Il senatore Graham critica Biden: l'Iran non ha paura degli Usa

Il senatore Graham critica Biden: l'Iran non ha paura degli Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il senatore Lindsey Graham non solo ha definito un fallimento gli attacchi statunitensi contro quelli che sono stati ritenuti obiettivi iraniani nell’Asia occidentale. C’è un’altra questione: l’Iran non teme gli Stati Uniti.

Graham è uno dei senatori repubblicani che ha criticato l'amministrazione del presidente americano Joe Biden per non aver reagito con sufficiente rapidità all'attacco avvenuto il 28 gennaio contro la Torre 22, un piccolo avamposto americano in Giordania, dove sono rimasti uccisi tre soldati americani e più di 40 feriti. 40.

Washington, in quelli che ha definito attacchi di ritorsione per la Giordania, venerdì scorso ha bombardato diversi siti siriani e iracheni, provocando almeno 16 morti, compresi civili, e 25 feriti in Iraq, e almeno 23 morti in Siria.

Criticando la risposta di Washington in un'intervista con Fox News Sunday, Graham, ieri, ha sostenuto che gli attacchi non sono riusciti a spaventare l'Iran. “Se l’obiettivo è scoraggiare l’Iran, stai fallendo miseramente. "Se l'obiettivo è proteggere le truppe americane, non stai raggiungendo il tuo obiettivo", ha lamentato.

Ha aggiunto che ciò che l’amministrazione Biden ha fatto con i suoi attacchi è stato convincere l’Iran che non vuole una guerra più ampia. “Hanno ricevuto il messaggio […] non hanno paura di noi”, ha sottolineato.

Il senatore della Carolina del Sud ha ribadito che gli Stati Uniti devono cambiare le proprie politiche. “La gente non ha paura di noi. Questa idea di colpire centinaia di obiettivi […] non ha importanza", ha spiegato, riferendosi alle dichiarazioni del Dipartimento della Difesa secondo cui il suo obiettivo era quello di colpire innumerevoli obiettivi presumibilmente appartenenti all'Iran e ai suoi alleati nella regione .

La sicurezza nazionale americana “è in caduta libera”

Secondo Graham, i recenti eventi in Asia ed Europa, compreso il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan nel 2021, l’invasione russa dell’Ucraina e l’aggressione israeliana a Gaza, hanno avuto molte conseguenze negative per il Paese nordamericano. In questo senso, ha avvertito che la sicurezza nazionale degli Stati Uniti “è in caduta libera”.

L'Iran, che aveva rifiutato ogni responsabilità per attacchi contro truppe o basi americane nella regione, sabato scorso ha condannato le offensive americane in Iraq e Siria. Le offensive “non avranno altro risultato che l'escalation della tensione e dell'instabilità nella regione”, ha avvertito il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Naser Kanani.

Venerdì scorso, il presidente iraniano Seyed Ebrahim Raisi ha lanciato un chiaro avvertimento a Washington. "Abbiamo detto più volte che non inizieremo alcuna guerra, ma se un paese o una forza ostile vuole intimidirci, riceverà una risposta dura e forte dalla Repubblica islamica dell'Iran", ha avvertito Raisi.

SCOPRI "LA VOCE DELLA PALESTINA": L'OFFERTA IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti