Incontro Putin-Erdogan: A Idlib creazione di una zona smilitarizzata e nessuna offensiva militare

Incontro Putin-Erdogan: A Idlib creazione di una zona smilitarizzata e nessuna offensiva militare

Si prevede che entro il 15 ottobre i miliziani si ritireranno dall'area.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il presidente di Russia e Turchia, rispettivamente, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, hanno deciso di espellere i miliziani dalla provincia siriana di Idlib e creare in loco una zona smilitarizzata, secondo quanto riferito da RIA Novosti.


 
"Abbiamo deciso di creare una zona smilitarizzata di 15-20 chilometri in prima linea tra l'opposizione armata e le forze governative entro il 15 ottobre di quest'anno", ha dichiarato Putin.
 
"Faremo insieme alla Russia tutto il possibile per eliminare tutti i gruppi radicali da questo territorio", ha detto a sua volta Erdogan durante la conferenza stampa dopo il suo incontro con il leader russo a Sochi. "La Turchia e la Russia parteciperanno al coordinamento delle pattuglie in questo territorio" ha aggiunto il leader turco.
 
Secondo Erdogan, l'accordo con la Russia sulla situazione nell'area permetterà "di prevenire la catastrofe umanitaria che potrebbe verificarsi a causa di operazioni militari".
 

 
 
"Non ci sarà una nuova operazione militare in Idlib"
 
Gli accordi sulla Siria, raggiunti oggi dal presidente della Russia e della Turchia, indicano che non ci sarà alcuna operazione militare a Idlib, ha comuncato ai giornalisti il ??ministro della Difesa russo Sergei Shoigú.
 
 
Rispondendo alla domanda se Damasco è d'accordo con questo documento, il ministro della Difesa ha detto che le disposizioni del memorandum sulla stabilizzazione della situazione in Idlib, firmato dopo i colloqui tra Putin e Erdogan saranno coordinate con il governo siriano " nelle prossime ore. "
 
La situazione a Idlib
 
La roccaforte "ribelle" di Idlib è l'ultima provincia siriana non controllata da Damasco. La maggior parte del territorio di questa provincia oggi offre rifugio ai terroristi del gruppo estremista Hayat Tahrir al Sham, di una tendenza jihadista salafita. Tre milioni di civili rimangono nella zona.
 
Nelle ultime settimane, Mosca ha ripetutamente avvertito della eventuale preparazione di un falso attacco chimico su Idlib, che avrebbe fornito agli Stati Uniti e ai suoi alleati una giustificazione per attaccare le truppe del governo siriano.
 

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...