Ilva, la soluzione efficace per lavoratori e ambiente esiste e il modello è l'Eni di Mattei

Ilva, la soluzione efficace per lavoratori e ambiente esiste e il modello è l'Eni di Mattei

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fausto Sorini


Esiste una soluzione concreta, possibile,realista della vicenda ILVA, capace di salvaguardare gli interessi nazionali, quelli dei lavoratori e quelli di natura ecologica?

Io credo di sì, se ve ne fosse la volontà politica.

La soluzione sarebbe una sostanziale nazionalizzazione dell'ILVA, che coinvolga partner privati e pubblici, italiani e/o esteri, non predatori ma disponibili ad accettare le condizioni poste dal potere politico nazionale. Quando dico nazionalizzazione non intendo necessariamente una proprietà pubblica al 100%, ma con una proporzione e qualità tale (51% o anche meno, ma con una golden share) che garantisca al potere pubblico nazionale un capitale di comando sufficiente a non perdere il controllo delll'impresa.

Con un management qualificato e di alto profilo che garantisca efficienza e professionalità. Una soluzione efficace (e non meramente assistenzialistica) che garantisca anche ai lavoratori e ai loro rappresentanti una presenza nel Consiglio di ammistrazione: incidente e non meramente simbolica.

Se debbo fare un paragone storico e in linea generale, mi viene in mente l'esperienza originaria dell'ENI di Enrico Mattei, con tutte le varianti richieste dal contesto concreto attuale. In una logica che è pure presente in modo esplicito in alcuni articoli della nostra Costituzione, che prevede nazionalizzazioni e partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese, soprattutto se pubbliche o a partecipazione statale.

Si trattarebbe di una esperienza, sia pur limitata ma altamente simbolica, di una gestione pubblica o a partecipazione statale, sorretta da una volontà politica progressiva che ne farebbe una esperienza emblematica (e non solo) di politica economica e industriale alternativa alle logiche del liberismo nazionale e di matrice Ue. Non credo che il governo attuale, nella sua maggioranza, possa esprimere una volontà politica conforme, ma una parte delle sue componenti forse sì. Credo che i comunisti e le forze progressive più avanzate dovrebbero perfezionare e fare propria una proposta di questa natura, e su quella base incalzare il movimento sindacale e le forze politiche che dichiarano di avere a cuore l'interesse nazionale e quello del mondo del lavoro. Vorrei invitare compagni e amici più competenti di me in materia ad elaborare in proposito una proposta adeguata e praticabile.

Essa potrebbe, tra l'altro, contribuire a far crescere tra i lavoratori e nel popolo una coscienza anti-liberista e, in prospettiva, socialista: sulla base non di una propaganda astratta, ma a partire dalla loro esperienza concreta.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti