dovevano sapere"che si stava preparando una tale operazione.

 
Tuttavia, al presidente degli Stati Uniti erano state date quattro possibili risposte all'attacco con armi chimiche, dal non fare nulla al cercare di uccidere il suo omologo siriano Bashar al-Assad. Donald Trump scelse dopo aver visto le immagini di bambini "l'opzione gorilla: lanciare occhiate furiose e battere il petto per far paura e mostrare la sua determinazione, ma causando danni poco significativi", ha riassunto uno degli intervistati.
 
Il problema di questa opzione, ha detto un altro degli alti ufficiali, è che non era da escludere inassoluto che i terroristi che affliggono la Siria da 6 anni stavano preparando un altro falso attacco con il gas sarin, ai quali Trump, dopo aver aumentato la pressione, non "avrà altra scelta che tornare a bombardare di nuovo, più forte. Egli è incapace di dire che ha commesso un errore."
 
L'obiettivo dell'attacco di Damasco, secondo le informazioni raccolte da Hersh, era un edificio, un  blocco di cemento il cui piano interrato serviva da un magazzino per le armi, le munizioni e oggetti di uso rurale - distribuiti dai terroristi come un modo per controllare la popolazione, fra i quali c'erano sostanze decontaminanti e concimi a base di cloro.
 
 
Fonte: https://www.welt.de
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa