"Incitamento all'Odio". Per Amnesty International Navalny non è "prigioniero di coscienza"

"Incitamento all'Odio". Per Amnesty International Navalny non è "prigioniero di coscienza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Potremmo dire a sorpresa, ma non in fondo non lo è, l'organizzazione per i diritti umani Amnesty International ha ritirato la sua definizione di "prigioniero di coscienza" per l'oppositore russo Alexéi Navalny in merito alle sue dichiarazioni discriminatorie fatte a metà degli anni 2000 e che non ha mai ritrattato o smentito.

La notizia è stata riferita ieri dal giornalista Aaron Maté del portale The Grayzone, citando un'e-mail di Amnesty International. Ulteriore conferma è stata data addirittura dal direttore dei media di Amnesty International per l'Europa orientale e l'Asia centrale, Alexander Artemiev. 

Nella e-mail citata da Maté, Amnesty International ha affermato che "non può più considerare Alexéi Navalny un prigioniero di coscienza perché ha difeso la violenza e la discriminazione e non ha ritrattato tali dichiarazioni ". 

Allo stesso tempo, l'ONG ha comuqnue precisato che l'ultima prigionia di Navalny sia "politicamente motivata" e ha chiesto il suo "rilascio immediato".

Artemiev ha ribadito a TASS che l'organizzazione "non usa più l'espressione 'prigioniero di coscienza' in relazione ad Alexéi Navalny", poiché dopo aver esaminato i video che l'oppositore ha registrato a metà degli anni 2000 il dipartimento politico e legale della ONG "ha concluso che queste dichiarazioni raggiungono il livello di incitamento all'odio". 

"Secondo i nostri regolamenti interni, questo status non può essere applicato a una persona che non ha ritirato pubblicamente dichiarazioni che possono essere considerate incitamento all'odio", ha dichiarato Artemiev, aggiungendo che il cambiamento di stato di Navalny non annulla la chiamata alle autorità russe per il rilascio lui.

Amnesty International ha riconosciuto Navalny come prigioniero di coscienza il 17 gennaio, dopo che l'oppositore è stato arrestato al suo arrivo in Russia dalla Germania, dove ha ricevuto cure dopo essere stato presumibilmente avvelenato. Artemiev ha anche sottolineato che se Navalny ritira le sue dichiarazioni, potrebbe essere considerato di nuovo un prigioniero di coscienza.

Cosa disse Navalny? 

A metà degli anni 2000, Aleksei Navalny ha registrato diversi video nei quali si riferì  ai musulmani del Caucaso e ai migranti con "scarafaggi" e suggerì di usare "pistole" contro di loro, mentre definì se stesso come un "nazionalista certificato".

Inoltre, a quel tempo l'oppositore era legato alla scena dell'estrema destra russa e partecipava alla cosiddetta "marcia russa", un movimento ultranazionalista che nutriva visioni xenofobe sia nei confronti degli immigrati che delle persone del regione del Caucaso.

Nel 2017, durante un'intervista al quotidiano The Guardian, Navalny dichiarò di non pentirsi delle sue precedenti dichiarazioni e definì la sue affermazione su migranti e scarafaggi come "licenza artistica". Lo scorso ottobre, l'oppositore aveva dichiarato alla rivista Der Spiegel di mantenere "le stesse opinioni" di quando è entrato in politica.

 

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti