VIDEO. Eurodeputata irlandese: Basta "russofobia". "Navalny è un razzista"

VIDEO. Eurodeputata irlandese: Basta "russofobia". "Navalny è un razzista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Un eurodeputata irlandese, nei giorni scorsi, ha definito "razzista" Alexey Navalny e ha criticato il Parlamento europeo per la sua "russofobia" per la sua reazione alla visita a Mosca dell'Alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri Josep Borrell.

Più di 50 membri hanno firmato la scorsa settimana una lettera in cui si condanna Borrell per non aver affrontato il Cremlino per l'incarcerazione dell'oppositore russo Navalny.

LEGGI: Fake news: guida per smascherarle di Francesco Santoianni. Un libro unico in Italia!

 

 

Tuttavia, l'eurodeputata di sinistra Clare Daly, del partito Independents 4 Change, ha sostenuto Borrell, dicendo queste parole all'Europarlamento: 

"Ascoltando l'implacabile russofobia in questo luogo, perché le persone sono sorprese dal fatto che la Russia non ha alcuna ragione di impegnarsi con l'UE? Sono felice come chiunque altra di difendere i diritti di chiunque, compreso quello di Navalny." Ha cominciato così il suo intervento Daly.

Proseguendo, senza mezzi termini, ha ricordato: "Ma siamo onesti su di lui. È un feroce razzista anti-immigrati con forse il quattro per cento del sostegno e raduna centinaia di migliaia persone in città con milioni, non è certo un movimento di massa. E non ne parleremmo affatto se fosse stato arrestato altrove piuttosto che in Russia."

L'Eurodeputata ricorda che "nel frattempo, Julian Assange è stato arrestato per aver denunciato crimini di guerra statunitensi. Domani Pablo Hasel, rapper catalano, andrà in prigione per le sue canzoni[l'intervento è avvenuto prima dell'arresto. NDT]. Dove è l'appello per chiedere sanzioni alla Spagna?"

"Domani - ha aggiunto -  Claire Glady, 62 anni, andrà in prigione in nel West Virginia per le sue proteste non violente contro Trident.

Dove è la richiesta di chiudere le relazioni con gli stati Uniti? O il clamore per le centinaia di persone arrestate in questa città. su una protesta impercettibile una settimana va. Da nessuna parte perché non si tratta di diritti umani.

Glady ha poi concluso: "Questa è l'agenda geopolitica contro la Russia alimentata da un complesso militare-industriale che ha bisogno di un nemico per giustificare i propri milioni. Ha ragione[Borrell] ad andare a Mosca perché dovremmo essere impegnati nel dialogo, non nella guerra".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti