In Colombia non si placa la protesta. Duque militarizza il paese

In Colombia non si placa la protesta. Duque militarizza il paese

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nonostante la parziale retromarcia del presidente Duque sulla riforma tributaria non accenna a placarsi la rabbia popolare in Colombia. Il presidente fascio-liberista ha quindi deciso di inasprire le misure repressive con la militarizzazione del paese. Esercito e forze armate saranno mandate in strada per controllare e reprimere con ancora maggiore brutalità le massicce proteste nelle principali città del paese.

Questo è quanto ha reso noto Duque in un comunicato in cui ha spiegato che si affiderà alla figura dell'"assistenza militare", che proseguirà in vigore fino al termine delle proteste contro la riforma fiscale. Una riforma particolarmente avversata perché colpisce principalmente la classe media e i ceti meno abbienti, lamentano i cittadini in sciopero. 

Duque ha quindi deciso di affondare con la repressione affermando che l'assistenza militare è sancita dalla Costituzione e ha aggiunto che sarà mantenuta in coordinamento con sindaci e governatori.

La figura dell'Assistenza militare nasconde il tentativo di militarizzare il Paese per far fronte alla mobilitazione sociale contro il presidente Iván Duque, ribattono i settori popolari.

L'annuncio del presidente Duque è arrivato poco dopo che sono state registrate nuove manifestazioni nella capitale Bogotá, Cali e in altre città. Il quarto giorno di manifestazioni contro la riforma fiscale promossa dal governo. 

Nella città di Pasto, capitale del dipartimento di Nariño al confine con l'Ecuador - riporta teleSUR - un gruppo di manifestanti ha demolito la statua dell'eroe Antonio Nariño, considerato il Precursore dell'Indipendenza della Colombia.

Organizzazioni che difendono i diritti umani e movimenti sociali hanno denunciato la repressione brutale delle forze dell’ordine, in particolare degli squadroni anti-disturbo (ESMAD) contro i manifestanti.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti