Intelligence russa: il regime di Kiev utilizza centrali nucleari per immagazzinare armi e munizioni fornite dall'Occidente

Intelligence russa: il regime di Kiev utilizza centrali nucleari per immagazzinare armi e munizioni fornite dall'Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Laura RU (dal suo canale Telegram)

Sergey Naryshkin, direttore dell'intelligence internazionale della Russia, ha affermato che la sua agenzia ha ricevuto informazione che le forze armate ucraine hanno utilizzato centrali nucleari per immagazzinare armi e munizioni fornite dall'Occidente. Ciò include i sistemi più costosi e rari che le forze armate ucraine stanno ricevendo per gli MRL HIMARS e i sistemi di difesa aerea, nonché i proiettili di artiglieria di grosso calibro. Diversi vagoni ferroviari che trasportavano il carico mortale dall'estero sono transitati attraverso la stazione di Rafalovka alla centrale nucleare di Rovno nell'ultima settimana di dicembre 2022.

Il piano del regime di Kiev è chiaro. Il comando delle forze armate ucraine nasconde le munizioni nelle retrovie, usando i reattori nucleari come scudi. L'idea è che le forze armate russe non prenderebbero di mira le centrali nucleari con i loro attacchi, temendo un disastro nucleare. Se i magazzini esplodono o una centrale nucleare viene distrutta da un altro missile di difesa aerea ucraino dopo che vira fuori rotta, possono sempre incolpare Mosca per la tragedia. Kiev sa che questo sarebbe il caso, considerando la tacita approvazione da parte dell'Occidente degli attacchi di artiglieria ucraini contro la centrale nucleare di Zaporozhye.

?I terroristi internazionali usano spesso metodi di questo tipo. Tuttavia, invece di prendere in ostaggio solo pochi civili, il regime di Kiev tiene in ostaggio decine o addirittura centinaia di migliaia di civili nel suo paese e nei paesi limitrofi. La nostra speranza è che non venga in mente a nessuno a Kiev di provocare deliberatamente esplosioni in questi magazzini con l'aspettativa che ciò consentirebbe loro di ottenere ancora più armi e munizioni dagli Stati Uniti e dai suoi alleati.

(Fonte: Ministero degli Esteri della Federazione Russa) @LauraRuHK

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti