Il ruolo dei "foreign fighters" in Ucraina e il rischio di allargamento del conflitto

Il ruolo dei "foreign fighters" in Ucraina e il rischio di allargamento del conflitto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di John P. Ruehl (Traduzione di Contropiano)

Il 2 febbraio 2023, l’ex marine americano Peter Reed è stato ucciso in Ucraina mentre evacuava i civili nella città di Bakhmut, in prima linea. Due giorni dopo, il 4 febbraio, i corpi di due volontari britannici, Christopher Perry e Andrew Bagshaw, sono stati restituiti come parte di un accordo di scambio di prigionieri con le forze russe. Le loro morti rappresentano alcune delle ultime vittime occidentali in Ucraina, un anno dopo che le forze russe hanno invaso il Paese nel febbraio 2022.

I combattenti stranieri sono affluiti in Ucraina dopo il primo intervento militare russo del 2014. Ma con l’invasione russa del febbraio 2022, il numero di foreign fighters che si sono diretti in Ucraina è salito alle stelle.

Dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha chiesto agli stranieri di unirsi alla Legione Internazionale di Difesa dell’Ucraina all’inizio della guerra, il 27 febbraio, circa 20.000 “volontari” provenienti da oltre 50 Paesi sono arrivati a Kiev nelle due settimane successive.

Molti si sono recati nel Paese per motivi ideologici. In contrasto con la disillusione provata da molti veterani occidentali dopo i turni di combattimento in Afghanistan e in Iraq, la convinzione di contribuire ad “alleviare le sofferenze dell’Ucraina” e di “difendere la democrazia” è stata una forte motivazione per portare migliaia di volontari a Kiev.

Tuttavia, la stragrande maggioranza degli stranieri arrivati è tornata a casa prima dell’estate del 2022 per diverse ragioni.

Alcuni non avevano un’esperienza credibile e sono stati accusati di essere “turisti di guerra” invece di dedicarsi alla liberazione dell’Ucraina. I soldati occidentali che si sono offerti volontari si sono trovati a operare senza un forte supporto aereo e senza altri vantaggi tecnologici fondamentali di cui invece godono i gruppi di contractors in Medio Oriente.

Le barriere linguistiche hanno spesso impedito ai combattenti stranieri di comunicare chiaramente con le loro controparti ucraine. Ad alcuni volontari stranieri sono state mosse accuse di criminalità, sia nei loro Paesi d’origine che in Ucraina.

Secondo la maggior parte delle stime, i combattenti stranieri che attualmente sostengono le forze ucraine sono tra i 1.000 e i 3.000, in gran parte in servizio in tre battaglioni della Legione Internazionale. Si ritiene che centinaia di volontari stranieri più professionali stiano servendo in unità più piccole, separate dalla Legione Internazionale.

Questi includono gruppi dominati da cittadini dell’ex Unione Sovietica, come la Legione Georgiana, i battaglioni ceceni e il Reggimento Kalino?ski, un gruppo di combattenti bielorussi.

Le unità militari a prevalenza occidentale includono gruppi come Alpha, Phalanx e la Brigata Norman. Tuttavia, anche queste unità hanno dovuto affrontare delle controversie. La leadership della Brigata Norman, un’unità a guida canadese, ad esempio, è stata ripetutamente criticata da ex membri.

Anche le società militari e di sicurezza private (PMSC) occidentali sono attive in Ucraina. Il Gruppo Mozart, una compagnia privata statunitense, nata per contrastare la compagnia privata russa nota come Gruppo Wagner, è stata attiva nel conflitto ucraino nei primi giorni.

Ma quando i finanziamenti si sono esauriti e le dichiarazioni di alcuni dei suoi membri hanno attirato l’attenzione negativa dei social media, il Gruppo Mozart è andato in pezzi. La leadership rimasta sta attualmente cercando di riorganizzare le forze residue e tornare in prima linea.

Il coinvolgimento dei volontari statunitensi in Ucraina ha sollevato anche questioni relative a potenziali violazioni della legge sulla neutralità, promulgata nel 1794 per impedire ai cittadini americani di essere coinvolti in guerre straniere. Tuttavia, mentre il Dipartimento di Stato americano ha sconsigliato ai cittadini statunitensi di recarsi in Ucraina, Washington ha fatto ben poco per evitare che migliaia di suoi “cittadini” vi andassero.

Gli Stati Uniti non sono i soli ad inviare messaggi contrastanti sui combattenti stranieri. Il governo britannico ha dichiarato che è illegale per le truppe e gli ex membri del personale di servizio britannico recarsi in Ucraina per combattere, ma a pochi giorni dall’invasione russa, nel febbraio 2022, l’allora ministro degli Esteri Liz Truss ha annunciato il suo sostegno ai cittadini britannici che andavano in Ucraina per farlo.

Nel frattempo, altri governi occidentali hanno dichiarato che avrebbero scoraggiato i singoli cittadini dal recarsi in Ucraina, ma non avrebbero perseguito coloro che lo avessero fatto (solo per quelli schierati con Kiev, naturalmente).

 

Ciò non ha impedito che venissero intraprese azioni legali contro coloro che sono stati scoperti. Nel giugno 2022, un tribunale della regione separatista di Donetsk, controllata dalla Russia, ha condannato a morte due cittadini britannici e un marocchino per aver combattuto nell’esercito ucraino.

Un simile trattamento dei prigionieri di guerra costituisce un crimine di guerra, ma i russi hanno sostenuto che si trattava di mercenari e che quindi le regole di guerra non si applicavano a loro“, ha dichiarato la Harvard International Review.

Evitando di istigare una guerra più ampia tra la NATO e la Russia, i funzionari occidentali si sono astenuti dal mettere ufficialmente gli stivali sul terreno. Tuttavia, le forze speciali statunitensi sono state attive in Ucraina fin da prima della guerra e continuano a operare nel Paese, insieme al personale della CIA. Anche le forze speciali di Gran Bretagna, Francia, Canada, Lituania e altri alleati occidentali sono attive in Ucraina.

Oltre alla mancanza di chiarezza sulle operazioni di intelligence e delle forze speciali, è difficile confermare il numero esatto di occidentali in Ucraina, il tipo di ruolo che stanno svolgendo, dove si trovano esattamente e quanti sono morti.

Inoltre, spesso vengono fatte affermazioni apparentemente errate sulle loro vittime. Il 25 gennaio 2023, un sito web turco, citando dati attribuiti all’agenzia di intelligence israeliana Mossad, ha affermato che migliaia di soldati dei Paesi della NATO sono stati uccisi, tra cui centinaia di statunitensi e britannici. Questa affermazione è stata rapidamente smentita dalla NATO.

Nel frattempo, il Cremlino ha sottolineato come la Russia non stia combattendo solo contro l’Ucraina, ma contro la stessa NATO, e i combattenti occidentali catturati sono fondamentali per trasmettere questo messaggio sia all’opinione pubblica russa che al pubblico internazionale. Mosca ha cercato di inquadrare il conflitto come una lotta più ampia contro l’Occidente, che ritiene possa avere risonanza presso altre popolazioni del mondo.

Nel marzo 2022, il Presidente russo Vladimir Putin ha chiesto l’aiuto di combattenti stranieri per liberare il Donbass, mentre secondo il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, 16.000 stranieri hanno dichiarato di essere disposti a combattere a fianco delle forze russe in Ucraina, secondo Newsweek.

Yevgeny Prigozhin, il finanziatore del Gruppo Wagner, ha dichiarato sul canale Telegram della sua società nel febbraio 2023 che più di 10 milioni di cittadini statunitensi si erano iscritti al gruppo per combattere per la Russia.

Mentre Wagner ha trovato la maggior parte delle sue nuove reclute nelle prigioni russe, il Cremlino ha avuto una certa fortuna nel reclutare combattenti stranieri in Ucraina. Molte compagnie russe hanno tipicamente reclutato da Stati ex sovietici e si sospetta che combattenti dell’Asia centrale siano presenti in entrambe le parti del conflitto.

Molti serbi, inoltre, non sopportano il ruolo storico dell’Occidente negli affari del loro Paese e dal 2014 piccoli gruppi di cittadini serbi combattono a fianco delle forze russe in Ucraina.

Nel gennaio 2023, funzionari serbi hanno dichiarato di star monitorando le notizie di altri serbi al servizio della Russia in Ucraina. Anche i funzionari montenegrini stanno cercando di impedire ai loro cittadini, molti dei quali condividono sentimenti filo-serbi e filo-russi, di recarsi in Ucraina, e alcuni lo hanno già fatto dal 2014.

Soldati e personale di Teheran si trovano in Ucraina per aiutare i russi a far funzionare i droni di fabbricazione iraniana e, secondo un funzionario ucraino, 10 iraniani sono stati uccisi durante un attacco alle postazioni russe nell’ottobre 2022.

Si sospetta che anche centinaia di combattenti siriani si trovino in Ucraina, rispecchiando le dinamiche della guerra civile siriana, dove truppe iraniane, siriane e russe combattono insieme dal 2015.

La possibilità che altri volontari di altri Paesi si uniscano alla guerra da entrambe le parti rimane alta. Nell’agosto 2022, i media statali russi hanno iniziato a suggerire che fino a 100.000 volontari nordcoreani potrebbero finire a sostenere la campagna del Cremlino in Ucraina. Sebbene questo numero sia chiaramente ottimistico, i volontari nordcoreani potrebbero superare la manciata di cittadini sudcoreani noti per essersi recati in Ucraina a combattere per Kiev.

Inoltre, anche un piccolo numero di cittadini statunitensi è andato a combattere per la Russia, insieme a commando afghani addestrati dagli Stati Uniti che ora combattono per la Russia in Ucraina. Sebbene il Cremlino smentisca queste notizie, si ritiene che i soldati afghani siano stati attivamente reclutati dal Cremlino per mesi.

La guerra tra Russia e Ucraina è chiaramente più di una guerra tra due Paesi. Oltre agli aiuti materiali che sia la Russia che, soprattutto, l’Ucraina hanno ricevuto dai loro alleati, sono arrivati migliaia di combattenti stranieri da tutto il mondo per combattere al loro fianco. Con il continuo arrivo di volontari, aumenta il rischio che altri Paesi rimangano coinvolti nel conflitto. Stabilire delle salvaguardie per gestire le vittime e i prigionieri di guerra dei volontari stranieri è fondamentale per evitare che il conflitto si inasprisca ulteriormente.

 * Questo articolo è stato prodotto da Globetrotter. John P. Ruehl è un giornalista australiano-americano che vive a Washington, D.C. È redattore di Strategic Policy e collaboratore di numerose altre pubblicazioni di affari esteri. Il suo libro, Budget Superpower: How Russia Challenges the West With an Economy Smaller Than Texas’, è stato pubblicato nel dicembre 2022.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti