Il redditometro e la Patrimoniale che non arriverà

Il redditometro e la Patrimoniale che non arriverà

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

Le divisioni interne al Governo Meloni sul redditometro sono frutto di ambiguità e di posizioni classiste

Una legge patrimoniale, la tassazione dei grandi redditi non è all'orizzonte come del resto non esiste spazio alcuno per ripristinare le aliquote fiscali in termini progressivi e in base alla ricchezza posseduta.

I redditi dichiarati per il Governo andranno confrontati con i consumi reali, una idea di per sè non sbagliata ma insufficiente perché, e lo scrive anche il portale liberal La Voce. info, la analisi comparativa dovrebbe riguardare il rapporto tra redditi e patrimoni.

La premessa ad ogni ragionamento resta quella del sistema di tassazione, avere ridotto le aliquote fiscali nel tempo ha accresciuto le disuguaglianze sociali ed economiche, oltre a ridurre i contributi per il welfare.

La patrimoniale colpirebbe il patrimonio di un contribuente, la tassazione deriverebbe dal calcolo dei suoi beni immobili, dalla casa ai risparmi, indipendentemente da quanto guadagna col suo lavoro.

Il proprietario pagherebbe in proporzione al bene posseduto, ad esempio nel caso di un immobile in base al valore catastale indipendentemente dal suo reddito valutando lo stato di conservazione, la metratura….

Una eventuale legge Patrimoniale viene avversata anche in virtù del fatto che aumenterebbe le tasse sulle eredità che nel nostro paese sono tra le più basse in assoluto tra i paesi a capitalismo avanzato, aumenterebbe la imposta su bollo sui conti correnti o conti depositi e andrebbe a colpire i guadagni derivanti dai prodotti finanziari, una tassazione di classe a beneficio dei ceti meno abbienti e per questo assai invisa ai poteri economici e finanziari che da sempre ne impediscono l’applicazione trovando ampio sostegno nell’Esecutivo di turno

Il Governo Meloni, al pari dei precedenti, segue la strada già intrapresa dai governi tecnici e di centro sinistra anzi è probabile che voglia andare ben oltre riducendo ulteriormente le tasse a beneficio delle classi sociali abbienti secondo i canoni della politica di crescente ostilità verso le tassazioni per le imprese e i grandi capitali.

Non è poi detto che uno stile di vita particolarmente dispendioso sia sufficiente per scovare un probabile evasore fiscale, è un indizio per degli accertamenti da parte dell'Agenzia delle Entrate ma cosa diremmo davanti una famiglia danarosa ma parsimoniosa?

Non si tratta or dunque solo di scatenare una lotta contro la evasione fiscale ma di far pagare le tasse in modo equo e progressivo in base alla ricchezza posseduta.

La deducibilità di innumerevoli spese sostenute poi rappresenta un'arma a doppio taglio in presenza di un welfare del tutto insufficiente, tanto maggiori saranno le spese deducibile quanto maggiore risulterà la capacità di spesa per una famiglia. Se hai un reddito elevato probabilmente ti rivolgerai alla sanità privata, o alla intra moenia, davanti a lunghe liste di attesa per una operazione o qualche tac ed ecografia, al fine di ricevere prestazioni che il servizio pubblico, depauperato di personale e strumenti, non potrà garantire in tempi rapidi.

Prevedere una equa tassazione in base al reddito percepito, decuplicare il numero degli scaglioni attuali, sarebbe un ritorno al passato ma anche e soprattutto un segnale di equità sociale, oltre a garantire effetti benefici sullo stato sociale le cui risorse da tempo scarseggiano. Analogo discorso potremmo fare per le tassazioni, ridotte, alle imprese che fanno mancare risorse al nostro sistema previdenziale.

È evidente che riducendo le aliquote fiscali e privatizzando i servizi siano state operate scelte politiche indirizzate all'indebolimento del welfare universale e al contempo sono cresciuti gli evasori oltre al giro, ormai colossale, di interessi che ruota attorno alla sanità e previdenza integrativa, alle assicurazioni private inaccessibili per i redditi medio bassi.

Resta scontato che tanto maggiore sarà il reddito percepito quanto elevato risulterà il risparmio, sulla formazione dei patrimoni finanziari e immobiliari basterebbe ricordare che l'agenzia delle Entrate in teoria può rintracciare il patrimonio di ogni singolo cittadino investito in Italia e all'estero ma al contempo non sarà possibile rintracciare  e i patrimoni immobiliari finanziari destinati verso alcuni paesi che non aderiscono alle convenzioni internazionali lasciando dormire sonni tranquilli ai paradisi fiscali dove le grandi multinazionali hanno sede evitando di pagare le tasse nei paesi dove accumulano enormi profitti

Indirizzarsi all'analisi dello stile di vita e dei consumi non è sufficiente per una fotografia esaustiva della evasione fiscale, al contempo i Governi succedutisi hanno fatto a gara per presentarsi credibili al cospetto del grande capitale riducendo le tasse e senza adottare una tassa ad hoc sui grandi capitali, gli stessi Governi del resto misurano la loro credibilità internazionale in base ai favori accordati alla grande finanza e per questo guardano con sospetto, dall'alto della loro ignavia, ogni principio di equità fiscale e sociale 

Approfondimenti

global_tax_evasion_report_24.pdf (taxobservatory.eu)

26017dd9-6f0d-725b-e21a-06ef8e77762e (agenziaentrate.gov.it)

 Nuovo redditometro: vita breve di un'arma spuntata - Lavoce.info

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti