Immagini shock. Dnipro, Militari ucraini arrestano e picchiano barbaramente civili "sospetti"

Immagini shock. Dnipro, Militari ucraini arrestano e picchiano barbaramente civili "sospetti"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nella "democratica" Ucraina che grida al mondo la sofferenza per le violazioni dei diritti umani da parte dei russi, nella città di Dnipro, le truppe ucraine bloccano alcune vetture a un posto di blocco e arrestano delle persone sospettate di essere collaboratori dei nemici. Dal filmato emerge la tutela per i diritti civili che i soldati di Kiev, contraddistinti dalla banda blu al braccio, riservano ai sospettati. 

Il video di seguito è altamente sconsigliato ad un pubblico sensibile.

 

 

Le truppe di Kiev e le sue milizie paramilitari naziste, insieme alle formazioni di “Difesa civile”, sono ossessionate dal pericolo di infiltrazioni, tanto da sprigionare inaudita violenza contro chiunque sia solo sospettato di essere una spia. 

Una ossessione che, unitamente al disprezzo per i cittadini ucraini russofoni, permette qualsiasi violenza, tortura, uccisioni e processi sommari contro i propri cittadini,nella certezza dell’impunità garantita dai paesi occidentali.

Purtroppo la propaganda ucraina, elevata a verità assoluta, danneggia anzitutto i poveri civili ucraini. Ovunque le truppe russe si ritirano, i civili sono i primi a pagare il prezzo della caccia ai collaboratori. E’ altamente probabile che la strage di Bucha sia figlia di queste ossessioni, poi venduta come "strage russa" per vendere ai media occidentali il pretesto perfetto per la terza guerra mondiale.

A queste violenze inaudite si aggiunge la prassi da parte delle forze ucraine, di utilizzare la popolazione dell’est del paese come scudi umani, contro le truppe russe e delle repubbliche indipendentiste. 

Per non parlare degli indicibili crimini di guerra che le forze ucraine continuano a commettere. Questo video dove si vedono prigionieri di guerra russi barbaramente registrati nella regione di Kharkov lascia senza parole e preferiamo non pubblicarlo ma rimandarlo per chi volesse a questo link.

Non è facile controllare la veridicità delle notizie, delle foto e dei video che giungono dall’Ucraina. Per questo chiediamo ai nostri lettori di informarsi sempre a 360gradi, consultando tutte le fonti, consapevoli che in questo momento Zelensky farà di tutto per provocare una terza guerra mondiale, coinvolgendo Usa e UE nel conflitto con la Russia. In questo contesto le c.d. “linee rosse” invocate dai paesi occidentali, rappresentano un incentivo al regime di Kiev, per compiere ancora più stragi e violazioni dei diritti umani, con il solo scopo di provocare un allargamento del conflitto. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti